Quotidiani locali

mantova

Maxi controllo dei carabinieri: raffica di denunce e arresti

Pattugliamenti straordinari per garantire la sicurezza dei cittadini su tutto il territorio provinciale

MANTOVA. Maxi controllo dei carabinieri su tutto il territorio della provincia. Nella giornata del 31 marzo gli uomini dell'Arma coordinati dal Comando provinciale hanno arrestato 3 persone, hanno denunciato a piede libero 21 persone, hanno controllato 506 persone e 386 mezzi, elevando 1043 contravvenzioni al Codice della Strada, ritirando 2 patenti di guida e decurtando 75 punti. Inoltre sono stati controllati in tutta la provincia  34 esercizi pubblici.

Nel dettaglio:  a Castiglione delle Stiviere, i militari della locale Stazione Carabinieri, hanno denunciato un uomo 55enne, residente nel veneziano, per il reato di “possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli”, un flessibile con i relativi dischi da taglio, di una tronchese, di una pinza e di una punta di martello elettrico.

A Volta Mantovana, denunciato per il reato di “furto aggravato continuato”, un 44 enne marocchino ed una donna 45enne cinese residenti a Monzambano. A seguito della manomissione dei sigilli del contatore del gas i due hanno usufruito abusivamente del gas metano nelle proprie abitazioni. 

A Poggio Rusco,  i carabinieri, hanno eseguito un’ordinanza di carcerazione, emessa in data 23 marzo dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Mantova, nei confronti di un 30 enne italiano residente in provincia di Mantova. Rintracciato dai militari è stato portato in carcere per scontare la pena di 2 anni di reclusione , per il reato di “spaccio di sostanze stupefacenti in concorso”. 

A Carbonara di Po, i militari di Magnacavallo, hanno arrestato per il reato di “evasione ” un uomo 21enne di nazionalità marocchina. Agli arresti domiciliari, a seguito di un controllo non è stato trovato nel proprio domicilio. Dopo varie ricerche, nella tarda serata è stato sorpreso dai militari rientrare nella propria abitazione senza dare giustificato motivo della sua assenza. Ora è in carcere.

 A Quistello, è stato denunciato per il reato di “truffa”, un 28enne italiano residente nel napoletano. Dopo aver pubblicato su un social network un annuncio di vendita di capi di abbigliamento a prezzo conveniente, si è fatto accreditare la somma di 295 euro dall’acquirente, una donna 44 enne italiana del posto, senza però mai consegnarle la merce.

A Suzzara, i carabinieri, hanno denunciato per il reato di “rapina”, un  33 enne marocchino. L'uomo aveva minacciato un 35enne del posto con un coltello facendosi consegnare un cellulare Samsung S5.

A Bozzolo, i militari hanno denunciato un 22enne marocchino domiciliato nella provincia di Parma, “colpito da provvedimento di respingimento con espulsione dal territorio nazionale”.

A Dosolo, è stato denunciato un  41enne indiano, residente nella zona, per i reati di “false dichiarazioni a pubblico ufficiale e sostituzione di persona”.  Fermato alla guida di un’autovettura, ha fornito la carta d’identità, la patente di guida ed il permesso di soggiorno del proprio fratello, a cui somiglia. Il fermato, infatti, non aveva mai conseguito la patente di guida.

A Mantova, i militari della locale Stazione Carabinieri, hanno denunciato per il reato di “furto aggravato “, una 26enne rumena che era riuscita ad impossessarsi di un orologio d’oro ai danni di persona anziana, per poi allontanarsi subito dopo.

A Mantova, i militari della locale Stazione Carabinieri hanno denunciato per il reato di “lesioni personali in concorso e ubriachezza” un 27 enne ed un 23 enne marocchini senza fissa dimora. I due, alla stazione ferroviaria di Mantova in evidente stato di ubriachezza avevano aggredito un 30enne nigeriano residente della zona riportando lesioni personali guaribili in 20 giorni.

A Marmirolo, è stato denunciato per il reato di “invasione di terreni e danneggiamento”, un 51enne italiano del posto che aveva compiuto degli scavi e posizionato tubi idrici su un terreno di proprietà senza preventiva autorizzazione.

A Bigarello, i militari della locale Stazione Carabinieri, hanno denunciato per il reato di “truffa”, un 61enne italiano residente nel veronese. Dopo aver pubblicato su un sito internet un annuncio di vendita di un’autovettura a prezzo conveniente, si è fatto accreditare la somma di 3000 euro dall’acquirente, un uomo 44 enne italiano del posto, senza però mai consegnare l’autovettura e rendendosi irreperibile.

A Quistello, i carabinieri hanno dato esecuzione ad un ordine di custodia cautelare in carcere, emesso dall’ufficio di sorveglianza di Mantova in data 30 marzo, a carico di un 40enne del posto. L'uomo, in prova ai servizi sociali, ha violato reiteratamente le prescrizioni imposte dall’Autorità Giudiziaria e gli è stata revocata la misura. Ora è in carcere

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista