Menu

Suzzara, sì al regolamento sulle unioni civili
Barbi (Lega): "I gay? Sono malati"

Approvati i tre emendamenti della maggioranza. Ma Paolo Coppola di Alternativa si è astenuto. L' opposizione è spaccata. Bufera sulle parole del leghista

SUZZARA. Suzzara ha approvato il regolamento sulle unioni civili. Dopo un vivace dibattito durato tre ore, ieri sera in consiglio comunale, alle 23.58 è stato approvato con tre emendamenti, tutti approvati a maggioranza il sofferto documento. Al voto non ha partecipato il gruppo di Iniziativa mentre tutto il Pd, Vecchia compreso, ha votato positivamente. L’unico astenuto è stato Paolo Coppola (Alternativa) mentre contro hanno votato Guiducci (Alternativa) e Barbi (Lega). Barbara Franceschini (Lega) e Nicola Bianchera (Alternativa) hanno votato a favore. Nella sostanza resta quanto è stato concordato dal Pd nel proprio emendamento. L

a lunghissima discussione di ieri sera dell’unico punto all’ordine del giorno era iniziata con le scintille fra il capogruppo di Alternativa, Alessandro Guiducci, che ha segnalato la presenza del rappresentante dell’Arcigay, Davide Provenzano, seduto fra gli assessori. Alla fine si è giunti alle parole forti con Guiducci che ha accusato il presidente del consiglio Aldo Davide Vecchia di essere «un piccolo Stalin». Dubbi anche da parte del consigliere del gruppo misto Maria Luisa Melli. Per Coppola, il caso delle unioni civili dimostra che «Vecchia ha perso la sua obiettività».

Provenzano ha detto di augurarsi che «Suzzara scriva una pagina di storia» approvando un regolamento innovativo. Intervenuti quindi l’assessore Maria Pia Aldrovandi prima della illustrazione dei 4 emendamenti. Barbi (Lega Nord), criticato da tutti, ha definito «malati» i gay. Il sindaco Wainer Melli ha difeso il regolamento, mentre per Coppola questo strumento «è solo usato per farsi belli prima delle elezioni comunali»

 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro