Menu

Ladri svaligiano l’asilo nido Rubato il materiale didattico

Stradella di Bigarello, archivi e uffici a soqquadro, portati via anche cellulari e macchine fotografiche Il sindaco furioso: «In primavera metteremo le telecamere nel parco pubblico e di fronte alla scuola»

BIGARELLO (Stradella)

Hanno sicuramente approfittato della chiusura di fine settimana, che è coincisa anche con la fine dell'anno, per rubare nell’asilo nido di Stradella. Ad accorgersene le insegnanti quando, lunedì mattina, hanno riaperto la scuola che si trova al primo piano dell’edificio che ospita al piano terra anche la scuola dell’infanzia.

Come ha riferito il sindaco Barbara Chiesi, immediatamente informato dell’accaduto, sembra che gli ignoti malviventi abbiano forzato la porta d’ingresso, di alluminio, posta sul retro del fabbricato che si affaccia sull'ex Strada statale 10, dalla quale si accede al piano superiore e alle aule della scuola d’infanzia.

«Le insegnanti sono entrate ma non hanno notato segni particolari di effrazione sulla porta – racconta il sindaco –. Ma una vola entrate hanno trovato materiale sparso sui pavimenti, alcune porte di depositi di materiale, che erano chiuse a chiave, forzate, e la sparizione del cellulare di servizio delle insegnanti».

I ladri non si sono accontentati tanto che sono scesi al piano terra per “visitare” la scuola dell'infanzia forse sperando di trovare qualcosa di più interessante.

Anche qui hanno rovistato buttando a terra materiale didattico, rubando due macchine fotografiche digitali usate dalle insegnanti e abbandonandosi anche ad atti di vandalismo e mangiando i dolci.

Il furto. che è stato denunciato ai carabinieri di Gazzo, potrebbe essere avvenuto nella notte tra venerdì 30 dicembre e domenica primo gennaio visto che il nido è rimasto chiuso solamente dalle 18 di venerdì appunto, quando le insegnanti hanno lasciato l'edificio, e riaperto lunedì mattina alle 7,30. Poche ore, ma sufficienti alla banda per penetrare all’interno dell’edificio e metterlo a soqquadro.

Sull’odioso episodio è intervenuto il sindaco Chilesi sottolineando che in primavera sarà sistemata la zona centrale di Stradella «e in quell’occasione valuteremo l’opportunità di installare delle telecamere di videosorveglianza anche in tale zona che si trova proprio di fronte alle scuole per scoraggiare atti come questi».

Intanto sono in via di installazione, come annunciato nell’ultimo cogli comunale, due telecamere di videosorveglianza: una proprio a Stradella, nel parco pubblico De’ Andrè, e l’altra sulla piazzola ecologica di Gazzo Bigarello.

Lino Fontana

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro