Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Conto alla rovescia per i tre ricorsi

Dovranno essere depositati al Tar entro venerdì 30 settembre: in prima linea sindaci e comitati

Mantova. Il conto alla rovescia segna meno cinque giorni da lunedì 26 settembre: i ricorsi al Tar di Brescia per l’annullamento della voltura dell’Aia alla Pro-Gest, concessa dalla Provincia, dovranno essere presentati entro venerdì. Sul tappeto se ne contano tre: quello dei Comuni di Mantova, San Giorgio, Porto Mantovano e Borgo Virgilio, il ricorso del comitato “Insieme per la salute con Gloria Costani - No inceneritore”, e l’altro del comitato civico No inceneritore fondato da alcuni cons ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Mantova. Il conto alla rovescia segna meno cinque giorni da lunedì 26 settembre: i ricorsi al Tar di Brescia per l’annullamento della voltura dell’Aia alla Pro-Gest, concessa dalla Provincia, dovranno essere presentati entro venerdì. Sul tappeto se ne contano tre: quello dei Comuni di Mantova, San Giorgio, Porto Mantovano e Borgo Virgilio, il ricorso del comitato “Insieme per la salute con Gloria Costani - No inceneritore”, e l’altro del comitato civico No inceneritore fondato da alcuni consiglieri comunali d’opposizione.

E a proposito della Valutazione d’impatto sanitario, chiesta dal Comune di Mantova all’Ats e allegata al ricorso dei sindaci, osserva il responsabile dell’Osservatorio epidemiologico, Paolo Ricci, a cui la valutazione è stata affidata, un paradosso. Il sì della Provincia alla voltura dell’Aia da Burgo a ProGest ha generato una situazione più garantista per la salute pubblica: infatti in caso di Valutazione d’impatto ambientale, la misura dell’impatto sulla salute sarebbe toccata all’azienda stessa.

«La proprietà da sola avrebbe potuto scegliere e calcolare i nostri 42 indicatori di salute con lo stesso rigore analitico? – si domanda Ricci – Oggettivamente, Pro-Gest non avrebbe potuto disporre delle informazioni a cui abbiamo avuto accesso noi. Di norma le Vis fatte dalle aziende sono poco consistenti, e comunque mai così dettagliate». Non fosse altro che per una questione di privacy, per definizione i dati individuali sono sensibili. In ogni caso, se pure il Tar ordinasse all’azienda la Via, Pro-Gest non potrebbe più prescindere dallo studio dell’Ats.