Quotidiani locali

Il bilancio: 750mila euro incassati dalla Regione

Viadana. Il sindaco Cavatorta: «I fondi attiveranno progetti per 2,37 milioni» Impianti sportivi, sicurezza, cultura i settori che saranno oggetto degli interventi

VIADANA. Nel corso dell’anno 2016, il Comune di Viadana ha ricevuto contributi per complessivi 748mila euro. Le somme incamerate hanno attivato progettualità per due milioni 368mila euro. Il 100 percento dei contributi incassati è stato erogato dalla Regione.

Per accedere a tali risorse, il Comune ha sottoscritto accordi di programma, oppure partecipato – da solo, o in rete con altri enti – a bandi regionali. I progetti sottoposti ai bandi sono stati redatti dagli uffici municipali interni in collaborazione con l’Ufficio bandi di Reindustria (agenzia di sviluppo locale della Provincia di Cremona, con cui molti Comuni del territorio Oglio-Po sono convenzionati). A fornire il rendiconto, il sindaco di Viadana, Giovanni Cavatorta, e la responsabile dell’Ufficio bandi, Lara Cavalli.

Accordo di programma per la riparazione e l’adeguamento sismico del PalaFarina: il Pirellone ha messo a disposizione 400mila euro, sul milione e 700mila che serviranno per l’intervento. Il Comune coprirà la propria quota parte col risarcimento assicurativo e risorse proprie. Bando per la riqualificazione degli impianti sportivi: da Milano sono arrivati 225mila euro, sui 450mila necessari per la riqualificazione dello stadio “Bertolani”. Bando regionale per la sicurezza urbana: Viadana ha ricevuto 30mila euro, sui circa 63mila occorsi per riqualificare e potenziare il sistema di videosorveglianza pubblica. Stanziamenti regionali per la cultura e la valorizzazione dei musei: a Viadana sono arrivati 18mila euro, sui circa 35mila necessari per completare il progetto di allestimento multimediale del museo civico “Parazzi”.

Nel complesso, contributi per 673mila euro sono stati destinati ad investimenti in patrimonio ed infrastrutture. I restanti 75mila euro vanno a finanziare azioni immateriali. La realizzazione del progetto “Tempo permettendo” (servizio di maggiordomo aziendale e trasporto doposcuola, attivato per andare incontro alle esigenze delle donne lavoratrici) è costata 30mila euro, di cui 15mila provenienti dalla Regione. Cifre analoghe per l’avvio del progetto “La salute è un bene prezioso” (visite mediche, esami e consulenze gratuiti offerti alle donne in nome della prevenzione). Il progetto “Viadana, Commessaggio e San Martino dall'Argine: città amiche delle famiglie” (azione per la conciliazione dei tempi lavoro-famiglia) costerà 48mila euro, di cui 40mila coperti da contributi. Per l’innovazione tecnologica ed informatica dell’Eco-museo “Terre d’acqua fra Oglio e Po”, infine, sono arrivati 5mila euro, sui 12mila necessari per finire il progetto. «Dalla Regione – sottolinea Cavatorta – sono arrivati anche 38mila euro di sgravi alle famiglie per “Nidi gratis”». (r.n.)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista