Quotidiani locali

canneto sull'oglio

Canneto protesta: l’acqua è gratis

Chi si serve della nuova casetta ora deve pagare, nel mirino Comune e Sicam

CANNETO SULL'OGLIO. A meno di due mesi dalla sua installazione, continuano le polemiche della cittadinanza di Canneto sull’Oglio per la nuova casetta dell’acqua. Una novità assoluta per Canneto: installata in piazza Gramsci a fianco del Museo Civico, è utilizzabile dai cittadini attraverso una tessera magnetica che attiva il circuito di erogazione di acqua naturale e gasata. Il problema, però, è il costo: 5 euro a tessera, disponibile per ogni cannetese e ricaricabile ogni qual volta lo si desideri. Con la prima attivazione è possibile prelevare 100 litri d’acqua. Il costo al litro è quindi di 0,05 euro, chiaramente inferiore al prezzo di mercato in un qualsiasi supermercato.

Già, ma in quel caso si tratta di acqua imbottigliata e in vendita ai clienti sigillata, qui invece si parla di un bene comune che dovrebbe essere appannaggio dei cittadini. Cittadini che già pagano i servizi idrici attraverso le bollette e le tasse. Questo in soldoni il nodo della polemica, che nel fine settimana si è fatta viva tra i cittadini cannetesi.

In molti, durante l’annuale consegna dei sacchi per lo smaltimento della plastica, hanno espresso malumore per un costo che, sebbene non eccessivo, contrasta con il libero accesso all’acqua.

Nella brochure distribuita dalla Sicam, l’azienda che insieme al Comune di Canneto ha installato la casetta, viene specificata la scelta di fornire l’acqua a pagamento: «Fissare un prezzo simbolico – si legge – significa invitarvi a fare un uso più sostenibile e responsabile dell’acqua. Limitando l’acquisto di acqua imbottigliata si riduce l’emissione di anidride carbonica con una conseguente diminuzione dell’inquinamento atmosferico. Un grande vantaggio per l’ambiente».

Tutto vero, ma c’è anche chi sottolinea il fatto che nei paesi limitrofi (ad esempio Fiesse, Piadena, Gambara o Mariana Mantovana) i punti di distribuzione dell’acqua sono gratuiti per i cittadini residenti. La casetta dell’acqua di piazza Gramsci è costata circa 25mila euro, il contributo diretto del Comune all’opera (e quindi dei cittadini cannetesi) è stato di 10mila euro.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista