Quotidiani locali

mantova

Rifiuti, l’azienda: «Nessuno a casa»

Mantova Ambiente ai 19 dipendenti destinati ad Aprica: «È una società solida»

MANTOVA. «Il passaggio ad Aprica (realtà di primaria importanza a livello nazionale che offre indubbie garanzie di sicurezza) avverrà in continuità, anche di contratto, e senza che vengano pregiudicati o messi in discussione mansioni, salario, luoghi di lavoro e diritti maturati. Nessuno dei dipendenti interessati, pertanto, perderà il posto di lavoro». Lo dichiarano in una nota i vertici di Mantova Ambiente - gruppo Tea - a proposito delle proteste dei lavoratori per le 19 lettere di licenziamento che sono il preambolo per il trasferimento ad Aprica.

Oggi sono previsti incontri dei rappresentanti dei lavoratori e organizzazioni sindacali con il Comune di Mantova, principale socio di Tea alle 10 (ci sarà verosimilmente l’assessore Andrea Murari) e alle 13 con i vertici aziendali. Venerdì, alle 11.30, l’assemblea dei lavoratori al deposito di via Soave farà il punto della situazione e deciderà eventuali iniziative.

«Mantova Ambiente - si legge nella nota dell’azienda - ha individuato il numero e le funzioni dei 19 dipendenti sulla base del maggior numero di ore prestate per l'esecuzione del servizio di igiene urbana - operativo o di tipo amministrativo - nei comuni di Borgo Virgilio, Commessaggio, Curtatone, Dosolo, Gazoldo degli Ippoliti, Ostiglia, Piubega, Serravalle a Po, Sustinente e Villimpenta. Le dinamiche interne indotte dai recenti o dai futuri pensionamenti verranno gestite nel rispetto del miglior equilibrio di sostenibilità dei costi del servizio e di efficienza. E' bene non dimenticare che per la scelta fatta dai dodici Comuni di non affidare il servizio a Mantova Ambiente (oltre ai già citati ci sono Viadana e Guidizzolo) dal 1° gennaio l'attività risulta ridimensionata del 25% circa, con una conseguente importante riduzione del fatturato. E di questo non è possibile non tenere conto. Inoltre, nessuna nuova assunzione è ad oggi prevista, ma solo l'eventuale stabilizzazione del contratto di alcuni lavoratori che collaborano con l'Azienda da alcuni anni».

Informando di essersi resa disponibile all’incontro con le rappresentanze sindacali, la società esprime «profondo rammarico e dispiacere per la situazione, ma è certa di aver fatto quanto possibile per salvaguardare, con gli sforzi compiuti nei mesi scorsi per ottenere i contratti di servizio, tanti posti di lavoro».

Questo potrebbe essere uno degli argomenti di cui discuteranno sindacati, Tea e Comune: i piani per il futuro sviluppo dell’azienda.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista