Menu

Ultraleggero precipita, si salva il pilota
E' cugino di Scotti, industriale del riso

Un ultraleggero è precipitato a Canedole di Roverbella. Il pilota è un industriale del riso. E' rimasto incastrato nell'abitacolo. Ora è ricoverato nell'ospedale di Verona. Le sue condizioni non sono gravissime

ROVERBELLA. Un ultraleggero è precipitato poco dopo le 19 a Canedole di Roverbella. Il pilota, Massimo Scotti, 54 anni, imprenditore pavese e cugino del titolare del celebre marchio di riso, è stato ricoverato nell'ospedale Borgo Trento di Verona.

Secondo le testimonianze, l'ultraleggero è precipitato subito dopo il decollo, in un campo adiacente, da un'altezza di pochi metri. Il pilota è rimasto incastrato nell'abitacolo ed è stato estratto dai vigili del fuoco. Massimo Scotti non è in pericolo di vita, ma ha diverse escoriazioni in volto e sul corpo e il polso fratturato. L'impatto poco dopo le 19 di ieri a Canedole, in località Cà Mantovane, a poche centinaia di metri dal campovolo da cui Scotti era appena partito.

Ad assistere impietrito alla scena è stato Riccardo Roncaia, imprenditore del riso di Castelbelforte, che assieme al fratello Claudio, condivide con Scotti la proprietà di una società, la Maric, che produce e vende riso.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro