Quotidiani locali

salute

Mantova, smog davanti alle scuole. In 430 chiedono controlli 

I genitori di Nievo, Ardigò e Sacchi: «Daremo la petizione agli assessori». La proposta all’amministrazione comunale: «Realizzate percorsi protetti per gli alunni»

MANTOVA. Hanno raccolto più di 400 firme per chiedere il monitoraggio delle condizioni dell’aria attorno alle scuole elementari e alla media del comprensivo Mantova negli orari d’ingresso di bambini e ragazzi. Sono pronti a consegnare la richiesta all’amministrazione comunale, i genitori degli alunni che frequentano le elementari Nievo e Ardigò e la media Sacchi, preoccupati per le concentrazioni di polveri sottili rilasciate dalle auto che in quella fascia oraria affollano le strade limitrofe alle scuole. Paradosso vuole che molte di quelle auto sono degli stessi genitori (il più delle volte costretti dalle circostanze lavorative a portare i ragazzi a scuola in macchina) dei frequentanti le elementari e la media che si vogliono monitorare.
Il documento, accompagnato da 430 firme annunciano gli organizzatori, verrà consegnato nelle mani degli assessori all’ambiente, Andrea Murari e a quello alla polizia locale, Iacopo Rebecchi.
La richiesta dei genitori non si limita al mero rilevamento dei dati sulla qualità dell’aria ad altezza di bambino nelle fasce orarie calde per il traffico. Chiedono che nell’ambito del "Piano della Mobilità Sostenibile", dei "percorsi protetti" per la salute dei nostri figli adottando anche eventuali restrizioni al traffico veicolare nelle vie sopra indicate».
Una richiesta che non sarà semplice da accogliere, se si considera che le strade coinvolte sono, per fare qualche esempio, via Giulio Romano, via Rippa e via XX Settembre.
Il documento dei genitori chiede il monitoraggio costante e prolungato della qualità dell’aria davanti alle tre scuole.

In particolare avanzano la proposta che venga istituita una campagna di rilevamento del Pm10, Pm2,5 e ossidi di azoto negli orari di tragitto casa-scuola (dalle ore 7.30 alle ore 8.15 e dalle ore 12.50 alle ore 13.20), per tutto il periodo scolastico, nei punti di massima frequenza pedonale come via Giulio Romano, Via Sauro, Via Rippa, Via XX Settembre e ad un'altezza tale da misurare l'effettiva esposizione dei ragazzi.
La convivenza tra traffico e studenti è argomento di discussione da anni, in particolare per le scuole del centro storico.

La zona dove si trova l’elementare Nievo, ad esempio, ospita anche tre scuole superiori statali e la paritaria Redentore. Le ressa di auto (spesso parcheggiate in doppia fila) è un problema reale anche in termini di sicurezza stradale. Problemi analoghi si riscontrano anche in altre zone, come davanti alla media Sacchi, davanti alla Bertazzolo e materna Ferrari e davanti alla paritari di via Mori.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare