Quotidiani locali

mantova

Affitti più bassi in città, intesa per gli sconti fiscali

Firmato l’accordo tra Comune, inquilini e proprietari per il canone concordato. Contratti di 3 anni più 2, cifre da pagare fissate in base a parametri prestabiliti

MANTOVA. Dopo tredici anni, il Comune di Mantova ha stipulato con le associazioni degli inquilini e dei proprietari immobiliari il nuovo accordo territoriale per l’affitto a canone concordato. È il primo ente locale a farlo e, quindi, si pone come apripista per gli altri. «A settembre dovremo trovarci per ridiscutere gli accordi negli altri Comuni» rilanciano i sindacati degli inquilini Sunia, Sicet e Uniat, trovando la disponibilità di Confedilizia, proprietari fondiari e piccoli proprietari.

SCARSO UTILIZZO. In attesa, Mantova si pone all’avanguardia con la possibilità di stabilire contratti d’affitto di tre anni più due ad un canone più basso rispetto a quello di mercato, predeterminato in base a precisi criteri. E con una serie di vantaggi fiscali sia per i proprietari che per gli inquilini. «Nelle città vicine - ha osservato l’assessore ai lavori pubblici e alla casa Nicola Martinelli - il 90% dei contratti d’affitto sono a canone concordato; da noi sono molti di meno». Il vice sindaco Giovanni Buvoli fornisce le cifre: «A Mantova solo il 10% dei 7mila contratti d’affitto è a canone concordato; però il suo utilizzo è in costante crescita: nel 2013 erano 36, nel 2014 51, nel 2015 102».

NUOVE FASCE. In base al nuovo accordo la città è stata suddivisa in quattro fasce (prima erano tre): centro storico; semi centrale (vallette Paiolo e Valsecchi, Pompilio, Te Bunetti e Belfiore); semi periferica (Cittadella, Angeli, Dosso del Corso, Borgochiesanuova, Ponte Rosso e Colle Aperto); periferica (Lunetta, Frassino, Virgiliana, Castelletto Borgo, Formigosa, Rabin, Castiona e Boccabusa). Ogni zona è stata, a sua volta, suddivisa in tre fasce per determinare il valore di riferimento al metro quadrato all’anno: centro da 53,82 a 60,84 euro, da 60,85 a 67,86 e da 67,87 a 72,54; semi centrale da 46,74 a 52,44 euro, da 52,45 sa 58,14 e da 58,15 a 62,70 euro; semi periferica: da 42,90 a 47,30, da 47,231 a 51,70, da 51,71 a 56,10; periferica: da 38,88 a 43,20, da 43,21 a 46,44 e da 46,44 a 49,68. Nel testo dell’accordo è stato inserito anche un contratto tipo.

CARATTERISTICHE. L’inserimento in una o nell’altra delle tre fasce dipende dalle caratteristiche dell’appartamento da affittare. La novità dell’accordo consiste in una griglia di 35 caratteristiche dell’immobile come il fatto che, ad esempio, sia arredato, che abbia un posto auto, sia dotato di impianto di allarme o di climatizzazione, abbia un’antenna satellitare, un balcone, eccetera. Rientrano nella prima fascia gli alloggi che presentano sino a tre elementi, nella seconda almeno quattro, nella terza almeno otto elementi. Per il calcolo dell’affitto bisogna poi applicare dei precisi e complessi parametri specificati nell’accordo.

VANTAGGI. Li ha illustrati Buvoli. L’inquilino pagherà un canone più basso rispetto al prezzo di mercato. Se l’immobile sarà la sua abitazione principale godrà anche di agevolazioni fiscali: una detrazione Irpef di 495,80 euro se ha un reddito sino a 15.493,71 euro; di 2447,90 euro se il reddito è superiore a quella soglia e inferiore a 30.987,41 euro. Il proprietario avrà uno sconto del 30% sulla base imponile (se il canone annuo è di 4.500 euro, l’Irpef verrà calcolata su 1.350 euro); se il proprietario decide di applicare la cedolare secca del 10% anzichè quella del 21% sui contratti con concordati (se il canone è di 4.500 euro si pagheranno 450 euro). Accanto ai vantaggi stabiliti dal Governo ci sono anche quelli voluti dal Comune. Il proprietario che utilizzerà il canone concordato avrà anche uno sconto sull’Imu: l’aliquota, infatti, scenderà dal 9,6 per mille al 9, oltre ad uno sconto del 25% sull’imposta calcolata. Se un immobile vale 100mila euro, il locatore pagherà 675 euro di Imu, anzichè 960.

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon