Menu

«Apra, siamo carabinieri»
E le rubano oro e contanti

Casalromano. In due entrano nell’appartamento di una 76enne e chiedono di ispezionare la casa. Uno distrae la donna con un finto cartellino di riconoscimento, l’altro ripulisce la camera da letto. Colpo da venticinquemila euro

CASALROMANO. Ennesimo odioso raggiro ai danni di una persona in età avanzata. Hanno finto di essere due carabinieri in borghese, sono entrati in casa di un’anziana e mentre uno distraeva la donna, l’altro ha preso contanti e gioielli per un totale di circa 25mila euro. È successo ieri mattina a Casalromano.

Siamo a metà mattinata. Due uomini suonano il campanello di V.C., classe 1938. «Carabinieri, signora. Dobbiamo fare un controllo». La pensionata, crede di fare il suo dovere aprendo il cancello. Aspetta i due sulla porta di casa. «Siamo qui perché molto probabilmente in casa sua sono entrati i ladri». La donna rimane sconvolta, non si è accorta di niente. E infatti i veri malviventi se li sta per mettere in casa lei stessa. I due truffatori entrano nell’appartamento dopo aver esibito due tesserini falsi con la scritta Carabinieri.

Sono due pezzi di carta senza alcun valore, ma V.C. non può saperlo. Una volta accomodatisi in soggiorno, i truffatori fanno una serie di domande, inventandosi di essere in giro da ore sulle tracce di alcuni topi d’appartamento che avrebbero fatto razzia in zona. Giocano sul campo emotivo, spingono la donna a fidarsi, tanto che è lei stessa ad accompagnare i due finti carabinieri in camera da letto. In un cassetto ci sono braccialetti, catenine e anelli d’oro. In un altro nascondiglio circa 15mila euro in contanti.

L’anziana tira un sospiro di sollievo. Crede di averla scampata bella. Inconsapevolmente rende molto più agevole il lavoro dei ladri. Dopo essere tornati in soggiorno, il gatto e la volpe decidono di passare alla seconda parte del piano. Uno dei due prende le generalità della donna, le dice che bisogna stare attenti perché i delinquenti sono sempre pronti ad approfittare delle persone di una certa età e via discorrendo. Nel frattempo il complice, forse con la scusa di dover andare al bagno, torna nella zona notte. A questo punto il colpo è facile facile: si riempie le tasche con i gioielli e i soldi, poi torna in soggiorno. Con un cenno d’intesa fa capire al finto collega carabiniere che è tutto a posto e che è tempo di darsela a gambe. Ovviamente la recita continua anche quando i due salutano la donna, la ringraziano per la collaborazione e se la squagliano. In tutto sono rimasti nella casa della 76enne poco più di dieci minuti. È stato un colpo veloce ma che ha regalato un bottino molto ricco. La donna richiude la porta e torna alle sue attività domestiche. Solo dopo una mezz’oretta si accorge che è stata derubata. Scatta la chiamata ai carabinieri. Ora i militari della stazione di Canneto stanno indagando sull’accaduto e si sono messi sulle tracce dei due truffatori.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro