Quotidiani locali

gonzaga-viadana

Maxi controllo dei carabinieri: undici persone denunciate

Fermate 143 persone e 84 veicoli, raffica di contravvenzioni

GONZAGA-VIADANA. I Carabinieri dei Comandi Compagnia di Gonzaga e Viadana, nel corso di un servizio straordinario a largo raggio di controllo del territorio mantovano, svolto nella giornata del 23 marzo, finalizzato al contrasto dei reati predatori ed ad intercettare persone di interesse operativo, hanno denunciato a piede libero 11 persone, hanno controllato 143 persone e 84 mezzi  elevando 11 contravvenzioni al Codice della Strada. Controllati pure tre esercizi pubblici. 

Nel dettaglio, alcune denunce: a San Giacomo delle Segnate, i militari della locale Stazione locale, hanno denunciato per il reato di “inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità”, un 54 enne italiano del posto che non aveva ottemperato entro i termini imposti, all’ordinanza del sindaco in materia ambientale e di sicurezza antincendio.

Sempre a San Giacomo i carabinieri hanno denunciato per il reato di “esecuzione dell’espulsione inosservanza dell’ordine del Questore a lasciare il territorio nazionale”, un 37enne cinese in Italia senza fissa dimora e denunciato per il reato di “ ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato”, un 31enne cinese in Italia senza fissa dimora.

A Quistello, denunciato per “ ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato”, un 34enne marocchino in Italia senza fissa dimora.

A Viadana, denunciato per il reato di “sostituzione di persona”, una 34enne albanese domiciliata nel mantovano. La donna, con lo scopo di procurare un danno ad un 66enne italiano del luogo, ha telefonato alla centrale operativa dei Carabinieri del luogo, spacciandosi come sua moglie, segnalando che lo stesso frequenta un centro estetico della zona dove si effettuano prestazioni sessuali a pagamento.

A Viadana, denunciato per il reato di “false attestazioni a pubblico ufficiale”, un 49enne italiano del posto. L'uomo, durante un controllo, ha fornito le sue generalità che poi in seguito sono risultate false.

A Bozzolo, è finito nei guai per “simulazione di reato e truffa”, un 47enne italiano della zona. L'uomo, titolare di una carta di credito prepagata, ha simulato di essere stato vittima di due prelievi fraudolenti mediante operazioni on-line, riuscendo ad ottenere indebitamente, il rimborso da parte delle Poste Italiane.

E ancora, a Bozzolo, i carabinieri hanno denunciato per “truffa in concorso”, una 60enne ed un40 enne entrambi italiani residenti in provincia di Venezia: dopo aver venduto on-line un televisore e ricevuto la somma pattuita con un 48enne egiziano del posto, non hanno poi consegnato la merce.

Sempre a Bozzolo, denunciato per  “tentato furto aggravato” un 50enne algerino residente nella zona sorpreso dai militari, mentre tentava di rubare materiale dall’isola ecologica del luogo.

A Castellucchio, segnalato per “truffa”, un 35enne italiano residente nel bergamasco. A seguito di un’inserzione di vendita on-line di un’autovettura, dopo aver ricevuto il versamento della somma pattuita sulla propria carta di credito da un 50enne italiano del posto, l'uomo non ha consegnato il veicolo. 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista