Menu

Ecco i lavori sulle strade mantovane

Nel prossimo triennio sul territorio mantovano saranno spesi in opere viarie più di 100 milioni di euro. Un terzo sarà a carico dell'amministrazione provinciale; al rimanente onere faranno fronte Stato, Regione e Comuni. Questo quanto risulta dal programma 2008-2010 per viabilità e trasporti adottato dalla giunta di Palazzo Di Bagno dopo due mesi di istruttoria e di incontri. Ora vi saranno 60 giorni di tempo per le osservazioni. In febbraio l'approvazione definitiva in consiglio provinciale in occasione della discussione generale sul bilancio dell'ente. Il precedente triennale è stato aggiornato e integrato con alcune significative novità.



La più rilevante, almeno per il 2008, riguarda il porto di Valdaro. «La Regione _ ricorda a tal proposito il vicepresidente Claudio Camocardi _ ha finalmente sbloccato i fondi concessi dalla Stato per la progettazione e la realizzazone di opere di urbanizzazione (1º e 2º lotto) per un importo di undici milioni e mezzo di euro. Se si considera il contributo di Autobrennero spa (10 milioni) per la costruzione della bretella di collegamento con il casello di Mantova Nord dell'A 22, si vede che per il comparto produttivo e portuale di Valdaro si è in presenza di un grande impulso. Molte altre sono comunque le opere previste, anche se ovviamente, considerando i finanziamenti a disposizione, non abbiamo potuto recepire tutte le richieste». Nella tabella pubblicata a lato figurano i lavori dell'annualità 2008, l'unica ad avere l'opportura copertura. Tra gli interventi degni di nota il primo stralcio funzionale della Gronda Nord Casalmaggiore-Viadana per il tratto da Quattrocase a Codella; il secondo lotto della strada Po. Pe. (Poggio Rusco-Pegognaga) da San Benedetto a Quistello (il terzo, riferito alla tangenziale sud di Quistello, è stato inserito nel 2009); una parte della tangenziale di Casaloldo per la 'Strada della calza'; il completamento della variante di Breda Cisoni e la realizzazione di quella di Pozzolo; l'ampliamento della Postumia tra Gazoldo e Redondesco; la realizzazione della stazione passante per gli autobus a Borgochiesanuova e del raccordo tra la provinciale 80 e la statale Abetone Brenenro in località Ponte Tedeschi di Ostiglia. Qui sarà così avviato l'adeguamento della seconda direttrice per Mantova, che qualcuno già definisce 'Ostigliese bis'. Sempre per il prossimo anno da segnalare una serie di contributi: 700mila euro della Regione Lombardia alla Provincia di Reggio per il restauro conservativo del ponte sul Po a Viadana (altri 925mila saranno stanziati nel 2009); 555mila (metà dalla Provincia) al comune di Castellucchio per la bretellina; 750mila per la rotatoria di Formigosa. Un cenno particolare merita il progetto della tangenziale di Marmirolo, da anni in sospeso. Per il primo lotto sono già a disposizione i finanziamenti (9,8 milioni); per il secondo (incluso nell'annualità 2009) si stanno reperendo i fondi, ma è assicurato il contributo della Regione per oltre due terzi dell'importo previsto. I lavori dovrebbero procedere in continuità (c'è già il progetto complessivo) per concludersi definitivamente tra il 2010 e il 2011. Le novità maggiori riguardano il 2010: riqualificazione della Postumia in comune di Redondesco; realizzazione di rotatorie a Moglia e a Goito (in quest'ultima località all'incrocio con la Postumia); variante, nell'ambito della 'Strada della calza', a Castelnuovo di Asola. Per la tangenziale di Goito (dal Contino a Marsiletti) la Provincia ha messo nel piano un contributo di 1,6 milioni di euro. Nel prossimo triennio ci saranno anche nuovi interventi per le piste ciclopedonali. Oltre al tratto Angeli-Grazie e alla riqualificazione del sottopasso Medole-Grole, da evidenziare nell'Alto Mincio la costruzione della connessione tra Sacca e Goito e nel Basso Mincio i lotti da Mantova a Pietole Vecchia e da Travata a Governolo (2008) e da Pietole Vecchia a Travata (2009).

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro