Quotidiani locali

«Una nuova casa di riposo e solo promesse realizzabili»

Il candidato di Insieme: siamo una lista assortita ed equilibrata, puntiamo sul fare squadra Nel programma la valorizzazione del patrimonio pubblico e più spazio a sport e ciclabili

CASTEL GOFFREDO. Continuità con l’amministrazione uscente, la cui eredità amministrativa è raccolta dalla lista. Ma anche volontà di rinnovamento per un gruppo che si presenta come «la squadra più omogenea ed equilibrata» spiega il suo leader. La riprova sta nello slogan “Uniti si può” che caratterizza Insieme per Castel Goffredo che candida a sindaco Nazzareno Uggeri.

Nato nel 1965, castellano doc, tre figlie (17, 12 e 2 anni), Uggeri si è laureato in economia e commercio a Parma ed ha subito iniziato a lavorare. La scelta era obbligata: l’azienda che la madre e lo zio hanno avviato, la Fulgar, e che è una delle espressioni più significative dell’intraprendenza castellana nel settore della calza e della quale oggi è il responsabile acquisti. Uomo concreto e moderato, Uggeri, iscritto a Forza Italia e poi al Pdl, nel 2004 è stato eletto consigliere comunale nella maggioranza di centrodestra guidata dall’allora sindaco Annamaria Cremonesi. Dopo 4 anni seduto sui banchi del consiglio, quattro mesi prima della caduta della giunta, Uggeri viene chiamato dalla Cremonesi ad assumere il ruolo di assessore al bilancio. Un incarico che mantiene anche nei successivi cinque anni con il sindaco Mauro Falchetti.

«In fine mandato – spiega Uggeri – Falchetti ci ha comunicato l’intenzione di non ricandidarsi e contemporaneamente la volontà che fossi io a prendere in mano la lista, in quanto persona in grado di ricucire all’interno dei moderati». Uggeri presenta il suo progetto ai vertici provinciali del Pdl, poi inizia a lavorare localmente anche con Lega e Fratelli d’Italia. «Salvo poi scoprire successivamente che il Pdl provinciale aveva puntato su un’altra persona». L’effetto è che la lista Uggeri non ha il simbolo pidiellini e, per riflesso nemmeno quello del Carroccio. «Certo avrei preferito l’unità del centrodestra – dice –. Ma alla fine l’importante è avere persone e idee giuste. E noi le abbiamo».

Il programma è estremamente ricco, ma anche fattibile, senza promesse a vuoto. «Sono l’assessore al bilancio uscente – sorride –. I conti li conosco e sono abituato a dire le cose come stanno». L’impegno maggiore è sul fronte sociale, con la proposta di costruzione di una nuova casa di riposo da 80-100 posti, dei quali 20 per malati d’Halzheimer. «Un sostegno alle famiglie che vivono questo problema – sottolinea Uggeri –. Ma oltre alla nuova rsa, ci interessa mantenere il patrimonio, come le scuole che vanno rinnovate, o gli impianti sportivi che vanno migliorati e accresciuti o le ciclabili che vanno collegate». Il Comune faciliterà anche la trasformazione dei capannoni industriali dismessi con nuove attività volte a creare spazi di aggregazione per i giovani, come discoteche, bowling o campetti da calcetto; oppure in aree commerciali, e fronte strada. Infine sulla piscina: «Opera che alla fine abbiamo finanziato con la vendita di aree e con un mutuo da 2 milioni senza interesse, perché la regione Lombardia ha riconosciuto il valore sociale dell’impianto»

Trova Cinema

Tutti i cinema »

In edicola

Sfoglia Gazzetta di Mantova
su tutti i tuoi
schermi digitali. Il primo mese è gratis.

Abbonati Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana