Quotidiani locali

san martino

Incendio divampa nel panificio Danni per oltre centomila euro

SAN MARTINO. Un corto circuito nel reparto di produzione, probabilmente all'inverter del fotovoltaico, potrebbe essere all'origine dell'incendio sviluppatosi nelle prime ore di ieri all'azienda di...

SAN MARTINO. Un corto circuito nel reparto di produzione, probabilmente all'inverter del fotovoltaico, potrebbe essere all'origine dell'incendio sviluppatosi nelle prime ore di ieri all'azienda di prodotti da forno di Gianluca Rota, da otto anni nella zona artigianale di via Primo Maggio a San Martino dall'Argine. Ad accorgersene alle 2.45 sono stati due giovani operai che riprendevano il lavoro dopo Ferragosto seguiti a ruota dal datore di lavoro. Entrando in zona industriale hanno visto che stranamente i capannoni non erano illuminati, poi girando nella via hanno notato subito che dalle finestre della ditta uscivano fiamme. All'immediato allarme di Rota e dei dipendenti, sono arrivati i vigili del fuoco di Viadana. Le strutture sono fortunatamente salve come pure le attrezzature spostate in tempo.

Il fuoco per fortuna non si è propagato nella zona silos, che contiene 500 quintali di farina, che per forza elettromagnetica potevano scoppiare nel secondo capannone adibito a garage e deposito. I danni sono comunque ingenti: impianti elettrici, muri, vetri, luci. Si stima sui 100mila euro, a cui si dovranno sommare quelli della mancata produzione.

Gianluca Rota, classe 1960, ha cominciato a fare il panettiere nel 1975 continuando a Castellucchio col fratello l'attività del papà Aldo. Non è il tipo che si scoraggia, ora vuole in ogni modo ripartire entro una settimana. L'azienda Rota è leader in zona del settore pane e prodotti da forno come schiacciatine, brioches. Conta 8 punti vendita diretti (San Martino, Bozzolo, Asola, Marcaria, Acquanegra, Rivalta, Castellucchio e Gazzuolo) e rifornisce numerosi supermercati. Trenta i dipendenti. (a.p.)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista