Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Festivaletteratura: eventi di venerdì 5 settembre

Un ricco programma di incontri, reading e rappresentazione teatrali anche nella  terza giornata del Festivaletteratura 2014

9.00 • piazza leon battista alberti • ingresso libero
Jurica Pavičić con Alberto Notarbartolo
LE PAGINE DELLA CULTURA
 
9.00 • palazzo ducale - sale del capitano • € 8,00
Ludosofici
LA PIEGA SPIEGATA, OVVERO LA SPIEGA DELLA
PIEGA! per bambini e adulti dai 7 ai 12 anni accompagnati dai genitori
Andando in giro per monumenti e musei, avrete sicuramente sentito parlare di
stili: quello romanico, quello gotico, quello rinascimentale... Gli stili sono tanti
e ognuno è espressione di un’epoca e di un modo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

9.00 • piazza leon battista alberti • ingresso libero
Jurica Pavičić con Alberto Notarbartolo
LE PAGINE DELLA CULTURA
 
9.00 • palazzo ducale - sale del capitano • € 8,00
Ludosofici
LA PIEGA SPIEGATA, OVVERO LA SPIEGA DELLA
PIEGA! per bambini e adulti dai 7 ai 12 anni accompagnati dai genitori
Andando in giro per monumenti e musei, avrete sicuramente sentito parlare di
stili: quello romanico, quello gotico, quello rinascimentale... Gli stili sono tanti
e ognuno è espressione di un’epoca e di un modo di pensare. I Ludosofici (Tu
chi sei?), dopo aver visitato alcune stanze di Palazzo Ducale, vi porteranno a
scoprire cosa significa Barocco, attraverso un laboratorio dove specchi, buchi,
scatole, candele, pieghe e drappeggi vi faranno da guida!
In collaborazione con la direzione del Palazzo Ducale di Mantova. Il biglietto
d’ingresso comprende la visita al museo.
 
10.00 > 23.00 • famedio • € 2,00 (biglietti in vendita sul luogo dell'evento)
CARO PADRE, VIDIRÒ... Installazione sonora di Marco Olivieri, Fabrizio
Orlandi, Claudio Ponzana
la grande guerra - voci e storie di soldati
 
 
10.00 • la zanzara • € 6,50
Nicoletta Lanciano con la partecipazione di Roberto Casati
IL NOSTRO POSTO SUL MONDO
Esperienze astronomiche diurne con il “mappamondo parallelo”
laboratorio per adulti
 
 
10.00 > 20.00 • palazzo Ducale - atrio degli arcieri • ingresso libero
IL PALAZZO DELLE FIABE
a cura di Luca Scarlini
 
 
 10.00 • spazio studio s. orsola • € 4,00
Pef con Maria Sole Boni
BUON COMPLEANNO MOSTRO PELOSO!
dai 3 ai 5 anni
 
 
LE PAROLE DEL CIBO in collaborazione con grana padano
Non si mangia più come una volta. Sono cambiati i nostri ritmi di vita, il
tempo che dedichiamo alla tavola, l’attenzione a come il cibo infl uisce sulla
nostra salute e sul nostro benessere. Sono cambiati i sistemi di produzione
degli alimenti, il nostro rapporto con la terra in un’era di progressivo consumo
di suolo e di accresciuta sensibilità ambientale. È cambiato il modo con
cui ci rapportiamo alla nostra tradizione: rinasce il piacere della socialità
e della condivisione nella preparazione dei piatti, riscoprendo e insieme
reinterpretando ricette, pratiche e riti che rischiavano di scomparire.
Occorre dunque iniziare a pensare e parlare di alimentazione in modo diverso.
Festivaletteratura propone quest’anno le parole del cibo: sette appuntamenti
alla Tenda dei Libri con scrittori, esperti e produttori per dar
vita a un nuovo vocabolario da utilizzare in cucina.
 12.00 Libero con don Luigi Ciotti, degustazione a cura di Libera
Coordinamento di Mantova
• giovedì 4 ore 19.00 Anfora, cemento, botte
grande con Giovanni Bietti con Eugenio Barbieri, Elisabetta Foradori e Giuseppe
Rinaldi con degustazione dei vini • venerdì 5 ore 12.00 Nutrizionismo
con Michael Pollan, degustazione a cura di Pro Loco di Castel Goff redo •
venerdì 5 ore 19.00 Zaff erano con Hans Tuzzi, degustazione a cura di Pro
Loco di Castel Goff redo • sabato 6 ore 12.00 Tipico con Alessandro Marzo
Magno, degustazione a cura di TuberFood – Fiera del Tartufo di Borgofranco
sul Po • sabato 6 ore 19.00 Minestrina con Lella Costa, degustazione a
cura di TuberFood – Fiera del Tartufo di Borgofranco sul Po • domenica 7 ore
12.00 Resilienza con Hans Rudolf Herren, degustazione a cura della Condotta
Slow Food di Mantova. Dopo ciascun incontro, nello spazio della Tenda dei Libri, alcune realtà
signifi cative del territorio prepareranno una degustazione di prodotti
emblematici sempre accompagnati dal Grana Padano. I piatti e
i costi di ciascuna degustazione saranno resi noti durante il Festival.
 
 
UN’IDEA DI CITTÀ. Un’idea di città è un progetto articolato in sei incontri che nasce dalla collaborazione
di Festivaletteratura con l’Accademia Nazionale Virgiliana, dedicato alla città storica, ai suoi problemi e alle sue prospettive . I primi due incontri, che fanno parte del programma del Festival – evento 172,
sabato 6 ore 17.45, osservare il paesaggio da una panchina ed evento 211,
domenica 7 ore 12.00, ascoltare la città contemporanea – sono dedicati alle
tematiche generali della città storica italiana ed europea, alle diffi cili relazioni
fra passato, presente e futuro. Tre successivi incontri, nei mesi di Ottobre e Novembre, organizzati dall’Accademia Virgiliana, aff ronteranno il tema della città storica di Mantova, dalla
sua formazione, alle trasformazioni passate e recenti, alla situazione ed ai problemi
attuali. Il progetto si concluderà nel mese di Dicembre con un ultimo evento, organizzato
in collaborazione da Festivaletteratura e Accademia Virgiliana, dedicato
ad un confronto aperto sulle opportunità, le prospettive, le speranze che oggi
si aprono per la città di Mantova.
 
10.00 • piazza Lega Lombarda • ingresso libero
La Compagnia della lettura coordinata da Luca Scarlini
FIABE D’AUTORE DEL NOVECENTO
 
 10.00 • tenda Sordello • ingresso libero
Giuseppe Antonelli
QUANDO C’ERA EGLI. La scrittura nella nostra storia linguistica non è stata soltanto appannaggio
delle classi più elevate. C’è una poderosa massa di documenti, privati o semipubblici,
che testimonia un più diff uso ricorso alla lingua scritta, vuoi per fi nalità
pratiche, vuoi per contingenze storiche. Da queste pagine – secondo Giuseppe
Antonelli (Storia dell’italiano scritto) – affi ora per secoli la lingua di un’altra Italia,
che con il digitale ha defi nitivamente sfondato gli argini.
 
10.00 > 20.00 • archivio di stato - sacrestia • ingresso libero
I SOLDATI NEGLI ARCHIVI
laboratorio di ricerca sui ruoli matricolari militari
la grande guerra - voci e storie di soldati
 
10.00 • sagrestia di San Barnaba • € 15,00
PUNTO DOPO PUNTO
Laboratorio e chiacchiere sulla maglia con Emma Fassio
tiene il filo del discorso Chiara Carminati
Un filo che intrecciandosi costruisce punto dopo punto un oggetto caldo e
avvolgente. Potrebbe sembrare la ricetta per costruire un racconto, invece è
quella per la realizzazione di un capo a maglia. Rileggendo la lunga tradizione
del lavoro a maglia con più ferri, che si potrebbe far risalire a un paio di calze
realizzate nel IV-V secolo in Egitto esposte ora presso il Victoria and Albert
Museum di Londra, Emma Fassio, autrice del primo manuale italiano dedicato
alla "maglia top-down", vuole farci riscoprire quest’aff ascinante arte. Con lei,
appassionati e neofi ti potranno sperimentare la tecnica del gioco di ferri in un
laboratorio dove farà incursione un ospite del Festival, che discuterà con Emma
di storia, fenomenologia, culto e cultura della maglia.
Il laboratorio prevede la distribuzione di un kit completo per un un paio di calzini da
eseguirsi con gioco di ferri e ha una durata minima di due ore e mezza, durante le
quali verranno impartite le istruzioni necessarie alla loro realizzazione. La fruizione è
aperta sia ad un pubblico già “esperto” di maglia sia ai più “inesperti”.
 
 10.00 • cortile dell’archivio di stato • € 5,00
Teju Cole con Diego De Silva
LE MIE CITTÀ ascolto il tuo cuore, città
New York e Lagos. Cosa hanno in comune città così diverse? Sono le due
patrie di Teju Cole, critico d’arte e fotografo, oltre che scrittore premiato dalla
critica e dai lettori. Lo scrittore di origine nigeriana le racconta con uno stile
unico, che tradisce la passione per le arti visive e gli permette di aprire nuove
prospettive nel romanzo contemporaneo, come accade in Ogni giorno è per il
ladro e soprattutto nel suo capolavoro Città aperta. Lo incontra Diego De Silva.
www.clover-italia.com
 
10.15 • museo diocesano • € 6,50
 Nadia Nicoletti
I PROFUMI DELL’ORTO
laboratorio aromatico, dai 5 ai 9 anni
C’è chi sostiene che annusare un rametto di rosmarino faccia venire il buon
umore, e chi dice invece che il suo odore pungente sia un toccasana per la
memoria. La cannella ha un profumo dolcissimo, e fi n dall’antichità è stata usata
per olii e unguenti per il corpo. Narici ben aperte dunque per questo laboratorio
di Nadia Nicoletti (L’insalata era nell’orto), dove si insegna a coltivare il rosmarino
per dare sapore agli arrosti e a preparare lo zucchero alla cannella per profumare
il tè e le tisane durante l’inverno. Alla fi ne del laboratorio ogni bambino porterà a
casa la sua pianta di rosmarino, da accudire per tutto il tempo dell’anno.
 
10.15 • palazzo ducale - portico del cortile d’onore • € 5,00
Yeng Pway Ngon con Elisabetta Bucciarelli
DICKENS A SINGAPORE
Nato a Singapore da una famiglia di origini cantonesi, Yeng
Pway Ngon è scrittore, poeta e drammaturgo, libraio. Ha
animato diverse riviste letterarie e culturali di Singapore e collaborato come
editorialista con diversi quotidiani di Hong Kong. Con L’atelier, inserito tra i
migliori romanzi del 2011 dalla rivista Asia Weekly di Hong Kong, ha collezionato
i maggiori premi asiatici per la narrativa. L’atelier infatti oltre a off rire al lettore
un punto di vista privilegiato su Singapore, è ricco di storie, personaggi, luoghi,
immagini, quadri. Toccherà a Elisabetta Bucciarelli (Scrivo dunque sono) il
compito di guidarci nel ricco cantiere narrativo dello scrittore.
con il contributo di National Arts Council Singapore
 
10.15 • aula magna isabella d’este • € 6,50
Sualzo e Silvia Vecchini
CARTOLINE DA TUTTO IL MONDO (E ANCHE OLTRE)
dai 5 ai 7 anni
Gaetano ha un giorno di vacanza e cosa c’è di meglio che passarlo con l’amica
Zolletta? Bisogna solo trovare il posto perfetto. E magari poi mandare anche
agli amici una cartolina. E qui lo aiuteranno i bambini, che, insieme a Sualzo e
Silvia Vecchini, realizzeranno bellissime cartoline, con relativi francobolli per il
piccolo asino, protagonista di un originale graphic novel per piccoli.
 
 10.30 • sagrestia di san barnaba • € 6,50
Parco Archeologico del Forcello e Gianfranco Allari
RACCONTI DI ZUPPE
Archeologia etrusca in cucina
Cosa si mangiava nelle nostre campagne 2.500 anni fa? Gli scavi e le ricerche
condotte nel sito etrusco del Forcello di Bagnolo San Vito ci forniscono
numerose informazioni su quanto i nostri predecessori avessero a disposizione
in cucina. Ma mettere tutto insieme per preparare una ricetta gustosa è un’altra
cosa. La sfida è stata raccolta dal maestro cuoco Gianfranco Allari di “Le
Tamerici” che, chiacchierando di cucina di ieri e di oggi con lo staff del Parco
Archeologico del Forcello, preparerà una zuppa di cereali e legumi. All’assaggio
del pubblico il giudizio finale!
 
10.45 • master • € 6,50 •
Associazione per il Parco-MASTeR e Riccardo Govoni
CERVELLO CERCASI
dai 10 ai 13 anni
Memoria, sensazioni, emozioni, illusioni… In tutto ciò entra in campo da
protagonista il cervello. Ma in che modo? E chi l’ha scoperto? Con quali
esperimenti? Cosa sono i neuroni della linguaccia? C’è elettricità nel cervello?
A questa ed altre domande risponderanno alcuni studiosi del passato e del
presente che nel corso della loro storia si sono dedicati allo studio di questo
prodigioso organo. E naturalmente non mancheranno i test in diretta con
volonterose cavie delle percezioni. Conduce l’incontro Riccardo Govoni.
Servizio navetta APAM: partenza da piazza Sordello ore 10.15, ritorno dal MASTeR ore 12.45
 
 10.45 • chiesa di Santa Maria della Vittoria • € 5,00
Mourid Barghouti con Elena Chiti e Ramona Ciucani
TRANSLATION SLAM
Il translation slam torna alla sua formula originaria nella sfida legata alla
produzione in lingua araba del poeta Mourid Barghouti. Due traduttrici
– Elena Chiti e Ramona Ciucani – si cimenteranno con la versione di una poesia dello
scrittore palestinese ancora inedita nel nostro paese. Le due traduzioni saranno
commentate e argomentate dalle loro autrici e messe a confronto attraverso gli
interventi del pubblico e dell’autore presente in sala, con una votazione finale che
decreterà la traduzione vincitrice. Un’occasione divertente per entrare nel cantiere
del traduttore e scoprire il suo appassionato lavoro, parola per parola.
 
 10.45 • conservatorio di musica Campiani • € 5,00
Tommy Wieringa con Francesco Abate
IL SACRO GRAAL DEL ROMANZO TOTALE
“Gli unici scrittori che negli ultimi anni sono riusciti a trovare il Sacro Graal del romanzo totale sono W.G. Sebald con Austerlitz, J.M. Coetzee con Vergogna e Philip Roth con Everyman. A questo elenco si potrebbe
aggiungere il nome di Tommy Wieringa” (Le Figaro). Lo scrittore olandese sembra
collezionare paragoni illustri: il suo nuovo romanzo Questi sono i nomi, in corso
di traduzione in tutta Europa, è stato paragonato dalla critica per atmosfera e
tematiche anche a La Strada di Cormac McCarthy, ai racconti di Isaak Babel’, e ai
libri di J. D. Salinger, John Irving e Paul Auster. Di certo c’è che Tommy Wieringa,
a Mantova affiancato da Francesco Abate (Un posto anche per me), sa coniugare
umorismo, saggezza e scrittura magistrale come pochi scrittori al mondo.
con il contributo del Consolato Generale dei Paesi Bassi a Milano e di Nederlands
Letterenfonds / Dutch Foundation for Literature
 
 11.00 • teatro ariston • € 5,00
Rafael Chirbes con Pino Cacucci
TRA LE ROVINE DEL CASTELLO DI CARTE
Nessun autore ha saputo raccontare la Spagna del boom e del posteriore crollo
economico come Rafael Chirbes. Con la prosa dura, torrenziale e commovente
dei suoi affreschi corali, Chirbes è riuscito a descrivere le angosce e le
incertezze di chi si è trovato all’improvviso tra le rovine di un castello di carte.
Nelle motivazioni del Premio della Critica, che con Sulla sponda ha vinto per
la seconda volta in sette anni, i critici spagnoli hanno scomodato addirittura
due padri nobili del realismo letterario come Victor Hugo e Charles Dickens,
a testimoniare l’importanza della sua opera. Dialoga con lui lo scrittore, e
traduttore del suo ultimo romanzo, Pino Cacucci.
 
 11.00 • museo diocesano • € 4,00
Alex Corlazzoli
OGGI SI FA GEOGRAFIA! a righe e a quadretti
bambini e adulti per adulti accompagnati dai bambini dagli 8 agli 11 anni
Per fare geografia ci vuole un giornale, anzi tanti giornali e naturalmente un
atlante molto molto aggiornato. Alex Corlazzoli, maestro appassionato del suo
lavoro, proverà ad aprire una finestra sul mondo attraverso un viaggio fatto di
notizie.
 
 11.00 • teatro bibiena • € 5,00
Jerry Brotton con Franco Farinelli
TUTTE LE MAPPE DEL MONDO
La carta del mondo di Al-Idrisi pone il sud in alto e il nord in basso, la mappa
mundi di Hereford pone Gerusalemme al centro del mondo, la proiezione di
Peters nasce per combattere l’eurocentrismo. “Le mappe”, secondo Jerry
Brotton, “sono una proposta di mondo più che un riflesso del mondo, e
ogni proposta emerge dagli assunti e dalle preoccupazioni prevalenti di una
particolare cultura”. Leggendo le carte geografiche in prospettiva storica,
Brotton dimostra con evidenza come ogni carta nasca per orientare il nostro
sguardo, dicendoci chiaramente qual è il posto che dobbiamo occupare nel
mondo. Della parzialità – e del fascino – delle mappe, l’autore di La storia del
mondo in dodici mappe discute con il geografo Franco Farinelli.
 
11.00 • liceo classico “virgilio” • € 4,00
Antonio Dikele Distefano, Vivian Lamarque
e Bruno Tognolini con Alice Bigli
ANTOLOGIA 2 (QUELLA DEFINITIVA)
ragazzi dai 14 ai 18 anni
L’antologia, con il suo peso anche fisico, ci ha accompagnato a lungo sui banchi
di scuola. Brani letti ad alta voce in classe, subiti come compiti a casa, spunto
per andare a leggere i libri degli autori citati o magari per evitarli per sempre.
A Festivaletteratura l’anno scorso abbiamo pensato di rimettere la scelta
nelle mani dei destinatari: quali autori, racconti, brani, libri sceglierebbero
per la “loro” antologia? Quest’anno, a grande richiesta, l’antologia torna, ma
si occuperà in particolare della poesia. Grazie a Bruno Tognolini e a Vivian
Lamarque ma anche ai ragazzi dei gruppi di lettura di Rimini, Mantova,
Mirandola, Carpi, Asola, coordinati da Alice Bigli, direttore artistico del festival
Mare di Libri, con la partecipazione di Antonio Dikele Distefano, autore di Fuori
piove dentro pure, passo a prenderti?
 
11.00 • palazzo di san sebastiano • € 5,00
Piercamillo Davigo
IL CONTRASTO ALLA CORRUZIONE NELLA CRISI DELLA
GIUSTIZIA
Da molti decenni gli apparati giudiziari sono afflitti da una grave crisi di efficienza
e di efficacia, determinata soprattutto da un numero di processi che non ha
equivalenti in altri paesi. Gli apparati giudiziari, in tale situazione, hanno dovuto
affrontare, talora simultaneamente, una serie di gravi emergenze quali il terrorismo,
il crimine organizzato, gravi reati economici ed una vasta corruzione. Tutto questo
ha innescato gravi tensioni fra sistema giudiziario e potere politico. Piercamillo
Davigo riapre la riflessione su un tema al centro dei suoi libri (La corruzione in Italia;
La giubba del re. Intervista sulla corruzione) e di molti interventi pubblici.
 
11.00 • tenda sordello • ingresso libero
Domenico De Masi
ILLUMINAZIONE. accenti
Dai filosofi greci agli illuministi francesi, fi no alle avanguardie rivoluzionarie del
Novecento i cambiamenti storici, i nuovi paradigmi sociali sono sempre stati
guidati da “illuminati”. Chi sono e dove possiamo trovarli ora per costruire il
nostro futuro? Oppure, il web ci rende tutti capaci di illuminazione?
 
 11.15 • basilica palatina di santa barbara • € 5,00
Allen Frances con Vittorio Lingiardi
LE VICISSITUDINI DEL DIAGNOSTA
Tra i temi all’ordine del giorno del dibattito massmediatico vi è la
controversa uscita del DSM-5 (Manuale Diagnostico dei Disturbi
Mentali) compilato dalla American Psychiatric Association. Allen Frances è stato un
autorevole compilatore di precedenti manuali, ma ha un atteggiamento fortemente
critico contro l’iper-diagnosticismo, come testimoniano i suoi libri Primo, non curare
chi è normale; La diagnosi in psichiatria. Ripensare il DSM-5. Vittorio Lingiardi, tra i
più noti psichiatri italiani, discuterà con Allen di come si può rimanere un grande
sostenitore dell’importanza della diagnosi e insieme combattere contro il suo
abuso, ma soprattutto contro l’applicazione meccanica e non critica del manuale.
 
11.30 • piazza leon battista alberti • ingresso libero
Paola Caridi e Beppe Severgnini con Christian Elia
PITCHING IN PIAZZA
meglio di un romanzo (in bozze)
 
 11.30 • tempio di san sebastiano • € 5,00
Andrea Molesini e Hans Tuzzi con Simonetta Bitasi
ESTATE 1914
Dietro lo pseudonimo Hans Tuzzi, con cui ha fi rmato saggi di bibliofi lia
e i gialli milanesi con protagonista Alberto Melis, si nasconde Adriano Bon, uno
dei più raffi nati scrittori e bibliofi li italiani; Andrea Molesini insegna Letteratura
comparata all’Università di Venezia ed è tra i più stimati e letti scrittori italiani, come
testimonia tra l’altro il premio Campiello vinto con Non tutti i bastardi sono di Vienna.
Due scrittori molto vicini, come mostrano i loro recenti romanzi, Il trio dell’arciduca
per Tuzzi e Presagio per Molesini, entrambi ambientati alla vigilia dello scoppio della
prima guerra mondiale. A mettere in risalto le loro affi nità sarà Simonetta Bitasi.
 
 12.00 • tenda dei libri • ingresso libero
Michael Pollan
NUTRIZIONISMO. le parole del cibo
Che cosa c’è in un piatto di spaghetti aglio, olio e peperoncino? Dal punto di vista
del nutrizionista prevalentemente carboidrati, grassi in proporzione all’olio che
ci mettiamo, pochissime proteine. Secondo Michael Pollan invece c’è molto di
più: c’è una cultura culinaria, un’abitudine alimentare che determina – almeno
quanto i principi nutritivi – la salute che ci viene dal cibo.
Degustazione a cura della Pro Loco di Castel Goff redo.
per sapere che cosa sono le parole del cibo
 
12.00 • archivio di stato - sacrestia • ingresso libero
Daniela Ferrari e Danilo Craveia
I SOLDATI NEGLI ARCHIVI
Guida rapida alla ricerca
la grande guerra - voci e storie di soldati
 
 12.00 • piazza lega lombarda • ingresso libero
La Compagnia della Lettura coordinata da Luca Scarlini
FIABE D’AUTORE DEL NOVECENTO
 
 13.00 • casa slow • € 15,00
Roberta Corradin
DALLA STRATEGIA DELL’IPERTENSIONE AGLI ANNI DI PANNA
le ossessioni culinarie dell’Italia Repubblicana
Il vento francese della contestazione arriva in cucina, svelando subito il suo
volto più duro e plumbeo attraverso uova alla diavola, vol-au-vent ripieni,
ravioli al burro. Gli anni Ottanta segnano la svolta. L’età dell’edonismo e del
vuoto induce a passioni molli anche in cucina, facendo spazio a pennette alla
vodka, quiche lorraine e panne cotte.
per saperne di più sulle ossessioni culinarie.
 
14.15 • cinema oberdan • € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo dell’evento)
Pagine Nascoste
WRITE DOWN, I AM AN ARAB di Ibtisam Mara’ana Menuhin | Israele/Palestina, 2014, 73 minuti
Anteprima italiana
La storia di Mahmoud Darwish, poeta palestinese e scrittore tra i più infl uenti
del mondo arabo, le cui opere hanno forgiato l’identità palestinese e contribuito
a motivare intere generazioni. Nato in Galilea, la sua famiglia fuggì durante la
guerra arabo-israeliana del 1948, ritornando anni dopo per trovare un paese
martoriato. Come ogni cittadino palestinese di Israele in quegli anni, crebbe
sotto una giurisdizione militare che impediva la libertà di movimento. Queste
esperienze costituiscono le fondamenta di una carriera letteraria che arriverà
a rappresentare le aspirazioni di un’intera nazione. Attraverso la sua poesia,
lettere ed esclusivi materiali d’archivio, viene alla luce la vicenda di un uomo
diventato portavoce di un popolo.
 
14.30 • palazzo ducale - portico del cortile d’onore • € 5,00
Mario Desiati e Jurica Pavičić con Carlo Annese
SPALATO-BARI. “La ’relazione interadriatica’ più forte oggi è la rabbia: perché a Spalato come
a Bari possiamo vivere solo vendendo il nostro spazio o il nostro passato”.
Accomunati dal sentirsi sud, Spalato e Bari o meglio la Croazia e la Puglia hanno
in realtà molto in comune, dall’industrializzazione selvaggia, all’abbandono
della campagna; dalle potenzialità del turismo ai rischi ambientali. Jurica
Pavičić, giornalista dell’anno in Croazia e aff ermato scrittore (Cappuccetto
Rosso) ragiona su criticità e ricchezza di due tra i luoghi più belli del pianeta
con lo scrittore pugliese Mario Desiati (Ternitti), sotto la sapiente guida del
giornalista Carlo Annese, anche lui geografi camente coinvolto.
 
14.30 • spazio studio  Sant'Orsola • € 4,00
Janna Carioli e Luisa Mattia con Barbara Bongini
VIAGGIO NELL’ANTICO EGITTO dai 5 ai 7 anni
Come se la passavano i bambini nell’antico Egitto tra piramidi, mummie e
coccodrilli? Facciamo un salto nel passato e scopriamolo mettendo insieme
parole ed immagini. Un viaggio misterioso che parte dai libri e arriva ai cartoni
animati, raccontato da Janna Carioli e Luisa Mattia, autrici della serie di libri
All’ombra delle piramidi, e illustrato da Barbara Bongini.
 
14.30 • conservatorio di musica “campiani” • € 5,00
Mourid Barghouti con Wasim Dahmash
LA POESIA DELLA TERRA. la terra fragile - focus sulla letteratura palestinese
“Il soldato con la kippa non sembra per niente confuso e il suo fucile è scintillante
(...). Il suo fucile ci ha portato via la terra della poesia per lasciarci la poesia della
terra. Nel suo pugno la terra, nei nostri pugni un miraggio”. Considerato uno dei
maggiori scrittori di lingua araba, Mourid Barghouti inizia la sua ininterrotta
esperienza dell’esilio a poco più di vent’anni, quando la guerra del 1967 lo
sorprende fuori dal proprio paese. Ho visto Ramallah è la prosa poetica a cui
Barghouti ha consegnato i ricordi della sua giovinezza e le immagini di una
Palestina che sopravvive solo attraverso la scrittura, un libro che Edward Said
ha defi nito come uno dei resoconti più aff ascinanti e lirici che siano mai stati
scritti sulla diaspora palestinese. Dialoga con lui Wasim Dahmash, ricercatore
di Lingua e letteratura araba presso l’Università di Cagliari.
 
 14.45 • aula magna dell’università • € 5,00
Gian Piero Piretto con Marco Belpoliti
LE DITTATURE E L’IMMAGINARIO
Patria. Nazione. Stato. Partito. I regimi totalitari del XX secolo
sono stati formidabili produttori di apparati iconici articolatissimi a sostegno
del proprio sistema di potere e del duce di turno. Palazzi, statue, manifesti,
spettacoli, oggetti d’uso comune venivano progettati per invadere lo spazio
pubblico e privato e creare un immaginario condiviso al quale il popolo potesse
credere e aderire. Gian Piero Piretto, docente di Cultura russa e Metodologia
della cultura visuale all’Università di Milano e autore di Memorie di pietra, si
aggira tra le macerie delle dittature del Novecento, mostrandoci reperti
illuminanti anche per leggere il nostro presente. Lo accompagna il saggista
Marco Belpoliti.
 
 15.00 • teatro ariston • € 5,00
Bernardo Valli con Franco Contorbia
LA VERITÀ DEL MOMENTO
“Viaggiare e scrivere. Non so se scrivere per viaggiare o viaggiare per scrivere”.
Così pensava da ragazzo il grande giornalista Bernardo Valli, testimone diretto
delle lotte di tanti popoli, autore di reportage, narratore di mutamenti epocali,
interprete delle vicende politiche e culturali dell’Europa degli ultimi quarant’anni.
Raccolti in volume, sono presenti articoli e reportages da lui redatti negli anni
dal 1956 al 2014 e apparsi sui maggiori quotidiani italiani. Importante è anche
la rifl essione sui caratteri costitutivi e sulla radicale metamorfosi che ha subito,
nel tempo, la professione di reporter e di corrispondente di guerra. Dialogherà
con lui Franco Contorbia, docente di Letteratura italiana e grande esperto di
scrittura giornalistica.
 
 15.00 • teatro bibiena • € 5,00
Michele De Lucchi con Beppe Finessi
ARCHITETTI ESTEMPORANEI
Gli architetti adoperano spesso un linguaggio carico di sottintesi, non sempre
del tutto decifrabili per i profani. Aggettivi d’uso comune (“piacevole”, “poetico”,
“funzionale”, “decorativo”) possono suscitare reazioni inattese se il nostro
interlocutore è un addetto ai lavori. Michele De Lucchi, architetto e designer di
fama internazionale, ci svela con ironia il vocabolario di un mestiere particolare,
il cui campo d’azione, per dirla con Walter Gropius, va “dal cucchiaio alla
città”. Dialoga con l’autore de Gli attributi dell’architetto Beppe Finessi.
 
 15.00 • cortile dell’archivio di stato • € 5,00
Michela Murgia e Chiara Valerio con Stefano Jossa
IL RITORNO DELL’EROE
I personaggi che ci hanno ispirato e quelli che costruiamo
Due eroine lontane oltre mille anni l’una dall’altra animano il primo incontro
di Il ritorno dell’eroe. Michela Murgia ha scelto Morgana, la fata della mitologia
celtica resa universalmente celebre dai romanzi del ciclo arturiano; Chiara
Valerio Lady Oscar, la giovane comandante della Guardia Reale protagonista
del manga di Riyoko Ikeda, da cui è stata tratta anche una popolarissima serie
di cartoni animati.
Avremo sempre bisogno di eroi? Solitamente è l’incontro con un personaggio che
fa nascere in noi l’amore per la lettura: le sue avventure ci appassionano perché
riconosciamo in esse le vite che vorremmo vivere. Negli incontri di Il ritorno dell’eroe,
coordinati da Stefano Jossa (Un paese senza eroi), sei scrittori si confrontano sugli
eroi e le eroine che li hanno conquistati alla letteratura, e che li infl uenzano, ancora
oggi, nella costruzione delle proprie storie.
 
 15.00 • chiesa di santa maria della vittoria • ingresso libero
VOCABOLARIO EUROPEO
la parola (d)agli autori
coordina Matteo Motolese
Antonio Moresco - dall’italiano, sbrego
Stelian Tănase - dal romeno, zadarnice: vacuità
per saperne di più sul vocabolario europeo vedi pagina 25
 
15.00 • basilica palatina di santa barbara • € 5,00
Jonathan Gottschall con Raff aele Cardone
UN ANIMALE CHE RACCONTA STORIE
Quanto tempo passiamo a leggere libri, guardare fi lm,
o semplicemente persi nelle nostre quotidiane fantasie? Le storie sono per
l’uomo ciò che l’acqua è per i pesci. Secondo Jonathan Gottschall, esponente
di spicco del darwinismo letterario, la propensione dell’uomo alla narrazione
discende da ragioni evolutive. Grazie all’estrema versatilità del racconto, l’uomo
ha infatti l’occasione di far crescere le proprie competenze sociali, prefi gurare le
conseguenze di azioni o eventi senza correre rischi, vivere più vite parallelamente
accumulando esperienze. Avvalendosi di apporti psicologici, neuro-biologici e
della sua esperienza di educatore, l’autore di L’istinto di narrare dimostra, in
dialogo con Raff aele Cardone, come la fi nzione sia la più “antica e potente tecnologia di realtà virtuale che simula i grandi dilemmi della vita umana”.
 
15.00 • palazzo ducale - sale del capitano • € 6,50
Dario Zeruto
SE LA CARTA FA POP-UP
laboratorio per adulti
 
15.30 • palazzo di san sebastiano • € 5,00
Massimo Recalcati
L’AMORE CHE RESISTE
Amare senza innamorarsi, senza correre rischi, come
declamano le pubblicità dei siti d’incontri. Essere sempre pronti a nuove off erte
d’amore, nella consapevolezza – confermata degli studi neuroscientifi ci – che
l’ebbrezza del primo incontro ha vita breve. In un mondo ipersessualizzato e
rassegnato a rapporti da consumare, Massimo Recalcati (Non è più come prima)
si pone controcorrente intonando un “cantico dedicato all’amore che resiste
e che insiste nella rivendicazione del suo legame con ciò che non passa”, un
sentimento che sa rinnovarsi proprio aprendosi alla realtà dell’altro, e che trova
nel perdono uno strumento per donarsi futuro e vita.
 
 15.30 • master • € 6,50 •
Nicoletta Lanciano e lo staff MASTeR
I GIARDINI DEL CIELO bambini e adulti dai 9 anni in su
Luce e ombra: due concetti facili, ma siamo sicuri di conoscerli? Nicoletta
Lanciano - fi sica con la passione per l’astronomia e le meridiane - proporrà,
insieme allo staff MASTeR, un laboratorio pratico per giocare con il sole.
Servizio navetta Apam: partenza da piazza Sordello ore 15.00, ritorno dal MASTeR ore 17.30
 
15.30 • aula magna isabella d’este • € 4,00
Roger McGough con Franco Nasi
CHE VERSI FAI? dai 8 agli 12 anni
Chiedetelo a Roger McGough, se partecipate a questo incontro! Nelle sue
poesie le parole diventano libere e il mondo che abbiamo intorno si trasforma
come nel cappello di un prestigiatore: le anaconde vanno in moto, gli squali
lavorano nei grandi magazzini, le puzzole sono povere cenerentole senza un
principe. Un pomeriggio di divertentissime magie poetiche, in compagnia
dell’autore di Bestiario immaginario e Storia di un ruttino e altri versi e del suo
fedele traduttore Franco Nasi.
 
 15.30 • tenda sordello • ingresso libero
Bruno Gambarotta
LA RICONQUISTA DELLA RAI accenti
Programmi scadenti, fiction assurde, nessuna idea brillante. Una televisione
che non è nemmeno l’ombra di quella degli esordi. Un agguerrito gruppo di ex dipendenti
dice basta e briga e minaccia fino a quando riesce a ottenere l’incarico
di scrivere una sceneggiatura sulla storia eroica della tv. Una commedia di fantatelevisione
raccontata da Bruno Gambarotta (Ombra di giraffa).
 
15.30 • sagrestia di san barnaba • € 15,00
PUNTO DOPO PUNTO
Laboratorio e chiacchiere sulla maglia con Emma Fassio
tiene il fi lo del discorso Simone Sarasso
 
 
15.45 • villa angela • € 4,00
Pino Costalunga
ORTOGRAFIA E GRAMMATICA, CHE GRAN
DIVERTIMENTO! bambini e adulti per ragazzi dai 6 ai 10 anni accompagnati e per i loro genitori
Pino Costalunga, autore di Il bosco delle lettere, condurrà i piccoli spettatori in
una strana foresta dove crescono lettere dell’alfabeto, segni di punteggiatura
e accenti. Per vincere la paura che può venire da tutta questa grammatica allo
stato naturale, Pino leggerà racconti e fi lastrocche, giocherà con la musica, i
suoni, i signifi cati nascosti e apparenti delle parole, svelando come anche
l’ortografi a e le regole della scrittura abbiano un animo poetico e possano
essere davvero fonte di divertimento.
 
 15.45 • tempio di san sebastiano • € 5,00
Marina Petrillo con Roberto Casati
ÉGALITÉ
liberté, égalité, fraternité - tre parole per la rivoluzione digitale
Con l’avvento delle nuove tecnologie si ha l’impressione che sia iniziata una
stagione più democratica per quanto riguarda l’accesso alle conoscenze e
all’informazione, avendo a disposizione un patrimonio sterminato di fonti e
risorse. Analogamente, il web 2.0 ha permesso di moltiplicare le esperienze
di cittadinanza attiva, oltre a far nascere movimenti sociali e politici che
hanno fatto della partecipazione attraverso la rete il vessillo della loro azione
di rinnovamento. Ma l’accesso a internet è veramente paritario? Giova
l’orizzontalità delle fonti alla formazione di un sapere critico? E quale idea di
democrazia si sta aff ermando attraverso il web? Da questi interrogativi parte
il confronto di Roberto Casati con Marina Petrillo, curatrice di Alaska, un blog/
programma radiofonico di Radio Popolare interamente realizzato con materiali
provenienti dalla rete.
per saperne di più su liberté, égalité, fraternité vedi evento 8
 
15.45 • cinema oberdan • € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo dell’evento)
Pagine Nascoste
THE TYPEWRITER (IN THE 21ST CENTURY)
di Christopher Lockett | Stati Uniti, 2012, 57 minuti
Anteprima italiana
 
16.00 • piazza lega lombarda • ingresso libero
La Compagnia della Lettura coordinata da Luca Scarlini
FIABE D’AUTORE DEL NOVECENTO
 
16.00 • palazzo ducale - galleria dei Fiumi • € 8,00
Beatrice Barni con Nadia Nicoletti
DI ROSA IN ROSA
Il meccanismo dell’ibridazione è un’arte diffi cile e sapiente dove l’intervento
umano “entra in intimo contatto con la natura”. Beatrice Barni (A rose is a
rose is a rose), testimone di un lungo e serio lavoro familiare, ne racconterà a
Festivaletteratura i passaggi come fossero capitoli del suo ultimo romanzo, in
dialogo con l’esperta rodologa Nadia Nicoletti.
In collaborazione con la direzione del Palazzo Ducale di Mantova. Il biglietto
d’ingresso comprende la visita al Museo.
 
 16.00 • liceo classico Virgilio • € 5,00
Emilio Franzina e Quinto Antonelli con Juri Meda
SCRIVERE DENTRO LA GUERRA
la grande guerra - voci e storie dei soldati
La Grande Guerra è stata il primo evento della storia dell’umanità a coinvolgere
contemporaneamente milioni di persone. È proprio l’eccezionalità dell’esperienza
di guerra a spingere molti di questi uomini a lasciarne testimonianza attraverso
la scrittura. Migliaia di lettere, diari, appunti, che raccontano semplicemente “la
guerra come noi l’abbiamo realmente vissuta”, come ha scritto Emilio Lussu, e
che a lungo sono rimaste circoscritte alla memoria privata e familiare. Solo alla
metà degli anni Ottanta la storiografi a ha riconosciuto in questi testi una potente
fonte documentaria, in grado di dare nuova luce alla realtà del primo confl itto
mondiale. Emilio Franzina, esperto di scritture popolari, e Quinto Antonelli del
Museo Storico del Trentino ne parlano con lo storico Juri Meda.
 
16.00 • sagrestia di san barnaba • € 5,00
Vivian Lamarque con Vanna Mignoli
LAMARQUE LEGGE LAMARQUE
E SZYMBORSKA
“È quasi facile fare una poesia / basta prendere un pezzetto / di carta e una
matita, è come / per la terra fare un fi lo d’erba / una margherita”. La poesia di
Vivian Lamarque lascia stupiti per la naturalezza dello stile, per la cantabilità
del verso, per l’ironica levità. Occasioni dei suoi componimenti sono piccole
epifanie quotidiane, oggetti su cui inciampiamo con lo sguardo, gioie o dolori
inattesi che Lamarque riporta nelle sue rime con incanto infantile. Questo
motiva il suo tributo a Wisława Szymborska, la cui poesia è caratterizzata da
un’ingannevole semplicità. La incontra al Festival Vanna Mignoli.
 
 16.00 • piazza castello • € 5,00
Reinhold Messner
L'UOMO DELLE ALTE VETTE
È stato il primo uomo al mondo a scalare tutti i quattordici ottomila; il primo
a tentare con successo l’ascesa all’Everest in solitaria e senza ossigeno. A
piedi ha attraversato l’Antartide, la Groenlandia, il Tibet e i deserti del Gobi
e di Taklamakan. “Ho un cuore normale, i miei polmoni sono normali, e la mia
corporatura è normalissima. Solo la mia mente è stata forse più determinata
di altre”. In occasione dell’uscita della sua autobiografi a, Reinhold Messner
riannoda i fi li delle sue avventure e ci propone una rifl essione sull’uomo, sul
suo bisogno di libertà, sull’istinto di sopravvivenza, sull’inaccessibile mistero
della natura.
 
16.00 > 20.00 • piazza erbe • € 1,00 due favole
La Voce delle Cose
MACCHINE PER IL TEATRO INCOSCIENTE
La strabiliante invenzione di cui tutto il mondo parla fi nalmente arriva a
Festivaletteratura! Grazie al loro brevettato sistema semiautomatico, le
macchine per il teatro incosciente permettono di soddisfare in soli due
minuti i bisogni più impellenti di favole e storie utilizzando piccoli oggetti
d’uso quotidiano – mollette, fi li, nastrini – che, inseriti in questo ingegnoso
marchingegno, possono rilasciare tutto il loro potenziale fantastico. Per
attivare questi teatrini self-service bastano due persone, un Manovratore e
uno Spettatore: il primo sarà l’inconsapevole motore della favola, il secondo
potrà godersi il racconto in totale meraviglia. Correte a provarli!
 
 16.30 • tenda sordello • ingresso libero
Pino Cacucci
LA POLVERE DEL MESSICO accenti
Non c’è mai fi ne alla vastità del Messico. Persino da un piccolo paese alla fi ne
dello Yucatán si può guardare oltre la distesa azzurrissima del mare, e perdersi
nelle leggende di indios, pirati, rivoluzionari. Pino Cacucci (Mahahual) torna
sulle strade messicane, a vagabondare tra le sue storie e le sue spiagge.
 
16.30 • biblioteca teresiana - sala delle vedute • € 5,00
Cesare Gallo
A PROPOSITO DI RICCARDO GUALINO testimoni d’archivio
Riccardo Gualino è stato una figura di straordinario
dinamismo nell’ambito dell’industria e della finanza europea dell’inizio del
Novecento, oltre che mecenate nel campo dell’arte, della musica, del teatro
e del cinema. Nato a Biella, inizia la sua carriera nel campo del legname, ma
grazie al suo eccezionale intuito a poco più di trent’anni fonda la Snia Viscosa,
partecipa in posizione decisiva al capitale della Fiat, controlla numerose
banche del paese. Il nipote Cesare Gallo racconta al Festival le frequentazioni
artistiche e i numerosi episodi che testimoniano gli svariati interessi e la libertà
intellettuale del fi nanziere piemontese, libertà che durante il Fascismo costò a
Gualino l’isolamento e la perdita delle proprie fortune, prontamente ricostruite
negli anni del dopoguerra.
per saperne di più su testimoni d’archivio
 
16.45 • palazzo ducale - portico del cortile d’onore • € 5,00
NoViolet Bulawayo con Bianca Pitzorno
LE PAROLE CHE CAMBIANO IL MONDO
Una baraccopoli alla periferia dell’Africa in cui i bambini
crescono nella povertà, tra le vane speranze di cambiamento
degli adulti e la fastidiosa presenza di chi è venuto dall’Occidente ad aiutare;
l’America sognata per l’intera infanzia e la puntuale disillusione di ogni migrante.
Con il suo romanzo di esordio – Abbiamo bisogno di nuovi nomi – NoViolet
Bulawayo ci pone di fronte alle diseguaglianze che restano, alla perenne necessità
– per chi vive da straniero – di imporre il proprio nome alle cose per non piegarsi
a quello che gli altri hanno deciso per lui. La talentuosa autrice dello Zimbabwe,
che con questo libro si è immediatamente imposta all’attenzione della critica
anglosassone ottenendo la nomination al Man Booker Prize, dialoga al Festival
con la scrittrice Bianca Pitzorno.
 
17.00 • cortile dell’archivio di stato • € 5,00
Donatella Di Pietrantonio e Elisa Ruotolo con Simonetta Bitasi
BELLE STORIE
Bella mia di Donatella di Pietrantonio e Ovunque, proteggici di Elisa
Rutolo sono stati due casi editoriali. Sono due libri che hanno toccato i lettori e
convinto i critici, due romanzi che sottolineano il lavoro di scouting e cura che
ancora esiste nell’editoria italiana. Due seconde prove convincenti che hanno
confermato il talento espresso in Mia madre è un fi ume per la Di Pietrantonio
e in Ho rubato la pioggia! per Elisa Ruotolo. Il Festival le fa incontrare per la
prima volta, rendendole protagoniste di un dialogo dove saranno a confronto
le ferite non solo fi siche dell’Aquila e le peripezie della famiglia Girosa, due stili
narrativi, due sensibilità letterarie, ma soprattutto due grandi scrittrici.
 
17.00 • chiesa di santa maria della vittoria • € 5,00 t
Carol Gilligan
LISTENING FOR THE VOICE
A talk about Literature and Psychology
Finding a distinctive voice is the mark of a creative artist. Listening for the voice
is a central task of the psychologist. In recent years, questions about voice
have directed attention to who is speaking and to whom, whether the voice is
embodied or disembodied, what stories are told about which relationships, in
what political and cultural frameworks.
L’evento si terrà in lingua inglese senza traduzione.
 
17.15 • cinema oberdan • € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo dell’evento)
Pagine Nascoste
LISBOA
di Eduardo Montes-Bradley | Stati Uniti, 2013, 27 minuti
Anteprima italiana
Cresciuta nel quartiere di Laranjeiras a Rio de Janeiro dove ancora vive la sua
famiglia, nella casa costruita dal nonno oltre cinquant’anni fa, Adriana Lisboa è
una vera carioca. Questa categorica identità non ha però frenato nella scrittrice
l’instancabile ricerca di quanto resta nascosto oltre la superfi cie delle cose.
VIEW OF KRAKOW
di Magdalena Piekorz | Polonia, 2013, 59 minuti
Anteprima italiana
Capitolo inaugurale del progetto cinematografi co internazionale “City (W)rites”,
dedicato alle capitali letterarie europee viste attraverso gli occhi degli scrittori. Il
primo protagonista è Adam Zagajewski, uno dei più noti, tradotti e celebrati poeti e
saggisti polacchi. L’autore di Tradimento e Dalla vita degli oggetti ci guida alla scoperta
letteraria di Cracovia e della regione Malopolska, parlando dei suoi maestri, dei luoghi
del cuore, nonché di concittadini e colleghi scrittori come Wisława Szymborska.
 
17.15 • spazio studio Sant'Orsola • € 4,00
Pef con Vera Salton
IL MOSTRO PELOSO E I SUOI AMICI dai 6 agli 8 anni
Pef è tra gli autori e illustratori più premiati e amati da grandi e bambini. A
lui dobbiamo Il mostro peloso, ma anche tanti altri personaggi indimenticabili.
Pef sfrutta tutte le possibilità umoristiche della scrittura e dell’immagine,
divertendo così i lettori con giochi di parole, di tratto e di colori. Insieme alla
libraia Vera Salton ripercorriamo le storie più spassose uscite dalla sua fantasia.
 
17.15 • teatro ariston • € 5,00
Corrado Stajano, Marco Revelli e Antonella Tarpino
IL POPOLO CHE MANCA
Nuto Revelli: immagini, parole, ricordi
Nuto Revelli ha dedicato la propria vita a raccogliere le voci dei dimenticati.
Le storie che raccontano soldati, pastori, contadine, preti-stregoni che parlano
attraverso le pagine dei suoi libri (L’anello forte, Il mondo dei vinti) ci restituiscono
il potente aff resco di un mondo che non c’è più, testimoniando una cultura
arcaica, tenace, legata alla terra, defi nitivamente annientata in seguito alla
rapida industrializzazione che l’Italia ha conosciuto nel secondo dopoguerra.
A dieci anni dalla scomparsa, Antonella Tarpino, curatrice del volume Il popolo
che manca, il fi glio Marco e il giornalista Corrado Stajano, amico di una vita,
raccontano a Festivaletteratura la fi gura e l’opera di Nuto Revelli attraverso
letture, documenti fotografi ci e memorie personali.
 
17.30 • teatro bibiena • € 5,00
Giorgio Manzi
L’EVOLUZIONE UMANA: IL GRANDE RACCONTO
Il percorso evolutivo che ha dato origine alla nostra specie è un meraviglioso
viaggio, che inizia dai primati e arriva a quelle scimmie antropomorfe che si
misero in posizione eretta diventando bipedi migliaia di anni fa. Comprendere
l’uomo attraverso la sua storia, secondo Giorgio Manzi, paleoantropologo
e autore di Il grande racconto dell’evoluzione umana, è una delle sfi de più
aff ascinanti della scienza, perché è nel profondo che troviamo il nostro posto
nella natura.
 
17.30 • palazzo ducale - sale del capitano • € 6,50
Elisabetta Bucciarelli
RI-TRATTO laboratorio per adulti
 
17.30 • tenda sordello • ingresso libero
Piero Dorfl es
DESTRA E SINISTRA, OGGI accenti
Una scena politica i cui attori si muovono sempre più confusamente,
disuguaglianze e uguaglianze che cambiano di signifi cato, il vezzo di presentare
i propri pensieri come “né di destra, né di sinistra”: come ci può aiutare ancora,
dopo vent’anni, un piccolo libro di Norberto Bobbio?
 
17.45 • palazzo di san sebastiano • € 5,00
Diego De Silva e Francesco Piccolo
DI CHE COSA RIDIAMO QUANDO LEGGIAMO
Francesco Piccolo (Il desiderio di essere come tutti, premio Strega 2014) e Diego
De Silva (Arrangiati, Malinconico) esplorano un genere da tempo escluso dalle
grandi rotte della letteratura: il comico. Una navigazione attraverso i libri propri
e quelli altrui per riscoprire le ragioni e il piacere di ridere leggendo.
 
17.45 • basilica palatina di santa barbara • € 5,00
Francesco Pecoraro con Giuseppe Antonelli
SESSANT’ANNI DI GUERRA NON DICHIARATA
Di formazione architetto, Francesco Pecoraro è arrivato alla
scrittura solo pochi anni fa, iniziando a pubblicare sul suo blog.
Le sue prime prose – i racconti di Dove credi di andare e i saggi narrativi di Questa
e altre preistorie – possono essere lette oggi come dei materiali preparatori del
suo primo romanzo, La vita in tempo di pace, narrazione in cerca di una trama che
alla sua uscita ha suscitato un ampio dibattito critico. Per questo racconto della
radicale disillusione novecentesca, in cui i fallimenti storici si esprimono in passioni
tristi, in un’ossessiva e frustrante ricerca dell’anello che non tiene, sono stati presi
a paragone maestri del pessimismo come Svevo, Gadda, Pasolini. Dialoga con
Francesco Pecoraro Giuseppe Antonelli, storico della lingua e critico letterario.
 
17.45 • aula magna dell’università • € 5,00
David B. con Matteo Stefanelli
GLI OSCURI SENTIERI DEL FUMETTO
È in parte grazie a David B., al secolo Pierre-François
Beauchard, se negli ultimi venti anni in Europa è stata pienamente riconosciuta al
fumetto la dignità artistica che merita. Autore di capolavori come Il grande Male,
considerato uno dei titoli fondamentali del graphic novel internazionale, o del
recente Per gli oscuri sentieri, aff resco allegorico surreale in cui racconta la presa
di Fiume, David B. è stato anche tra i fondatori dell’Association, la più infl uente
casa editrice di fumetto europea, capace di rivoluzionare lo stile e il linguaggio del
fumetto, portandolo ad esplorare nuovi registri, nuove tematiche e nuovi formati.
Dialoga con lui Matteo Stefanelli, fumettologo e studioso di media.
 
17.45 • aula magna isabella d’este • € 6,50
PAROLE IN RIMA, RITMO E SUONO giochi di improvvisazione tra voce e pianoforte
Pino Costalunga voce recitante - Luciano Borin pianoforte
bambini e adulti dai 5 anni in su
Si può raccontare il mondo in rima? E si può raccontarlo con i suoi stessi suoni? Lo si
può fare, anche perché il mondo stesso è suono: il cinguettio degli uccelli, il frusciare
delle foglie al vento, il tuono, il sorriso ed il pianto dell’uomo, il cuore che batte, la
parola. Il fi lo che tiene insieme tutto lo spettacolo di improvvisazione musicale sulle
parole è quello del ritmo: dalla ninna nanna alla conta, dalla fi lastrocca popolare
alla poesia d’autore e al racconto ritmico. La parola, e in particolar modo la “parola
poetica”, è sempre suono, sempre immagine, sempre emozione e sensazione, da
quando l’uomo è apparso sulla faccia della terra fi no ad oggi.
 
18.00 • conservatorio di musica “campiani” • € 5,00
Pierluigi Cappello con Antonio Prete
STORIA DI UNA LIBERTÀ
Libertà è una parola che torna con ostinazione nelle opere e nelle
rifl essioni di Pierluigi Cappello: è il sentimento fi ero di chi resiste e non si arresta, di
chi cerca spazio per la speranza. La poesia è un esercizio di libertà, “è una forma di
resistenza perché ti insegna a sentire le cose senza appropriartene: illumina le cose
da dentro e le libera”. Alla libertà Cappello ha dedicato il suo primo libro in prosa,
un’autobiografi a in cui racconta “la storia di come una libertà, la mia, sia germinata
dai luoghi vissuti da bambino e poi abbia preso il volo dal mio incontro con la lettura”,
esortandoci a trovare un coraggio nuovo, attraverso la cura dei nostri gesti e delle
nostre parole. Conversa con l’autore di Questa libertà il poeta Antonio Prete.
 
18.00 • museo diocesano • € 8,00
Lorenza Zambon
SEMI DI FUTURO. TERZA LEZIONE
PER GIARDINIERI PLANETARI
 
18.15 • liceo classico Virgilio • € 5,00
Zhang Jie con Marco Del Corona
STORIA DELLA CINA ATTRAVERSO LE DONNE
“Le parole sono inadeguate a rendere conto dell’epica tragedia della Cina del
ventesimo secolo”. Economista di formazione, Zhang Jie ha dovuto a lungo
reprimere la sua vocazione letteraria a causa delle persecuzioni subite nel
periodo maoista. È solo alla fi ne della Rivoluzione culturale che la scrittrice cinese
inizia a pubblicare e a ottenere i primi riconoscimenti, fi no alla candidatura al
premio Nobel già alla fi ne degli anni Ottanta. La sua opera più importante è una
trilogia di romanzi di cui in Italia sono stati pubblicati Senza parole e Anni di buio: in
essi Zhang Jie disegna un aff resco del Novecento cinese, visto attraverso diverse
generazioni di donne, dal mondo feudale dell’inizio del secolo fi no all’avvento
dell’odierno capitalismo tecnologico. La incontra il giornalista Marco Del Corona.
 
18.30 • piazza Mantegna • ingresso libero
Valentina Bambini
PAROLE SPECIALI, TRA SUONI ED EMOZIONI
lavagne - anatomia di una frase
Per comunicare nel mondo disponiamo di un ricco vocabolario di nomi,
verbi, aggettivi e avverbi. Ci sono poi parole speciali, che si comportano in
modo anomalo e per certi versi fanno eccezione alla grammatica, come le
onomatopee, gli insulti, le esclamazioni. In questo incontro parleremo di come
nascono e si sedimentano queste parole speciali, che rispecchiano l’interazione
tra il linguaggio, la nostra esperienza del mondo e le nostre emozioni.
per saperne di più sulle lavagne.
 
18.30 • tempio di san sebastiano • € 5,00
Vladimir Sorokin con Paolo Nori
OPRIČNINA, MADRE RUSSIA E ULTRAVIOLENZA
È mai possibile aff errare le contraddizioni che attraversano la Russia
contemporanea senza ricorrere a un eccellente romanziere, capace di fondere il
pulp con la satira politica, Gogol e Dostoevskij con la letteratura postmoderna?
Pare che il moscovita Vladimir Sorokin (La coda; Ghiaccio; La giornata di un Opričnik)
faccia al caso nostro e le sferzate del suo sarcasmo sembrano confermarlo: facile
che la sua penna trasformi un sogno nazionalista in un incubo neo-zarista, o una
setta di puri in un manipolo di ultra-violenti. E chi, meglio di Paolo Nori, potrebbe
misurarsi con una carica eversiva di tale portata? Provare per credere!
 
 18.30 • piazza castello • € 5,00
Stefano Benni
SE QUALCUNO MI CHIEDE ANCORA A COSA SERVE LA
LETTERATURA LO AMMAZZO
"Chi dentro a un libro schiaccia una zanzara non fa cultura ma schiva una puntura".
Un’ora di parole, letture e rifl essioni con "Lupo" Benni e i suoi lettori di tutte le età.
 
 19.00 • tenda dei libri • ingresso libero
Hans Tuzzi
ZAFFERANO le parole del cibo
Un colore più che un sapore della cucina. Hans Tuzzi ci racconta la storia di questa
spezia rara e benefica, che dal mondo arabo transita per la Spagna, arrivando per
ignote vie a Milano per ravvivare di giallo un altrimenti anonimo risotto.
Degustazione a cura della Pro Loco di Castel Goffredo.
per sapere che cosa sono le parole del cibo.
 
19.00 • cinema oberdan • € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo dell’evento)
Pagine Nascoste
PROFEZIA: L’AFRICA DI PASOLINI
di Gianni Borgna e Enrico Menduni | Italia, 2013, 80 minuti
presenta il fi lm il regista Enrico Menduni
 
 19.00 • piazza Lega Lombarda • ingresso libero
La Compagnia della Lettura coordinata da Luca Scarlini
FIABE D’AUTORE DEL NOVECENTO
 
19.15 • chiesa di Santa Maria della Vittoria • € 5,00
Ander Izagirre e Giuliano Santoro con Christian Elia
IL REPORTAGE AL TEMPO DELLA BREAKING
NEWS PERMANENTE meglio di un romanzo
La diffusione rapida e virale delle notizie, la nascita degli aggregatori che superano
la tradizionale forma giornale, lo sviluppo del cosiddetto citizen journalism sono
alcuni dei più evidenti sommovimenti causati nel mondo dell’informazione
dall’avvento di internet. Se il segno che accomuna tutte queste trasformazioni è
il declino dell’autorialità e la riduzione del giornalismo a notizia, è vero anche che
il web apre spazi inattesi per chi lavora con un passo più lungo. Christian Elia si
confronta su questo tema con Giuliano Santoro e Ander Izagirre, due giovani
giornalisti che interpretano la rete come un’opportunità per scavare e approfondire
le storie, con la calma che ci vuole per riuscire a raccontare pezzi di mondo.
In un’epoca frastornata da informazioni in tempo reale, cresce l’urgenza di un
giornalismo di narrazione, capace di ricostruire i frantumi della realtà in una storia.
Meglio di un romanzo porta al Festival le migliori esperienze di questo giornalismo
di ascendenza letteraria tornato recentemente a nuova vita, che sa raccontarci il
nostro tempo più e meglio della prosa di fi nzione.
 
20.30 • piazza leon battista alberti • ingresso libero
Luca Giordano, Florian Kessler e Jemma L. King
con Chicca Gagliardo e Jonny Honda
SCRITTURE GIOVANI
Letture all’imbrunire per il primo appuntamento di Scritture Giovani. Luca
Giordano, Florian Kessler e Jemma L. King si presentano con un reading a tre
voci di pagine scelte tra i propri libri e quelli altrui, in un ambiente musicale
creato per l’occasione da Jonny Honda. Madrina della serata Chicca Gagliardo.
con il contributo di British Council Roma; Goethe-Institut Mailand
 
 20.30 • aula magna dell’università • € 5,00
Marco Belpoliti
UNA MAPPA DEL TEMPESTOSO PRESENTE
Due avvenimenti hanno segnato la storia degli ultimi tre decenni: la caduta
del Muro di Berlino nel 1989 e l’attacco alla Torri Gemelle nel 2001. Partendo
da questi due avvenimenti, si ricostruiscono attraverso parole e immagini le
vicende della nostra storia recente, segnata dall’eccesso e dall’estremismo,
da una serie di confl itti a bassa intensità che vengono combattuti lontano dai
nostri occhi di europei, ma di cui sono piene le fotografi e dei nostri giornali e
di cui ci parlano continuamente romanzi e opere d’arte, oggetti e performance.
Marco Belpoliti, dando forma a un racconto ispirato al suo recente “romanzo
in forma di saggio”, L’età dell’estremismo, ci restituisce l’immagine di un mondo
dominato da due prospettive solo apparentemente opposte: “la banalità
ininterrotta e un terrore inconcepibile”, come ebbe a dire Susan Sontag.
 
 20.30 • palazzo di san sebastiano • € 5,00
Luciano Canfora
IL LINGUAGGIO DELLA POLITICA
Il linguaggio della politica sfi da i millenni. Le dinamiche con cui ci confrontiamo
oggi – al di là delle contingenze storiche – sono quelle che interessavano la
città-Stato greca e l’Italia romana di cui scrivevano Tucidide o Sallustio. Non è
un caso se, ancora oggi, nell’analisi dei sistemi politici utilizziamo le tipologie
defi nite da Erodoto – democrazia, oligarchia, tirannide –, su cui hanno continuato
a rifl ettere prima di noi Machiavelli, Hobbes, Montesquieu. Luciano Canfora,
fi lologo e studioso di storia antica, torna su uno dei temi che hanno attraversato
trasversalmente tutta la sua ricerca (La democrazia. Storia di un’ideologia; Esportare
la libertà; Intervista sul potere), proponendo un confronto reciprocamente
illuminante tra l’esperienza antica e gli attuali fenomeni politici.
 
 20.45 • piazza mantegna • ingresso libero
Dario Maestripieri
DOMINANZA E GERARCHIE
La scienza e la letteratura rivelano perché il potere esiste e come funziona
lavagne
Dario Maestripieri, professore di Biologia del comportamento alla University
of Chicago, spiega le dinamiche del potere nelle relazioni personali e nelle
società umane utilizzando concetti di biologia evoluzionistica e di economia ed
illustrando le teorie con esempi tratti dalla cultura di massa e dalla letteratura.
per saperne di più sulle lavagne.
 
 20.45 • liceo classico Virgilio • € 5,00
Paolo Bacigalupi con Tullio Avoledo
IL FUTURO È UN GENE STREGATTO
“Niente è certo”, si ripete uno dei protagonisti del romanzo
La ragazza meccanica, tanto meno in un secolo in cui i combustibili fossili sono
un lontano ricordo, in cui la contrazione economica ha sovvertito l’ordine
mondiale e in cui spregiudicate aziende caloriche provocano lotte fratricide e
terribili mutazioni nel tentativo di accaparrarsi il bene più prezioso del futuro:
le varianti genetiche di cibi e sementi. Nel confronto tra Tullio Avoledo e Paolo
Bacigalupi, uno dei più talentuosi giovani narratori nordamericani, la migliore
letteratura fantascientifi ca si fonde con l’ecologia e torna a imporsi come uno
strumento imprescindibile per decifrare il presente.
 
 20.45 • basilica palatina di santa barbara • € 5,00
Adriana Lisboa con Lella Costa
LETTERATURA VERDE-ORO
“Io, con un cognome che evoca la capitale portoghese, un secondo nome
catalano, Fábregas, che i nordamericani non sanno pronunciare e il cognome
ebreo russo di mio marito, Gurevitz, sono, come la maggioranza dei brasiliani,
un melting pot!”. Il premio José Saramago vinto nel 2003 per Sinfonia in bianco e
la nomina tra i migliori autori latino-americani al di sotto dei 39 anni nel 2007,
nell’ambito del progetto Bogotà39 del Festival di Hay-on-Wye, hanno conferito
ad Adriana Lisboa la fama e il lustro di nuova star della narrativa brasiliana.
L’autrice di Blu corvino e Hanoi arriva a Mantova per parlare dei suoi libri, del suo
lavoro di traduttrice, delle sue letture ma anche del suo paese. La incontra Lella
Costa, Ambassador e portavoce WE per Expo 2015.
evento realizado com o apoio do /realizzato con il contributo di Ministério da
Cultura do Brasil / Fundação Biblioteca Nacional
 
 21.00 • tenda sordello • ingresso libero
Pino Cacucci e Carlo Lucarelli
IL CRAMPO DELLO SCRITTORE accenti
Che fare quando la storia si incaglia, quando la scrittura si blocca? Di sicuro non
basta massaggiare il polso e l’avambraccio per qualche minuto. Carlo Lucarelli
con Bottega Finzioni e Pino Cacucci ne parlano con il pubblico e altri scrittori.
 
21.00 • cinema oberdan • € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo dell’evento)
Pagine Nascoste
ROQUE DALTON, FUSILEMOS LA NOCHE!
di Tina Leisch | Austria/Cuba, 2013, 85 minuti
Anteprima italiana
Roque Dalton è stato il più importante poeta di El Salvador. La sua vita è
un’avventura, la sua poesia una pioggia di scintille scatenate dall’incontro tra
utopia e sensualità, convinzioni rivoluzionarie e slanci eretici. Condannato a morte
dalla dittatura per le sue attività sovversive, riuscì per ben due volte a evitare
l’esecuzione. Era il fi glio illegittimo di un’infermiera salvadoregna e di un milionario
nordamericano, discendente dei leggendari fratelli Dalton. Visse in Messico e a
Praga, scrisse la maggior parte delle sue opere dall’esilio a Cuba, ma contribuì
lo stesso a fondare l’Ejército Revolucionario del Pueblo, prima organizzazione
politico-militare del suo paese. Il suo assassinio resta tuttora un mistero.
 
21.15 • tempio di san sebastiano • € 5,00
Roberto Costantini e Stefano Tura con Luca Crovi
IL MALE VICINO giallo italiano
Dove porta la ricerca della verità quando dietro una serie di omicidi si nasconde
l’abisso? E come si racconta una storia, quando si vogliono evocare le pulsioni
più oscure e sinistre? Roberto Costantini, autore di una Trilogia del male, affi da
al giovane e arrogante commissario Balistreri alcuni casi di morti violente nella
Roma distratta e torbida dell’inizio degli anni Ottanta; Stefano Tura (Il killer
delle ballerine, Tu sei il prossimo), lascia indagare l’ispettore Alvaro Gerace e il
giornalista Luca Rambaldi su delitti di cubiste e bambine in una Romagna in cui
si intrecciano perversione e omertà. Due giallisti aff ascinati dal male, in dialogo
con il giornalista Luca Crovi.
 
21.15 • piazza castello • € 5,00
Francesco De Gregori con Marino Sinibaldi
LA SMANIA DI NON ESSERE IL CANTAUTORE
CHE SONO
“Io considero la canzone qualcosa di molto popolare e easy, mentre l’immagine
del cantautore, che pure io ho incarnato e incarno (...) viene identifi cata
spesso come un artista che vuole tirare molto il tessuto della canzone per
farla diventare qualcosa di più nobile…”. Autore di testi tra i più suggestivi e
rivoluzionari della canzone d’autore “made in Italy”, Francesco De Gregori
ha realizzato negli anni una galleria di personaggi e una raccolta di fi abe che
descrivono la parabola italiana dal ’68 a oggi. Intellettuale e appassionato di
musica popolare, ha sempre costruito le sue canzoni avendo come riferimento
la poesia europea del Novecento, scrivendo versi di potente forza evocativa
e accompagnandoli con una musica originale e complessa. In occasione
dell’uscita della sua biografi a fotografi ca Guarda che non sono io, insieme al
giornalista Marino Sinibaldi De Gregori racconta oltre quarant’anni di carriera
trascorsi tra studi di registrazione, incontri e concerti.
 
 21.30 • teatro ariston • € 10,00
Bruno Gambarotta e la Banda Città di Mantova
SESSANT’ANNI DI TELEVISIONE IN MUSICA
Il 3 gennaio 1954 prendono uffi cialmente il via le trasmissioni della televisione
italiana. È l’inizio di una rivoluzione culturale che ha profondamente trasformato
il costume e la società italiana e il nostro modo di stare insieme. I programmi,
le musiche, i volti dei protagonisti della televisione sono diventati la più
grande, forse l’unica, memoria condivisa di tutto il paese. Bruno Gambarotta ci
accompagna con la consueta ironia lungo i sessant’anni di questa straordinaria
avventura tra aneddoti, ricordi, ritratti di personaggi, seguendo la trama
musicale ordita dalla Banda Città di Mantova su canzoni e sigle che hanno fatto
la storia della televisione.
 
 22.30 • teatro bibiena • € 10,00
Mariano Tomatis e il collettivo Wu Ming
LABORATORIO DI MAGNETISMO RIVOLUZIONARIO
“È giunto il tempo per la rivoluzione di cui ha bisogno la Francia. Ma (...) per
riuscire nell’intento occorre ammantarsi di mistero” (Nicolas Bergasse, primo
discepolo di Franz Anton Mesmer). Nel teatro della Rivoluzione Francese si
aggirano eroi e fantasmi. Sui tetti e nelle piazze, ad animare gli scontri è una
forza misteriosa, un fl uido mesmerico che muove i destini oscurando i lumi
della ragione. La fertile interazione tra magia e letteratura che attraversa
L’armata dei sonnambuli culmina in questo laboratorio in cui l’illusionismo si fa
storytelling. Al grido di “magia al popolo!” il romanzo dei Wu Ming si trasforma
in una fantasmagoria di letture, esperimenti di mesmerismo, gag illusionistiche,
proiezioni multimediali, incursioni storiche e giochi di prestigio.
regia Carlo Bono, con Ferdinando Buscema, Angelo Cauda, la sonnambula Nella
Zorà e Beppe Brondino.
 
 22.30 • conservatorio di musica “campiani” • € 10,00
DORMONO SULLA COLLINA
un reading dal libro di Giacomo Di Girolamo
Il 12 dicembre 1969 esplode la bomba di Piazza Fontana. Finisce la storia quasi
felice dell’Italia che ha ripreso fi ducia dopo la guerra, dalla stagione costituente
agli anni del boom economico. Inizia un’altra storia, tesa, luttuosa, che arriva fi no
ai giorni nostri. Sul palco salgono a raccontarla tutti coloro che ne sono rimasti
vittime: politici, intellettuali, giornalisti, sacerdoti, imprenditori, persone note e
meno note che ancora oggi attendono di avere giustizia. Le voci di queste persone
strappate con violenza alla vita ci rivelano cose che non sappiamo, che mai hanno
ottenuto spazio nelle cronache uffi ciali. In questo coro di oscure trame e aspirazioni
interrotte si rispecchia la soff erta vicenda dei nostri ultimi quarant’anni.
regia di Vincenzo Zampa, con Elena Arcuri, Alessandro Lussiana, Silvia Pernarella,
Bianca Pugno Vanoni e Vincenzo Zampa.
 
22.30 • piazza leon battista alberti • ingresso libero
Fabio Geda
BLURANDEVÙ
volontari, all’intervista!
Fabio Geda ha iniziato la sua carriera scegliendo la strada: educatore per i servizi
sociali del Comune di Torino, ha lavorato con i minori a San Salvario e in seguito
con adolescenti, in prevalenza provenienti da altri paesi, accolti in case alloggio.
Tanti giovani stranieri, tante vite in movimento per scelta o necessità, tante identità
in costruzione. Da qui vengono gli eroi ragazzini dei suoi romanzi – Emil, Marta,
Corrado, Enaiatollah, Zeno – e anche Andrea Luna, protagonista di Se la vita che
salvi è la tua. “Tutte le mie storie,” ha scritto Geda, “in qualche modo, sono tentativi
di risposta a domande come: Chi sono? Chi vorrei essere? Perché sono così?”. A
verifi care se le sue risposte sono corrette, saranno i ragazzi di blurandevù.
 
22.30 • piazza mantegna • ingresso libero
Fabrizio Puglisi
‘ROUND MIDNIGHT:
IL JAZZ DI THELONIOUS MONK Lavagne - esempi di scrittura musicale
Thelonious Monk rappresenta una delle icone del jazz: musicista eccentrico
ma rigoroso e consapevole, innamorato della tradizione e delle forme del
jazz “classico”, ma naturalmente votato alla asimmetria e all’imprevedibilità,
dotato di un suono tagliente più simile ad una percussione africana, che non
alla letteratura pianistica dell’Ottocento. Cercheremo di capire perchè la sua
musica rappresenta ancora oggi una inesauribile fonte di ispirazione per il
pubblico e per i musicisti più avventurosi e trasversali.
per saperne di più sulle lavagne.
 
 23.00 • piazza Lega Lombarda • ingresso libero
La Compagnia della Lettura coordinata da Luca Scarlini
FIABE D’AUTORE DEL NOVECENTO