Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Monti rinvia le unioni comunali. La Regione: no, aggregatevi ora

L’esecutivo: le amministrazioni sotto i 5mila abitanti hanno tempo sino a fine 2013 per associarsi. Maccari stringe i tempi: entro fine anno i paesi piccoli devono condividere i servizi fondamentali

di Vincenzo Corrado

MANTOVA

Il governo rimanda, la Regione accelera. L’ultima manovra dell’esecutivo Monti ha posticipato al 31 dicembre 2013 l’obbligo di aggregazione per i Comuni con meno di 5mila abitanti. Nel Mantovano i sindaci interessati sono 42. I primi cittadini sono incalzati dall’assessore regionale Carlo Maccari, la cui intenzione è quella di continuare il percorso verso l’integrazione tra piccoli centri, iniziata mesi fa. In definitiva, l’intenzione del Pirellone è quella di non p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

di Vincenzo Corrado

MANTOVA

Il governo rimanda, la Regione accelera. L’ultima manovra dell’esecutivo Monti ha posticipato al 31 dicembre 2013 l’obbligo di aggregazione per i Comuni con meno di 5mila abitanti. Nel Mantovano i sindaci interessati sono 42. I primi cittadini sono incalzati dall’assessore regionale Carlo Maccari, la cui intenzione è quella di continuare il percorso verso l’integrazione tra piccoli centri, iniziata mesi fa. In definitiva, l’intenzione del Pirellone è quella di non prendere in considerazione le nuove indicazioni del governo. Come a dire: i piccoli devono mettersi insieme entro il 31 dicembre 2012, come previsto dalla precedente norma. Il motivo? Razionalizzazione delle risorse e riduzione degli sprechi non possono più aspettare.

I MATRIMONI GIA’ FATTI. L’impressione è che i sindaci del Mantovano vogliano seguire le indicazioni di Maccari. L’assessore regionale, infatti, aveva convocato qualche settimana fa i primi cittadini per imporre di mettere in comune con altri paesi almeno due dei sei servizi fondamentali erogati a livello municipale. E così è stato. Gli ultimi consigli comunali dell’anno scorso sono stati caratterizzati da numerose convenzioni tra Comuni. Marcaria, Gazzuolo, Bozzolo, San Martino e Commessaggio vanno verso un’integrazione totale. Nell’Alto Mantovano, Piubega, Gazoldo e Casaloldo stanno gestendo in forma associata vigilanza e viabilità. Anche Bigarello, Villimpenta, Roncoferraro e Castelbelforte hanno siglato una partnership sugli stessi servizi. Medesimo accordo anche tra Felonica, Carbonara e Borgofranco.

E I “GRANDI”? E se per i piccoli paesi l’aggregazione è un obbligo, diversa è la situazione dei Comuni con più di 5mila abitanti. I grandi stanno da soli? Non proprio. La Regione spinge (mettendo a disposizione fondi per chi sigla accordi virtuosi e che riducano le spese dell’amministrazione) per far sì che anche i Comuni più popolosi sposino i più piccoli. Nella nostra provincia, ad esempio, Curtatone è corteggiato da più parti, specie per quanto riguarda la polizia locale. Già firmato l’accordo con Rodigo, il sindaco Antonio Badolato è corteggiato anche dai colleghi di Virgilio, Bagnolo e Borgoforte, che vorrebbero poter godere dell’operato degli uomini di Corte Spagnola.

PROSPETTIVE. In definitiva, il processo di integrazione tra Comuni è stato avviato in tutta la provincia già nel secondo semestre dell’anno passato. La sensazione è che i sindaci, visti i continui tagli dei trasferimenti statali ai Comuni, continueranno a mettere insieme le poche risorse rimaste. Più che l’entusiasmo per l’idea di municipalità “alla francese” sponsorizzata dalla Regione, a vincere, nel corso del 2012, sarà il motto “l’unione fa la forza”. O per lo meno, in tempo di vacche magre, permette limitare i danni.