Quotidiani locali

castelbelforte

«Niente scuse? E io faccio la festa del Terrone day»

CASTELBELFORTE In consiglio comunale, una voce fra il pubblico, dove anche lui sedeva, lo aveva apostrofato zittendolo con l’epiteto di “terrone”. Ma Francesco Masssimino, napoletano di nascita e da...

CASTELBELFORTE

In consiglio comunale, una voce fra il pubblico, dove anche lui sedeva, lo aveva apostrofato zittendolo con l’epiteto di “terrone”. Ma Francesco Masssimino, napoletano di nascita e da oltre vent’anni nel Mantovano, coordinatore provinciale del partito del Sud, quell’offesa l’ha voluta trasformare in un’occasione di riscossa e d’orgoglio. «L’amministrazione comunale leghista, il sindaco, il vice, non mi hanno ancora presentato le scuse – spiega –. E io allora rilancio. Faremo a Castelbelforte una festa e la chiameremo “Terrone day”. Perché per noi essere meridionali è un orgoglio. E terrone vuol dire legato alla terra, ai campi, dai quali tutti, chi più , chi meno, siamo originari».

I dettagli della manifestazione non sono ancora noti, ma l’idea sì. Anima e cuore, voglia di raccontare apertamente che essere meridionali al nord vuol dire sgobbare, lavorare, contribuire al benessere di tutti. «E non dividere l’Italia fra su e giù – spiega Massimino –. Noi non siamo i leghisti del Sud, non vogliamo un’Italia spezzettata. Crediamo in uno stato unitario, ma dove il Meridione abbia il ruolo che merita, di cerniera con il Mediterraneo e non solo di esportatore di forza lavoro».

E non è un caso che proprio nella provincia che ha visto la nascita del parlamento del Nord, voluto dalla Lega a Bagnolo San Vito, nel 2009 le elezioni amministrative abbiamo visto il debutto di due liste, a Suzzara e Virgilio, del Partito del Sud. Esperienze che oggi Massimino vuole rilanciare cercando di dare una casa comune alle aspirazioni di coesione meridionalista nella nostra provincia. I prossimi appuntamenti saranno le elezioni comunali a Castiglione delle Stiviere, dove esiste un forte gruppo di napoletani, ma anche l’apertura di una sede provinciale. E l’organizzazione del “terrone day” potrebbe preludere al congresso nazionale del partito del Sud proprio a Mantova. Un sogno che Massimino coltiva. «Questa è la provincia che è stata identificata con il leghismo – conclude il leader provinciale meridionalista –. E sarebbe il massimo poter proprio qui (affermare le nostre idee. (fr.r.)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista