Quotidiani locali

mantova

Gli uffici tutti in Pradella. Otto milioni per il trasloco 

Oggi, venerdì 19 maggio, la giunta Maroni delibera i lavori per ristrutturare Palazzo Nuvolara.  Ampliamento fino a via Bonomi. La superficie totale: 3.500 metri quadrati

MANTOVA. «La cittadella della Regione in centro a Mantova». Così l’assessore lombardo all’agricoltura Gianni Fava definisce l’importante investimento, 8 milioni di euro, che il Pirellone si appresta ad effettuare in città con la ristrutturazione della sua sede di Palazzo Nuvolara, in corso Vittorio Emanuele 57, che si allargherà anche alla Casa dell’ingegnere, un vecchio immobile in via Bonomi 8-10. «È una scelta politica ben precisa, un segnale che Milano è più vicina» aggiunge l’assessore nell’illustrare il progetto che oggi la giunta regionale, nella sua trasferta a Mantova, licenzierà nella versione definitiva. «A differenza del 2014 quando decidemmo di ristrutturare solo palazzo Nuvolara - spiega Fava - domani (oggi, ndr.) delibereremo la variante che consentirà di intervenire anche nella vicina Casa dell’ingegnere per fare un’unica sede regionale».

L’obiettivo della giunta Maroni è di accorpare la sede dell’Arpa (ora nella palazzina Liberty ormai fatiscente di viale Risorgimento) e tutti gli uffici amministrativi, gli archivi e le sale riunioni regionali nel palazzo di corso Vittorio Emanuele allargato all’appendice di via Bonomi. In particolare, arriveranno dalla Provincia i nuovi uffici di agricoltura, caccia e pesca, protezione civile, difesa del suolo e polizia idraulica.

«Negli ultimi due anni - spiega Fava - ci siamo più volte interrogati sulla scelta migliore tra quella di mantenere gli uffici in centro oppure di spostarli fuori, come hanno fatto in tanti. Le richieste per questa seconda ipotesi non ci sono mancate, come quella della Provincia di utilizzare i suoi locali in via don Maraglio oppure di altri enti per decentrare i nostri uffici su tutto il territorio. Ho discusso molto con Garavaglia, il collega con la delega al patrimonio, e, alla fine, abbiamo scelto, in controtendenza, di rimanere in centro e di ristrutturare tre edifici: l’ex casello idraulico e la casa del custode in via Bonomi e la nostra sede di Pradella. In questo modo facciamo ritornare il centro cuore pulsante della nostra attività istituzionale. I lavori cominceranno a metà 2018 e proseguiranno in contemporanea con quelli in corso per la riqualificazione di corso Vittorio Emanuele. Sarà un luogo frequentato dalle migliaia di cittadini che ogni anno si rivolgono ai nostri sportelli, e rilancerà le attività economiche del centro che in questi anni hanno sofferto. Adesso si apre la riflessione su cosa fare dei nostri edifici di via Trento, dove ci sono ancora uffici e poliambulatori, e di viale Risorgimento, dove c’è l’Arpa».

Palazzo Nuvolara ha una superficie di 3mila metri quadrati; confina, attraverso i garage, con l’edificio di via Bonomi che si estende su 500 metri quadrati (tre i piani) e dispone di un ampio cortile che affaccia su via Bonomi.

Il progetto svilupperà l’accorpamento funzionale tra i due immobili attraverso un corridoio, da realizzare ex novo. Nella Casa dell’ingegnere vi sarebbe la possibilità, dati gli ampi spazi, di tenere il pubblico in una zona distinta rispetto a quella degli uffici operativi, con una serie di vantaggi relativi soprattutto agli orari di sportello disgiunti da quelli di lavoro del personale. Non solo. L’area di fronte potrebbero essere messa a disposizione della cittadinanza per scopi istituzionali, per la sosta, per incontri vari. Dopo l’ok della giunta alla variazione del piano di fattibilità si darà mandato al progettista di procedere con la stesura del progetto esecutivo di palazzo Nuvolara, mentre Ilspa, già incaricata, potrà avviare la progettazione della Casa dell’ingegnere.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista