Menu

Rischio sismico accertato per 45 edifici pubblici

Le verifiche della Regione in 21 Comuni dell’Alto Mantovano e della Bassa. Nell’elenco scuole, teatri, ma anche tribune calcistiche e biblioteche

di Francesco Romani

MANTOVA

Nei 21 comuni mantovani in cui i terremoti fanno relativamente più paura (classe 3) 191 edifici pubblici hanno superato largamente le prove, 43 sono considerati a rischio sismico moderato e due vanno adeguati. È l’esito delle verifiche eseguite dalla Regione e i cui dati sono stati resi noti a otto anni dalla legislazione d’urgenza che imponeva questo tipo di controlli. I due edifici pubblici risultati più a rischio di crolli sotto le spinte di un sisma sono l’ufficio tecnico di Medole (indice 54.9) e la materna di San Giacomo delle Segnate (indice 53.8). Per il primo, il Comune prevede il trasferimento nella nuova sede municipale, all’interno di palazzo Ceni che è in via di ristrutturazione. A San Giacomo l’amministrazione, che aveva già previsto lavori prima della verifica della Regione, ha subito varato un progetto di consolidamento statico da 200mila euro ed è in attesa del possibile finanziamento regionale da 60mila euro.

Media vulnerabilità

Le verifiche sono state compiute sul campo da tecnici della Regione che hanno ispezionato 277 edifici fra scuole, oratori, palestre, biblioteche, teatri, tribune calcistiche. Quelli, in sostanza, dove sono previsti assembramenti e un forte terremoto può teoricamente causare un gran numero di vittime, ma anche quelli ritenuti “indispensabili” ai fini della gestione dell’emergenza e della ricostruzione post sisma come municipi, torri, magazzini pubblici. L’indagine non si è conclusa con un “certificato” antisismico, ma con l’assegnazione di un indice di vulnerabilità che equivale, alla probabilità di rischio crolli: più alto è l’indice, più l’edificio è ritenuto strutturalmente insicuro in caso di forti terremoti. Appena sotto la classe più alta, che obbliga i comuni a successive verifiche e ad avviare soluzioni con una certa sollecitudine, c’è quella di media vulnerabilità per le quali la Regione non dà indicazioni in merito.

Il caso Castiglione

L’input è però chiaro: alcuni edifici, o parti di essi, necessitano di maggior attenzione perché eventi sismici ripetuti potrebbero provocare crolli parziali o instabilità strutturale. È il caso di alcuni edifici di Castiglione delle Stiviere, uno dei comuni della zona morenica, che assieme al Destra Secchia e a Viadana è nella classe sismica più a rischio e quello con i maggiori edifici storici. Biblioteca, Scuole elementari di San Pietro, teatro Sociale e Municipio superano l’indice 40 di vulnerabilità. Nel Municipio, ad esempio, il portico centrale e la sala consiliare hanno una probabilità del 20% di rimanere danneggiati in caso di un sisma di forte intensità.

Oratori e municipi a rischio

La stessa classe di rischio (fra 40 e 50 nell’indice di vulnerabilità) accomuna anche gli oratori di Medole e Cavriana nonché i municipi di Monzambano, Viadana e Volta Mantovana, ma anche la torre di Castellaro Lagusello.

Sicurezza nelle scuole

Ricordato nuovamente che si tratta pur sempre di ragionamenti all’interno di un rischio sismico considerato di bassa intensità, ogni Comune si è comportato autonomamente di fronte all’obbligo di verificare l’adeguamento sismico dei propri edifici e dell’attribuzione della classe di vulnerabilità da parte della Regione. Ad esempio Sermide ha disposto nel 2010 una verifica sismica delle proprie 5 scuole, che sono risultate tutti in regola e altrettanto ha fatto Poggio Rusco (4 scuole). Viadana (12 edifici scolastici) dopo una verifica ha avviato un progetto di consolidamento della elementare di Cogozzo (70mila euro) mentre Castel Goffredo (7 edifici scolastici) ha concentrato la propria attenzione sulla Torre civica. Gonzaga (4 edifici) ha recentemente affidato un incarico, dopo la scoperta di crepe nella Elementare. Nessuna verifica, al momento a Guidizzolo (3 scuole) che sta costruendo un nuovo polo per l’infanzia, Volta Mantovana (3 scuole) e Moglia (4 scuole) dove, va comunque ricordato, ogni edificio pubblico è agibile e dotato di idoneità statica. E molti comuni si muovo d’anticipo, come Solferin che ha aperto una nuovissima scuola interamente antisismica.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro