Quotidiani locali

sermide

E a Sermide è il soggetto di un film 

In corso le riprese di “Un giorno senza”. Gli studenti come attori per Canale 5

SERMIDE. Le medie di Sermide partecipano al progetto Ciak junior con “Un giorno senza”. In questi giorni i ragazzi della seconda B stanno girando un cortometraggio che loro stessi avevano scritto. Le riprese vengono realizzate da una troupe del “Gruppo alcuni”, ideatori del format Ciak junior, e il filmato andrà in onda a giugno su Canale 5. I ragazzi con la loro insegnante di Arte e immagine, Vanna Bernardelli, si sono esercitati nella scrittura di un testo che poi avrebbero recitato per il modulo di forme di comunicazioni multimediali.

«All’inizio è nato come un progetto per noi – spiega l’insegnante – poi è capitata questa occasione e l’abbiamo colta». Il soggetto è stato selezionato per il programma tra i 5mila arrivati e ora i ragazzi stanno girando il loro cortometraggio con una troupe specializzata. «Noi aiutiamo solo i ragazzi a realizzare al meglio quella che è la loro proposta» spiega il produttore esecutivo Francesco Manfio.


E la proposta della seconda B di Sermide è quella di raccontare la giornata di una ragazza che dimentica a casa il telefonino e dopo momenti di panico, in cui si sente esclusa dal mondo, incapace di comunicare, pian piano inizia a notare cose che prima erano annullate dallo schermo dello smartphone. E capisce che si può vivere anche senza cellulare, nasce così "Un giorno senza". Ma l’esperienza non si esaurisce con le riprese del corto: nella trasmissione che andrà in onda su Canale 5 verrà presentato il paese dai ragazzi che in questi giorni sono in giro con gli operatori nei luoghi più significativi. Ieri pomeriggio alcuni di loro venivano ripresi in barca sul Po. Poi due dei ragazzi si sono sfidati in una gara in cucina con due piatti tipici per una novità di quest’anno del format:“Ciak chef”. I ragazzi in gara si sono cimentati con i tortelli di zucca e la sbrisolona.

«È un’esperienza molto interessante – raccontano i ragazzi – perché abbiamo la possibilità di vedere come funziona il cinema, come si fanno le riprese e stimo dietro le quinte a osservare i nostri compagni che di volta in volta sono in scena, oltre a recitare».
Ciak junior è un format a cui partecipano tre scuole italiane: oltre a Sermide, si sono San Benedetto del Tronto e Sant’Antioco in Sardegna. Ma anche in molti altri paesi del mondo vengono girati i corti proposti dai ragazzi e tutti parteciperanno alla finale di Jesolo a fine maggio, una specie di notte degli oscar in cui saranno premiati film e attori, prima nella categoria italiana e poi verrà scelto il corto migliore tra tutti.
Giorgio Pinotti

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Stampare un libro, ecco come risparmiare