Quotidiani locali

volta mantovana

Investe una ciclista e non si ferma: patteggia un 80enne

Un anno e sei mesi di reclusione: è questa la condanna inflitta a un pensionato di Volta Mantovana finito a processo per omissione di soccorso

VOLTA MANTOVANA. Un anno e sei mesi di reclusione: è questa la condanna inflitta a Guido Tibaldi, un ottantenne di Volta Mantovana finito a processo per omissione di soccorso. La sentenza è stata emessa il 19 maggio dal giudice Giuditta Silvestrini, che ha anche disposto la sospensione della patente per tre anni.

Il fatto è avvenuto il 21 dicembre di sei anni fa. L’anziano alla guida della sua vettura ha urtato una donna in bicicletta facendola cadere. Secondo l’accusa si sarebbe fermato soltanto un attimo per poi ripartire. Da qui la denuncia alla procura della Repubblica di Mantova che, al termine delle indagini, ha chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio per omissione di soccorso.

Ieri mattina l’ultima udienza, alla quale l’ottantenne ha presenziato, assistito dall’avvocato Sebastiano Tosoni. La ricostruzione dell’incidente fatta dall’anziano automobilista è diversa e, in qualche modo giustifica il fatto, sul quale non ci sono dubbi, che dopo l’incidente sia ripartito senza prestare soccorso.

Tibaldi ha raccontato di essersi fermato subito dopo l’incidente ma che la donna, vedendolo, avrebbe cominciato ad insultarlo, invitandolo ad andarsene subito. «Vai via - gli avrebbe detto - prima che chiami mio marito». E l’ottantenne, a quel punto, ha obbedito. E se n’è andato. Cosa che non doveva fare perché la donna era a terra ferita. Qualcun altro ha chiamato i soccorsi. Le forze dell’ordine, arrivate sul posto, non hanno impiegato molto tempo a scoprire l’identità dell’investitore che non si era fermato e a denunciarlo.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE E SCONTI SULLA PROMOZIONE

Pubblicare un libro, ecco come risparmiare