Quotidiani locali

mantova

Aria in classe ai raggi X: polveri sottili fuori limite 

Gli esiti del progetto ImpAriamo avviato in otto scuole dalle Mantua Mothers. In Comune le proposte degli studenti. L’assessore sottopone il problema ad Arpa  

MANTOVA. La novità è di quelle che fanno pensare. Mentre ci si preoccupa (e giustamente) per l’aria che i nostri figli respirano in strada e in particolare nei tragitti ingolfati di auto tra casa e scuola, nessuno (o quasi) si era ancora posto una semplice domanda: «E all’interno delle scuole?». Com’è l’aria in quelle classi a volte microscopiche e stipate di studenti dove i più piccoli del “tempo pieno” trascorrono anche la bellezza di otto ore ogni santo giorno?
Le mamme per l’ambiente Mantua Mothers non solo si sono poste il problema ma, rilevazioni scientifiche alla mano, hanno anche la risposta. E non è per nulla confortante: «In tutte le scuole da noi monitorate - raccontano - la concentrazione di polveri sottili è sempre superiore al limite di legge che è fissato in 50 microgrammi per metro cubo, a volte raggiunge anche i 100, mai oltre». Il dato è tra quelli emersi al termine della seconda edizione del progetto ImpAriamo che quest’anno ha coinvolto otto istituti scolastici cittadini.

Quattro scuole elementari (o primarie): Nievo, Pomponazzo, Don Mazzolari e Martiri di Belfiore. Due scuole medie: Alberti e Sacchi. E una scuola superiore: il liceo scientifico Belfiore. Il progetto ha alternato lezioni su tutela dell'ambiente, apparato respiratorio, fonti di inquinamento e su come potremmo migliorare l’aria che respiriamo all’introduzione all’uso di un misuratore di particolato, di fabbricazione tedesca, messo a disposizione (per un mese in ogni scuola) dalla società B2F Engineering che ha seguito il progetto. La fase successiva ha visto gli studenti impegnati nelle misurazioni di Pm10 con metodo scientifico quindi nell’elaborazione dei dati raccolti attraverso appositi grafici.
Infine tutte le classi partecipanti hanno realizzato lavori e proposte per ridurre l’inquinamento fuori e dentro l’aula: dalle piante in classe all’arieggiare, dalle Ztl a tempo ai premi per chi usa biciclette o si muove a piedi. Proposte che sono già state presentate in Comune dalle Mantua Mothers Maria Chiara Bassi, Rossana Bertolotti, Alessandra Dusi, Molly Byrne, Tania Hayes, Elena Provenzali, Isa Schiavetti, Simona Fiori ed Eliana Francescon.
E una risposta potrebbe già arrivare settimana prossima dopo l’incontro con Arpa chiesto dall’assessore all’Ambiente Andrea Murari che annuncia: «Servirà per concertare un progetto ad hoc sulla qualità dell’aria all’esterno e all’interno delle realtà scolastiche ».

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Pubblicare un libro, ecco come risparmiare