Quotidiani locali

Monossido killer, sei vittime per esalazioni da stufe

Un'intera famiglia in Piemonte, due anziani coniugi in Friuli e una donna in Liguria: è il bilancio dei morti per esalazioni da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio continua a uccidere. Le esalazioni, causate probabilmente da impianti di riscaldamento difettosi, hanno fatto sei vittime oggi in Italia: un'intera famiglia nell'Alessandrino, una coppia di anziani coniugi in Friuli e una donna a Savona.

Monossido di carbonio, cos'è e come difendersi - videoscheda Il monossido di carbonio è un gas prodotto da stufe, camini, caldaie e bracieri a carbonella. Non sempre si avvertono i sintomi e gli infissi a prova di spiffero fanno saturare l'aria con rapidità. La manutenzione delle canne fumarie è la difesa migliorea cura di Pasquale Quarantamontaggio di Elena Rosiello

leggi anche:

d

Coniugi uccisi dal monossido della stufa a Dignano

Le vittime sono Giovanni Deganis e Lidiana Cargnello di Dignano. A trovarli è stata la figlia. È successo nella notte fra domenica 7 e lunedì 8 gennaio. Sul posto sono intervenuti 118, vigili del fuoco e carabinieri. Negli altri ambienti della casa i vigili del fuoco hanno trovato una dozzina di bombole di metano, con le quali la famiglia Deganis evidentemente contava di riscaldarsi


Il bilancio più grave a Vignole, in Val Borbera (Alessandria), al confine tra il Piemonte e la Liguria, dove sono morte tre persone: Luca Baroni, 49 anni, autotrasportatore, il figlio Mattia, che avrebbe compiuto 20 anni a marzo, e la compagna del padre, Maria Daniela Mele, 44 anni, parrucchiera. Abitavano in un vecchio casolare, un tempo occupato dagli operai della Filanda Borbera, dove l'aria è stata saturata, la notte scorsa, dal gas diffuso dal malfunzionamento di una stufa a metano. A dare l'allarme è stata la madre del giovane: ha cercato ripetutamente il figlio al telefono e, non ricevendo mai risposta, si è recata sul posto dove ha bussato alla porta. Dal casolare non è arrivato alcun segno di vita: così la madre di Mattia ha telefonato al 112 chiedendo aiuto. Per Baroni, il figlio e la compagna non c'era più nulla da fare: il giovane è stato trovato in pigiama su un divano, il padre a terra vicino a una finestra e la compagna dell'uomo a letto.

A Dignano (Udine) le vittime sono due anziani coniugi, Giovanni Deganis, 77 anni, e la moglie Lidiana Cargnello, 70, uccisi dalle esalazioni sprigionate probabilmente dagli apparecchi a gas con cui veniva riscaldata la loro abitazione. A trovare i corpi della coppia, riversi a terra, è stata una delle figlie. La Procura di Udine l'autopsia e ha aperto un'indagine con l'ipotesi di omicidio colposo: gli inquirenti dovranno accertare se l'eventuale malfunzionamento dell'impianto, che sarà sottoposto a perizia, sia imputabile alla responsabilità di qualcuno.

Marito e moglie trovati morti a Dignano: ecco le cause/L'intervista Una coppia di anziani coniugi è morta a Dignano a causa di una intossicazione da monossido di carbonio, sprigionatosi probabilmente dagli apparecchi a gas con cui veniva riscaldata l’abitazione. A trovare i corpi della coppia, riversi a terra, è stata la figlia. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando di Udine e i sanitari, i quali non hanno potuto fare altro che riscontrare la morte di entrambi (videoproduzioni Petrussi).

La sesta vittima della giornata a causa delle esalazioni di monossido di carbonio è una donna di 58 anni a Savona, morta nel suo appartamento in via Ceva. Si chiamava Hayet Maatoug ed era nota in città per essere la presidentessa dell'Associazione Amici del Mediterraneo e per il suo lavoro all'ufficio anagrafe del Comune. La cognata, che ha trovato il corpo questa mattina, è ricoverata in gravi condizioni all'ospedale San Paolo, forse in conseguenza dell'esposizione allo stesso gas.

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro