Menu

gazzuolo

Calano contributi e entrate ma cresce la spesa sociale

GAZZUOLO Anche quest'anno è stato sottoscritto in muncipio l’accordo con i sindacati Cgil, Cisl e Uil e dei pensionati a conclusione della procedura di consultazione e concertazione sulla...

GAZZUOLO

Anche quest'anno è stato sottoscritto in muncipio l’accordo con i sindacati Cgil, Cisl e Uil e dei pensionati a conclusione della procedura di consultazione e concertazione sulla predisposizione del Bilancio di Previsione 2012.

L’amministrazione comunale era rappresentata dal sindaco Loris Contesini e dal vice sindaco Enzo Benedetti, per i sindacati c’erano Carlo Falavigna, Tommaso Salvato e Giovanni Berra, affiancati da una delegazione dei pensionati locali.

Nel corso degli incontri sono stati analizzati il bilancio di previsione 2012 sotto l’aspetto sociale, sottolineando in particolare le gravi difficoltà dovute alla pesante riduzione delle risorse destinate dallo Stato e dalla Regione. Per il secondo anno consecutivo i tagli dei trasferimenti ai Comuni avvengono senza nessuna attenzione rispetto al grave momento economico che colpisce con accanimento le economie territoriali con conseguente riduzione drastica dei posti di lavoro che per i Comuni significa accollarsi l'aumento della domanda di assistenza alle famiglie. Per il 2012 ai tagli dello Stato (eliminati anche i 32mila euro previsti per l'alto tasso di ultrasettantenni) si aggiungono quelli della Regione Lombardia che riguardano il sostegno agli affitti, il trasporto pubblico locale l'azzeramento del fondo per la non autosufficienza e la riduzione dei fondi per le politiche sociali.

Il bilancio comunale inoltre soffre per un costante calo delle entrate di Irpef e oneri di urbanizzazione. Comune e sindacati hanno concordato che è prioritario tutelare le fasce più deboli e la lotta alle povertà per una società omogenea e solidale.

Nel bilancio comunale la spesa sociale sarà di 230mila euro (9,52% in più rispetto al 2011). Per la lotta all'evasione fiscale è stato sottoscritto un protocollo d'intesa con l'agenzia delle entrate. Nell’accordo è stata mantenuta l’addizionale Irpef dello 0,5% mentre per i pensionati viene mantenuta l'esenzione a 10mila euro.

La dotazione quantitativa delle risorse per l’intervento a favore delle famiglie colpite dalla crisi e in difficoltà sarà di 10mila euro. La soglia di esenzione Isee verrà portata a 7500 euro.

«Tutti questi sacrifici – assicura il sindaco Contesini - non comporteranno comunque riduzioni di qualità e quantità dei servizi erogati».

Stefano Rasori

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro