Quotidiani locali

mantova

Nasce l’aula a 12 in Provincia. Al centrosinistra 7 seggi: ci sono solo due donne

Elezioni provinciali: il consiglio. Primo votato Palazzi seguito da Volpi di Castiglione, terza la Zaltieri. In città Grandi con il sindaco di San Giorgio e il centrodestra si spacca

MANTOVA. Sette seggi alla lista di centrosinistra Uniti per la provincia di Mantova che sosteneva Beniamino Morselli (totale voti ponderati 44.925), quattro a Cambiare insieme Rebuschi presidente (28.861 preferenze ponderate), uno a Civici mantovani che sosteneva il sindaco di Ponti sul Mincio (9.263 voti ponderati): questa la composizione del nuovo consiglio provinciale di Mantova, il primo non votato direttamente dai cittadini. E tra i 12 che resteranno in carica per i prossimi due anni: solo due donne.

Le preferenze
Le preferenze

IL NUOVO CONSIGLIO. Primo eletto: il sindaco di Mantova Mattia Palazzi con 6.426 voti ponderati corrispondenti a 22 effettivi. Insieme a lui occuperanno i banchi della maggioranza: la ex vicepresidente di Palazzo di Bagno nonchè consigliere comunale ad Asola Francesca Zaltieri (5.450 voti ponderati corrispondenti a 33 preferenze), il sindaco di Villa Poma Alberto Borsari (5.184 voti ponderati, 78 effettivi), il primo cittadino di Suzzara Ivan Ongari (5.075 voti ponderati, 32 effettivi), quello di Sabbioneta Aldo Vincenzi (4.019 voti ponderati; 43 effettivi), quello di Castiglione delle Stiviere Alessandro Novellini (3.825 voti ponderati, 26 effettivi) e infine il sindaco di Marmirolo Paolo Galeotti ( 2.928 voti ponderati, 23 effettivi).

leggi anche:

Con 5.953 voti ponderati (corrispondenti a 30 preferenze effettive) il secondo degli eletti è invece il consigliere comunale di Castiglione delle Stiviere Enrico Volpi di «Cambiare insieme Rebuschi presidente» che sarà all’opposizione. Della stessa lista sono stati poi eletti il consigliere di Volta Mantovana Francesco Federici (5.368 voti ponderati, 41 effettivi); il sindaco di Guidizzolo Stefano Meneghelli (3.250 voti ponderati; 26 effettivi) e il consigliere comunale di Commessaggio Alessandro Sarasini (3.081voti ponderati, 35 effettivi). Unica eletta della lista «Civici mantovani» con 3.618 preferenze ponderate (16 effettive) è Renata Riva, consigliere comunale di Curtatone.

Dei primi cittadini esclusi da Palazzo di Bagno sette erano candidati nella lista a sostegno di Rebuschi (sono i sindaci di Gazoldo, Casalmoro, Roncoferraro, Borgo Virgilio, Castelbelforte, Poggio Rusco e Serravalle) e uno (Casalromano) in quella per Morselli.

IL VOTO IN CITTÀ. Su 33 aventi diritto in via Roma, in 30 hanno votato per le elezioni provinciali. Venti le preferenze andate al candidato di centro sinistra Beniamimo Morselli e 5 quelle per lo sfidante Giorgio Rebuschi. Considerato la maggioranza di via Roma conta 21 esponenti e Sinistra Italian aveva annunciato scheda bianca, ai 19 rimasti se ne è aggiunto un voto dell’opposizione: è quello Alberto Grandi di Comunità e Territori, come da lui confermato. Dei nove consiglieri di centrodestra presenti in Comune, solo in 5 hanno espresso la preferenza per Rebuschi, un risultato che riflette le polemiche scoppiate nel centrodestra per la mancata candidatura di Andrea Gorgati al consiglio provinciale.

leggi anche:

E il commento postato mercoledì 31 su Facebook da Paola Bulbarelli lo conferma: «Il vero e unico rammarico resta che nessun consigliere della città di Mantova potrà rappresentare la nostra bella gente. Peccato! Un’occasione persa per la totale mancanza di collaborazione, unità e dialogo». Soddisfatta invece la coordinatrice provinciale di Forza Italia Anna Lisa Baroni che rigrazia Rebuschi per «essersi messo a disposizione per una competizione elettorale difficile» e osserva che «la differenza di voti numerici tra i due candidati è esigua» e che «il blocco dei civici porta poi a casa 5 consiglieri contro i 7 del centrosinistra».

CINQUE SCHEDE NULLE. Su 695 votanti, 472 erano uomini e 223 le donne. Alla fine dello scrutinio le schede valide sono risultate 668, quelle nulle 5 e quelle bianche 22. Curiosità: non pochi elettori si sono confusi inserendo le schede nell’urna sbagliata.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista