Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«La sinistra vuole farmi tacere» 

Castiglione. Volpi replica alla minaccia di querela: pensino al loro vuoto di idee

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Enrico Volpi, candidato sindaco del centro destra unito di Castiglione delle Stiviere, replica alle dichiarazioni del Comune sulla questione san Cristoforo. «Leggo sulla stampa che la non meglio identificata “Amministrazione di Castiglione”, i cui nomi e cognomi restano ben celati, sarebbe pronta a querelarmi per le mie considerazioni pubbliche sulla vicenda dell’automezzo dell’associazione San Cristoforo».
La vicenda nasce da alcune affermazioni di Volpi ritenute ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Enrico Volpi, candidato sindaco del centro destra unito di Castiglione delle Stiviere, replica alle dichiarazioni del Comune sulla questione san Cristoforo. «Leggo sulla stampa che la non meglio identificata “Amministrazione di Castiglione”, i cui nomi e cognomi restano ben celati, sarebbe pronta a querelarmi per le mie considerazioni pubbliche sulla vicenda dell’automezzo dell’associazione San Cristoforo».
La vicenda nasce da alcune affermazioni di Volpi ritenute dall’Amministrazione offensive perché si parla di truffa ai danni dall’Associazione.
«È sorprendente come la sinistra perda pelo e voti ma non il vizio di cercare di intimidire per tappare la bocca a chi la critica e a chi ne è alternativo», afferma Volpi, commentando le dichiarazioni dell’Amministrazione in merito alla vicenda dell’automezzo acquistato dai volontari della Associazione San Cristoforo e donato, con decisione della stessa associazione, al comune di Castiglione.
«Il metodo è sempre lo stesso: estrapoli, ci costruisci un teorema e minacci con azioni legali, in modo tale che l’obiettivo sia quello di zittire intimidendo. Mi dispiace, non mi fermo davanti a nulla quando si tratta dei diritti dei nostri cittadini e della lotta ad una burocrazia distante e matrigna». Per Volpi, che ricorda all'Amministrazione «che usare il mio ruolo di rappresentante popolare come epiteto sminuente è più che fuori luogo e profondamente irriguardoso perché sono orgogliosamente consigliere comunale, e candidato sindaco di una grande coalizione, cosa il cui significato Novellini e la sua amministrazione apprenderà bene l’11 giugno - commenta - Provino a rispondere nel merito delle questioni, uscendo dal vuoto pneumatico di idee e azioni in cui galleggiano da 5 anni». (l.c.)