Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

La “caccia ai tesori” lancia Phygital city

Al gioco partecipano in 350: sperimentata l’applicazione da telefonini per esplorare la città

MANTOVA. Grande successo per la prima edizione della "Caccia ai tesori", un viaggio fisico, e digitale allo stesso tempo, pensato per scoprire e valorizzare le perle e i gioielli artistici e architettonici di Mantova Capitale. L'iniziativa, realizzata da Fabbricadigitale e patrocinata dal Comune, è stata pensata per promuovere il progetto di Mantova Phygital city, la prima applicazione per smartphone, disponibile gratuitamente per Apple e Android, che permette a cittadini e a turisti di interagire con la città ed esplorare tutti gli eventi e le opportunità offerti dalla città attraverso l'uso dei dispositivi digitali.

Il gioco ha coinvolto molti partecipanti, gruppi di amici e famiglie, 350 persone in tutto. Partendo da piazza Martiri grandi e piccini sono stati coinvolti in un'emozionante caccia al tesoro in sette tappe per le vie e le piazze, Seguendo le indicazioni e gli indizi forniti dalla app sono stati guidati non solo attraverso i luoghi più noti e caratteristici, come le Pescherie, la Torre dell'orologio, la Casa del mercante o la Tur dal Sucar, ma anche alla riscoperta degli angoli più nascosti e meno conosciuti di Mantova, come il bassorilievo di via Orefici e la Casa del cappellaio, per terminare in piazza Virgiliana sotto la statua di Virgilio. Ogni volta che veniva risolto un indovinello, l'applicazione rivelava ai concorrenti la presenza di un tesoro del patrimonio storico, artistico o culturale della città e svelava l'indizio successivo.

I primi dieci classificati che sono riusciti a risolvere tutti gli indovinelli e a concludere il percorso nel minor tempo possibile sono stati premiati sul palco allestito in piazza Erbe. I vincitori, Francesca Simoni e Luca Zanardi, sono stati i più veloci: hanno concluso il gioco in dieci minuti e 37 secondi e hanno ricevuto in premio lo Swatch a edizione limitata realizzato appositamente per celebrare Mantova Capitale della cultura. Tra i premi messi a disposizione dal Comune anche i pass per il backstage del concerto di Max Gazzè e per la diretta Fifth Avenue di Radio Base, diverse Mantova card, gadget di Mantova Capitale e cesti con prodotti tradizionali mantovani. «E' stato un successo inaspettato – commenta Francesco Meneghetti di Fabbricadigitale – per strada ho visto tanta gente incuriosita che avrebbe voluto partecipare. Abbiamo già ricevuto molte richieste per realizzare il gioco in altre città».