Quotidiani locali

CASTIGLIONE

Altri undici orti sociali, vietati i pesticidi e i semi Ogm

CASTIGLIONE. Gli orti sociali sono uno dei progetti voluti dall’amministrazione comunale di Castiglione delle Stiviere, anticipando di fatto quando hanno poi messo in atto molte amministrazioni...

CASTIGLIONE. Gli orti sociali sono uno dei progetti voluti dall’amministrazione comunale di Castiglione delle Stiviere, anticipando di fatto quando hanno poi messo in atto molte amministrazioni mantovane, ma non solo. Iniziati e inaugurati dall’assessore Luigi Guarisco, con la creazione del primo orto in via Nenni, ora l’amministrazione, con l’assessore Carattoni, è pronta nei prossimi giorni a inaugurare anche il secondo orto sociale in via Garcia Lorca. Si tratta di 11 spazi, di circa 20 metri quadrati, delimitati gli uni dagli altri e abbelliti da passaggi pedonali tracciati; sono dotati di allacci per l’irrigazione e hanno un deposito per gli attrezzi, di uso comune a tutti gli assegnatari del lotto. Il costo complessivo dell’opera è di circa 24mila euro, con appalto per la realizzazione vinto da una ditta di Remedello. Gli orti, come è accaduto per via Pietro Nenni, saranno assegnati a cittadini e associazioni che avevano presentato domanda e sono in possesso dei requisiti previsti

. Gli assegnatari si impegnano a coltivare l’orto evitando l’uso di pesticidi, diserbanti e sementi ogm, e a versare al Comune una quota forfettaria annua per il consumo dell’acqua.

«L’esperienza positiva di via Nenni ha confermato che questa è una strada giusta. Vogliamo realizzare un orto sociale - afferma l’assessore Cecilia Carattoni - e creare uno spazio da coltivare e da gestire in condivisione; è favorire le condizioni ideali allo scambio; è valorizzare aree verdi pubbliche scarsamente utilizzate; è dare vita ad un luogo di incontro e di socialità; è promuovere benessere; è predisporre un luogo in cui sperimentare, attraverso le buone pratiche di coltivazione, la cultura del buon cibo e della sana alimentazione; è contrastare le condizioni di disagio poiché permette l’autoproduzione alimentare; è, insomma, una azione di buona politica che ha l’obiettivo di migliorare la qualità della vita della propria comunità». (lc)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista