Quotidiani locali

Telefonate allarmistiche: la Procura apre un’inchiesta

L’ipotesi di reato è procurato allarme: chi chiamava preannunciava scosse imminenti inducendo scuole e aziende all’evacuazione

MANTOVA. La procura della Repubblica di via Poma avrebbe già aperto un'inchiesta, con l'ipotesi di procurato allarme, relativa alle telefonate che mercoledì mattina hanno provocato il panico e costretto all'evacuazione vari edifici pubblici, uffici amministrativi e scuole.

In molti casi è stato riferito di telefonate di sedicenti "responsabili della protezione civile" che invitavano a lasciare gli edifici per un'imminente scossa sismica di elevata intensità. Tutte comunicazioni rivelatesi false.

Trova Cinema

Tutti i cinema »

In edicola

Sfoglia Gazzetta di Mantova
su tutti i tuoi
schermi digitali. Il primo mese è gratis.

Abbonati Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana