Quotidiani locali

mantova

L’allarme del Collegio: «Mancano 50 ostetriche» 

La presidente Mantovanelli: «Speriamo quanto prima in un piano assunzioni». L’azienda Poma corre ai ripari e indice un bando per la nuova graduatoria

MANTOVA. Secondo l’Oms nel mondo c’è carenza di ostetriche. E la provincia di Mantova non fa eccezione. «Siamo in sofferenza – conferma Daniela Mantovanelli, presidente del Collegio provinciale ostetriche, che conta 176 iscritte – mancano ostetriche nei reparti di ostetricia e ginecologia, nei nidi e anche nei consultori familiari. E in alcuni casi la loro presenza è azzerata». Per questo l’azienda Poma ha indetto un bando per una graduatoria. «Speriamo finalmente in un piano di assunzioni – continua – all’Azienda abbiamo chiesto audizione, per conoscere i programmi e fare le nostre considerazioni».
Secondo Mantovanelli in provincia potrebbe mancare una cinquantina di ostetriche, qualora si volesse fare riferimento ai posti che, per specificità di formazione e sensibilità acquisite, spetterebbero loro e che invece molto spesso sono affidati a infermieri generici. «L’ostetrica – precisa Mantovanelli – non è solo chi esegue il Pap-test, sta col medico durante le visite o aiuta nel parto. Al contrario, è la figura che affianca la donna in tutta la sua esistenza, e le garantisce una continuità assistenziale in percorsi non sempre semplici o felici».


L’ostetrica può ad esempio accompagnare la donna in occasione di scelte dolorose (come l’aborto, volontario o meno); a lei spetta di spiegare il significato del termine prevenzione o di far capire l’importanza di allattare al seno. Aiuta le donne a comprendere il cambiamento del corpo in adolescenza e in menopausa, nelle scelte contraccettive e nell’adozione di comportamenti pre-concezionali salubri. «L’ostetrica – rimarca Mantovanelli – tutela la libertà delle donne, evitando di giudicarne le scelte. È colei a cui la donna confida ciò che non può o vuole dire ad altri, come problematiche sessuali o violenze subite. Aiuta le donne a ritrovare la forma dopo una gravidanza e incoraggia le neo mamme».
Il Collegio promuove intanto un corso di perfezionamento per ostetriche: cinque incontri (dal 25 marzo al Green Park). Le lezioni verteranno su contraccezione, assistenza alla gravidanza, percorso nascita, patologie del pavimento pelvico, neoplasie ginecologiche, menopausa. Per l’area neonatale ci sarà un approfondimento successivo. All’iniziativa, promossa con Paolo Zampriolo, primario di ostetricia e ginecologia al Poma, sono invitate le libere professioniste come le dipendenti di ospedali e consultori. Relazioneranno tra gli altri: il professor Genazzani dall’università di Modena-Reggio, il prof. Gambera dell’ospedale di Brescia, il prof. Festa dell’università di Trieste, il prof. Brambilla da Milano, la presidente del Collegio di Modena Della Valle. Tutti interventi a titolo gratuito. Previsto l’intervento per un saluto anche di Marco Collini, presidente dell’Ordine dei medici.
Riccardo Negri

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NUOVE OPPORTUNITA' PER CHI AMA SCRIVERE

Servizi, una redazione a disposizione dell'autore