Menu

Caso Tipaldi, il Pd al prefetto
«Vogliamo chiarezza»

Lunedì l'incontro a Palazzo di bagno. La segretaria provinciale Forattini: «No ai processi sommari ai nostri iscritti Ma deve emergere la verità». La Baracca: «Su Tipaldi attacchi strumentali»

VIADANA. Il Pd provinciale interviene sulla vicenda del presunto coinvolgimento di propri esponenti in vicende che sembrano portare alla malavita organizzata di stampo mafioso. E lo fa ai massimi livelli, con il proprio segretario provinciale che lunedì incontrerà il prefetto alla presenza dei parlamentari del partito e del consigliere regionale. La volontà espressa chiaramente da Antonella Forattini è quella di non lasciare nulla di intentato «per evitare che vengano ingiustamente infangate persone incensurate, ma anche che restino ombre all’interno del partito. Per questo ho chiesto direttamente un incontro al prefetto». Piccolo passo indietro per capire.

Già un primo pesante documento interno promosso nell’aprile scorso da Claudio Meneghetti, esponente mantovano del Pd, puntava l’attenzione su possibili infiltrazioni mafiose nel partito viadanese. La lettera si basava sulle presunte parentele fra l’assessore Carmine Tipaldi, originario del calabrese, ed esponenti della ’ndrangheta. Il caso esplose in novembre, quando questo documento entrò nel programma del candidato alle primarie Pd Luca Odini. Tipaldi smentì, annunciando una querela a Meneghetti, e tacitò le polemiche ricordando di essere stato inserito nella white list della prefettura, l’elenco delle aziende giudicate esenti dal rischio di infiltrazione mafiosa. La “prova” che lo Stato riponeva fiducia in lui e nella sua azienda. Ora spunta una intercettazione di quasi otto anni fa nella quale un boss, Nicola Lentini, si sarebbe vantato di controllare la Bassa Mantovana («Viadana è nostra»). E nella telefonata, Lentini racconterebbe di non essere solo. Nomina un certo Carmine Pizzimenti, figlio di Santo. Per la Dda, che ha intercettato la telefonata, Pizzimenti sarebbe in realtà Tipaldi e quella intercettazione sette anni dopo viene inviata alla Prefettura di Mantova che sta rilasciando la white list perché la valuti. Che peso dare a quelle parole? E che ruolo ha avuto Tipaldi?

Ancora una volta Tipaldi ha smentito, inoltre la prefettura, il certificato della white list l’ha rilasciato, implicitamente facendo cadere eventuali accuse. «Non solo – spiega Cesarina Baracca, esponente del Pd viadanese ed ex assessore provinciale –. L’esame della white list è complesso. Si viene esclusi per molto meno. Ma Tipaldi non risulta indagato. Non si può continuare con la cultura del sospetto. E se anche uno fornisce le prove della propria innocenza continuare con accanimento. Qualcuno ha detto che questa vicenda ha spaccato il Pd. Non è vero. È invece più corretto dire che se il Pd non fosse stato già spaccato, questa vicenda non sarebbe emersa». Quindi dietro a questo c’è una fazione del Pd contro l’altra? «Dico che Tipaldi è iscritto nel Pd da oltre dieci anni. E la tessera gli è sempre stata rinnovata, come sa bene il presidente del consiglio Gabriele Oselini. Ma invece questi attacchi a Tipaldi emergono solo dopo che nel Pd sono emersi conflitti interni. Infine gli onorevoli Giovanna Martelli e Marco Carra già a novembre scorso, e il sindaco Giorgio Penazzi, martedì, sono andati dal prefetto a chiedere lumi sulla vicenda. E tutti si sono sentiti rispondere che su Tipaldi non c’è nulla».

E proprio per chiarire, il segretario provinciale del Pd ha convocato ieri sera i parlamentari e il consigliere regionale. Per fare il punto sulla spinosa situazione, ma anche per confrontarsi internamente. «La vicenda va affrontata senza nascondersi dietro un dito – conclude la segretaria provinciale – . Il tema è importante. Sicuramente va garantito a ciascuno di non essere oggetto di processi personali e sommari, perché la forza del nostro partito sta anche nel garantismo. Ma affronteremo con la massima chiarezza tutto, nella convinzione che solo superando le eventuali strumentalizzazioni possa emergere la verità».

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro