Quotidiani locali

«Ostiglia unita con Serravalle e Sustinente»

Il Pd dei tre paesi sprona gli amministratori: «Si apra il confronto per arrivare alla fusione comunale»

OSTIGLIA. Il Pd sprona gli amministratori di Ostiglia, Serravalle a Po e Sustinante a formare una nuova unione di Comuni. Il monito è arrivato dai segretari di circolo dei tre paesi che hanno auspicato l’avvio di un processo che abbia come obiettivo finale una fusione.

Secondo il Pd la gestione associata è l’unica possibilità per le piccole realtà di rendere più efficiente l’attività amministrativa, garantendo migliori servizi ai cittadini e recuperando fondi da investire per le opere pubbliche. Rimanendo da soli i piccoli Comuni sono destinati a forti penalizzazioni economiche e rischiano la paralisi dell’attività amministrativa, spiegano i segretari.

Il Pd vede in questo processo il futuro e invita a guardare anche alla fusione in corso oltre il Po tra Pieve, Revere e Villa Poma.

«Chiediamo ai nostri rappresentanti nei consigli comunali: sindaci, assessori e consiglieri – dicono i tre segretari, Luca Martini di Ostiglia, Mirko Bellutti di Serravalle e Mauro Salvaterra di Sustinente – di valutare la ripresa di un dialogo costruttivo che porti all’unione e alla successiva fusione dei tre Comuni. Naturalmente bisogna aprire il confronto anche con le altre forze politiche che ritengano positivo questo passaggio».

Attualmente Serravalle e Sustinente hanno già costituito un’unione, la Mincio Po, in deroga alla legge regionale che richiede un numero minimo di 5mila abitanti per formare questi enti, numero che i due Comuni non raggiungono. Un tentativo era già stato avviato , coinvolgendo anche Roncoferraro, ma il processo di unione a quattro era saltato nel 2015, quando proprio Roncoferraro si era sfilato. Successivamente Ostiglia aveva temporeggiato e i due Comuni restanti avevano deciso di andare avanti con l’unione, ottenendo la deroga dalla Regione. «Serravalle e Sustinente, che stanno operando insieme – dicono i tre segretari – sono Comuni troppo piccoli per numero di abitanti e per carenza di alcuni servizi che, unendosi con Ostiglia sarebbero migliorati».

Giorgio Pinotti

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista