Quotidiani locali

UN PONTE DA PEGOGNAGA ALLA SIRIA

Fermate la strage dei bambini

Due classi delle scuole elementari riflettono sull'ultima tragedia che ha sconvolto il pianeta, l'impiego del gas sui civili. L'appello ai potenti: trovate un accordo per riportare la pace in questo Paese martoriato

Caro direttore,
Io non tollero che ci sia così tanta violenza nel mondo.
Neanche gli animali farebbero una guerra così! Bisognerebbe avere la pace e non la guerra. Perché non fare un mondo migliore? Perché non trovare soluzioni invece di guerreggiare? Forse un po’ di lettere non serviranno a niente ma ne vale comunque la pena di provare a dire le nostre idee. Spero di vivere in un mondo migliore senza sofferenze.


Leonardo IV A
Caro direttore,
la cosa che è successa a Iblid in Siria non mi è piaciuta per niente. Andare a “gasare” delle persone innocenti che non potevano neanche difendersi è stata una cosa orribile, disumana e crudele. Ma stavolta hanno davvero esagerato! È ora di dire basta.
Ormai sono ben sei anni che in Siria si continua ad ammazzare bambini e fare soffrire tanti genitori.
Io come bambino italiano ed europeo dico no! Potenti della terra siate saggi e ponete fine alla guerra.
Luca IV A
Caro direttore,
ho scoperto cha a Iblid è stato sparato del gas sarin e a me dispiace che siano morti tanti bambini. Io ti chiedo di parlare di queste cose sul tuo giornale perché le parole possano arrivare ai potenti. Io so che più di così non posso fare ma so che almeno tu mi ascolterai. Io chiedo anche che a noi tutti non dispiaccia solo adesso visto che è da sei anni che muoiono bambini. Poi voglio dire una cosa ai potenti: smettetela di fare del male alle persone che in questa guerra non centrano niente! Perché uccidere? Perché ferire? Perché quelle persone non hanno il diritto di vivere tranquille?
I bambini hanno il diritto di vivere: sì fateli vivere, fateli crescere, fateli giocare, fateli divertire e avrete un domani persone migliori.
Alessia IV A
Caro direttore,
con il nostro maestro abbiamo parlato di quello che è successo in Siria il 4 aprile.
Gas sarin è stato sganciato dal cielo uccidendo bambini innocenti. Io mi sento molto triste e vorrei che l’Europa in cui vivo intervenga per trovare una soluzione. Immagino di essere un siriano e mi sento perso. Quei bambini non potranno più giocare. E’ ingiusto e orribile.
Ayoub IV A
Caro direttore,
abbiamo saputo che dei bambini sono morti sott’attacco del gas sarin sganciato dagli aerei in Siria. Sono molto arrabbiato perché hanno preso di mira i bambini che non centravano niente. La devono smettere dii bombardare.
Voglio che tutto questo finisca presto!
Alessandro IV A

leggi anche:


Caro direttore,
ho sentito dello sterminio di Iblid ed è incredibile che questo possa succedere. Che cosa hanno fatto di male questi bambini? Perché si sta facendo una guerra in Siria? Potenti se avete la risposta ditela.
Io non ne posso più di questa guerra interminabile e distruttiva. Sganciare bombe non serve a nulla se non peggiorare il conflitto.
Michele IV A
Caro direttore,
abbiamo parlato in classe che il gas sarin, un’arma chimica, ha ucciso tanti bambini e adulti. Io mi chiedo perché da sei anni si uccidono persone innocenti? Le bombe sono cadute dal cielo perfino su un ospedale mentre i medici curavano i feriti. Nemmeno il diritto di curarsi!
Dawood IV A
Caro direttore,
in classe abbiamo letto ciò che è successo in Siria e sono molto dispiaciuto perché ci sono stati morti a causa del gas sarin. Ci sono stati dei bombardamenti perfino sull’ospedale mentre i medici stavano soccorrendo i feriti. Perché tanto male? Dobbiamo dire al mondo: basta guerra!
Diego IV A


Caro direttore,
ti scrivo per esprimere il mio dispiacere per i morti e tra questi molti bambini a causa del gas sarin. Io sono triste e se fossi un politico potente farei sparire le armi chimiche dalla faccia della terra. I bambini non centrano nulla!
Elia IV A
Caro direttore,
a Iblid hanno lanciato il gas sarin che è un’arma chimica e sono d’accordo che questo è un crimine di guerra. Sono morti 27 bambini. I bambini non devono morire, devono poter vivere la loro vita serenamente. Ecco perché noi ne stiamo parlando ai grandi, perché sentano le nostri voci.
È da sei anni che muoiono bambini in Siria e non si smette ancora di uccidere. E quei 59 missili sono serviti a risolvere qualcosa?
Giacomo IV A
Caro direttore,
vorrei dirti che io sono ammutolito da quello che è successo a Iblid a causa delle armi chimiche. Ma questi bambini chi li difende? Un bambino non dovrebbe pensare alla guerra ma a giocare. I politici devono trovare una soluzione perché i bambini devono abitare in paesi sicuri dove tutti sono felici. Se i potenti fossero saggi, tutto questo fimirebbe.
Giovanni IV A
Caro direttore,
ho saputo quello che è successo in Siria il 4 aprile: 27 bambini sono morti a causa del gas sarin, un’arma chimica. Dovrebbero smettere di fare la guerra e far tornare la pace nel mondo. Ma non è così visto che hanno appena buttato 59 missili sulla Siria.
Tutti devono smettere di usare armi e bombe. Deve ritornare la democrazia.
Giulio IV A
Caro direttore,
ti sto scrivendo un’altra lettera perché in Sira è stato sganciato il gas sarin e sono morti molti bambini. A me questa cosa non è piaciuta per niente. Risolvere il conflitto sganciando gas, bombe o mandando missili non porterà mai a una fine. Non finirà più questa guerra! Ai potenti della terra dico di chiarirsi e di risolvere questa bruttissima situazione.
Sofie IV A
Caro direttore,
chi protegge i bambini dalla guerra e dai gas sarin? Se la guerra finisse sapete cosa succederebbe? Tutti smetterebbero di usare le armi chimiche, non ci sarebbe più una carneficina di bambini, le mamme e i papà non soffrirebbero più.
Se la guerra finisse sarebbe una cosa bellissima per tutti.
Alisia IV A
Caro direttore,
quello che sta succedendo ed è successo in Siria è proprio brutto perché con tutti questi morti non si risolverà niente. Adesso io faccio una domanda: Perché fare la guerra?
A me questo mondo di guerre non piace per niente. Amo la vita normale in cui le persone possono essere felici e stare in pace tra loro.
Iara IV A
Caro direttore,
sono sinceramente colpito dai fatti accaduti in Siria. Ma perché sganciare bombe e gas sarin sulle case siriane alle sei del mattino quando la gente se ne stava tranquilla ? Questa cosa è proprio una vergogna. Se questo mondo migliorasse, tutti potrebbero stare meglio.
Valentino IV A
Caro direttore,
è un orrore che si usi sulle persone un’arma chimica come il gas sarin. La cosa che più mi dispiace è che muoiano bambini che non hanno fatto niente e che la guerra non la volevano. Perché tanta cattiveria rivolta ai bambini? Noi in classe parliamo dei bambini siriani, del modo in cui stanno vivendo ma anche di come sono trattati male. Speriamo che tutto finisca.
Aurora IV A
Caro direttore,
facciamo qualcosa per quei poveri bambini indifesi che stanno morendo per la guerra. Aleppo è distrutta. A Iblid hanno usato un’arma pericolosa, illegale che ha ucciso molte persone. A nessuno interessa tutto questo? Ne parla il telegiornale per un giorno ma poi tutto viene dimenticato. Noi dobbiamo parlarne e non dimenticarci dei bambini.
Giulia IV A
Caro direttore,
è successa una cosa bruttissima in Siria: hanno rilasciato il gas sarin, un’arma chimica sui bambini. Non va bene. Io non voglio un mondo così. Non voglio che si arrivi a una terza guerra mondiale. Mi auguro che i potenti siano saggi e sistemino questa bruttissima situazione.
Laura IV A
Caro direttore,
la Siria deve essere trattata bene. Le stanno facendo tanto male con il gas sarin. Muoiono troppi bambini, troppi uomini e donne! Mi domando: che cosa hanno aftto dei bambini innocenti per meritarsi questo? Potenti risolvete questa situazione!
Gurjot IV A
Caro direttore,
ti scrivo per dirti che ci stiamo tenendo informati su quello che sta accadendo in Siria. Io condivido il parere dell’Onu cioè che quello che succede adesso è un crimine di guerra. I potenti dovrebbero smettere di spargere gas sarin, visto che è da sei anni che c’è questa guerra. Ormai le vittime sono diventate migliaia. Questi cittadini siriani non hanno mai un momento di pace. In attesa che qualcuno fermi la guerra, io spero di fare qualcosa urlando il mio sdegno a questo orrore che sembra non finire mai.
I responsabili di questa situazione dovrebbero mettersi attorno ad un tavolo e trovare una soluzione. Grazie per avermi ascoltato.
Cesare IV D
Caro direttore,
in classe abbiamo letto la Gazzetta e abbiamo parlato molto dei bambini uccisi ad Iblid. Questa tragedia mi ha scosso particolarmente perché non si possono uccidere tante persone innocenti. I diritti dei bambini sono stati portati via e tra questi il diritto alla vita.
Giulia IV D
Caro direttore,
io penso che non sia giusto che gli uomini, le donne e i bambini muoiano in Siria. Al mondo interessa solo quando succedono episodi come quello del 4 aprile che i cacciabombardieri hanno lanciato il gas sarin facendo molte vittime.
È vero che l’umanità è morta in Siria, ma da molto tempo. I potenti devono riunirsi in una grande sala e discutere con il presidente della Siria che sta distruggendo il suo popolo. Vorrei un futuro di pace per tutti.
Andrea IV D
Caro direttore,
quando ho sentito la notizia di Iblid mi è venuta la pelle d’oca perché sono morti tanti bambini per il gas sarin. Lanciare questo gas è un atto ingiusto perché è vietato usarlo. Il presidente-dittatore Assad deve discutere con le altre potenze per fare un contratto di pace. Io vorrei chiedere ai potenti di smettere di fare strage di bambini e di eliminare le armi chimiche per sempre.
Andrea IV D
Caro direttore,
sono dispiaciuto per quei fatti che stanno accadendo in Siria. Non è giusto usare armi chimiche e non è nemmeno giusto uccidere degli innocenti soprattutto bambini.È stato un crimine di guerra e spero che non si ripeta più. La guerra infrange i sogni di tutti e i potenti della terra hanno l’obbligo di fermare la guerra.
Simone IV D
Caro direttore,
il 4 aprile in Siria hanno lanciato il gas sarin molto pericoloso che ha ucciso molti bambini. Io sono molto triste perché penso che stanno morendo bambini uguali a me, bambini che non vanno più a scuola. Continuare a distruggere il paese è segno di debolezza perché la guerra non avrà una fine. Io spero che capiscano questo e sarebbe bello che arrivasse la pace.
Alfred IV D
Caro direttore,
ti scrivo perché tu tenga alzata la nostra voce contro la guerra in Siria. Senza la guerra il mondo sarebbe pieno di fiori. Forti della terra se foste stati voi al posto di quei morti? Chiudetevi in una stanza e uscite quando avete trovato una soluzione.
Io voglio che questa guerra finisca per sempre.
Bakar IV D
Caro direttore,
in classe abbiamo letto la Gazzetta di Mantova e abbiamo saputo che dei cacciabombardieri hanno sganciato il gas sarin a Iblid uccidendo adulti e soprattutto bambini. Io mi chiedo: perché devono fare la guerra quando c’è l’opportunità di vivere in pace? Io sono stufa ma veramente stufa di sentire ogni volta le stesse cose e che nulla mai si sistema.
È una catastrofe. Questa guerra si deve sistemare e questo i potenti lo devono capire. I sogni dei bambini devono essere colorati e non pieni di oscurità.
Gaia IV D
Caro direttore,
io non ho ancora capito una cosa: perché il presidente della Siria bombarda il suo paese? Io gli urlerei di smettere sia di bombardare sia di usare il gas sarin! Mi dispiace che a Iblid siano morti così tanti bambini e vorrei tanto che in Siria tornasse la pace.
Priya IV D
Caro direttore,
dei cacciabombardieri hanno sganciato il gas sarin su Iblid facendo un crimine di guerra come dice l’Onu. Mi ha colpito che sia stato bombardato l’ospedale mentre i medici stavano soccorrendo i feriti. Perché non ascoltate noi bambini? Noi vogliamo un futuro senza guerra. Potenti discutete e trovate una soluzione.
Zain IV D
Caro direttore,
sono triste perché in Siria bambini, uomini, donne,ragazzi sono stati bomabrdati e uccisi dai gas sarin. Perché le persone devono morire così? Io voglio la felicità ,la pace e voglio che i bambini giochino , siano contenti. Non mi piace che un presidente fa morire il suo popolo.
Alessia IV D
Caro direttore,
le volevo dire che sono arrabbiato perchè in Siria hanno ucciso moltissime persone tra cui 27 bambini con il gas sarin, un’arma chimica sganciata dai cacciabombardieri. È da sei anni che va avanti questa guerra e continuano a morire delle povere persone innocenti. Io spero che i potenti trovino una soluzione che non sia lanciare altri missili!
Ryan IV D
Caro direttore,
in classe abbiamo parlato dei bambini della Siria morti a causa del gas sarin sganciato dal cielo. Il gas sarin è un’arma chimica! Per favore potenti della terra smettetela con questa guerra!
Leandro IV D
Caro direttore,
i bambini che sono stati uccisi dal gas sarin lanciato dai cacciabombardieri devono rimanere sulla coscienza dei potenti. Sono sei anni che questa guerra va avanti in Siria e ora c’è da fare qualcosa per proteggere i bambini rimasti. Se i potenti si radunassero attorno a un tavolo, parlassero tra di loro forse troverebbero una soluzione e farebbero un mondo migliore.
Alessandro IV D
Cari bambini,
grazie per le vostre parole. La guerra non è mai una soluzione alle crisi, ma purtroppo il valore della vita umana non è uguale in tutti gli angoli del mondo. In Italia godiamo di diritti che in Siria non esistono. Anni fa, durante il conflitto nell’ex Jugoslavia, alcuni esperti aveva coniato il termine “bombe intelligenti” per definire ordigni di precisione. Ma un’arma non è mai intelligente, come chi la usa.
Paolo Boldrini
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare