Quotidiani locali

ceresara 

Tutto esaurito alla festa DeCo Possenta: il bilancio è positivo

CERESARA. Con il tutto esaurito registrato alla 3ª festa dei prodotti DeCo della provincia di Mantova, celebrata ieri sera con la cena-spettacolo curata dalla Compagnia delle torri e patrocinata da...

CERESARA. Con il tutto esaurito registrato alla 3ª festa dei prodotti DeCo della provincia di Mantova, celebrata ieri sera con la cena-spettacolo curata dalla Compagnia delle torri e patrocinata da East Lombardy 2017, si è conclusa la 68 ª Fiera della Possenta. L’edizione ha confermato il radicamento di questo appuntamento di primavera, caratterizzato ancora una volta da una grande affluenza di pubblico.
La sindaca Laura Marsiletti e il vice Enrico Burato, quest’ultimo impegnato in prima linea nell’organizzazione e nella programmazione della manifestazione, in serata hanno espresso la piena soddisfazione dell’amministrazione comunale per un risultato che è andato oltre le migliori aspettative. Hanno ringraziato inoltre tutti i gruppi aderenti alla consulta delle associazioni ceresaresi che hanno partecipato alla realizzazione di questa edizione, unitamente agli sponsor, alla Protezione civile, e a quanti hanno contribuito alla buona riuscita della Fiera. Una buona riuscita dovuta in parte ad attrazioni ormai collaudate come il cabaret (protagonista quest’anno era Alberto Farina di Colorado), il ballo liscio (Diego Zamboni), la corsa ciclistica, il grande luna park, i burattini di Corniani, la commedia dialettale interpretata dai Bei Putei di Acquanegra sul Chiese. Spazio, però, anche a un’offerta più originale come il Demolition derby, l’affollatissimo Ceresara Junior Masterchef, la scenografica “Vecchia fattoria” di Pontoglio, le mostre della torre civica e della Fondazione pelati Bonoldi.
Due le novità di maggior successo: lo stand dell’aeronautica militare del VI stormo di Ghedi, con un flusso costante di gente che si è messa pazientemente in coda per potersi infilare nella cabina di pilotaggio del Tornado e lo spettacolo “Li ciorne che abiammo lasciato una storia”, toccante narrazione del sacrificio dei “ragazzi del 99’”, dei quali ricorre il centenario della chiamata alle armi. L’opera, basata sull’autobiografia di Vincenzo Rabito, è stata proposta a Ceresara in anteprima da Saverio Senni dell’università della Tuscia e da Aldo Milea.

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista