Quotidiani locali

Elezioni: in 49mila alle urne in 10 comuni di Mantova

Comunali 2017: in dieci paesi del Mantovano i cittadini chiamati a eleggere direttamente i sindaci e a rinnovare i consigli comunali. Seggi aperti dalle 7 alle 23, poi lo spoglio e la proclamazione. A Castiglione possibile il doppio turno

MANTOVA. Chiuso un mese di campagna elettorale nella quale i candidali, a volte usando toni aspri e con frecciate e accuse reciproche, hanno cercato di convincere gli elettori, oggi la parola passa direttamente ai cittadini che avranno la possibilità con il proprio voto di determinare il sindaco del proprio comune ed i consiglieri che comporranno la nuova assise civica. Il tema politico più forte è quello della disaffezione al voto che negli ultimi anni è sempre cresciuta. Una tendenza che si affianca alla presenza di formazioni civiche, alla scarsa presenza femminile, alla riproposizione dei sindaci uscenti.

leggi anche:



Si vota in 10 Comuni dalle 7 alle 23. Chiuse le urne, si procederà immediatamente allo spoglio delle schede e quindi alla proclamazione ufficiale dei sindaci eletti. Solo allora avverrà il passaggio di consegne con il predecessore per garantire la continuità del governo dell’istituzione comunale.

Alle urne sono chiamati 49mila elettori, due terzi dei quali concentrati nei quattro Comuni più popolosi. Solo a Castiglione delle Stiviere si avrà la possibilità, se nessuno supera il 50% dei voti al primo turno, di tornare a votare due settimane dopo nel ballottaggio fra i due più votati. Oltre ai sindaci, saranno eletti 120 consiglieri comunali.

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Con i suoi 16.090 elettori è il maggiore della compagine e quello dove si presentano più liste (8) a sostegno di 4 candidati. Quattro le liste di partito (Pd, Fi, Lega e 5Stelle) a conferma della maggiore vicinanza al voto nazionale della cittadina che oggi supera i 23mila abitanti. Il sindaco uscente Alessandro Novellini (centrosinistra) ed Enrico Volpi (centrodestra) si ri-sfidano dopo 5 anni mentre la civica di Stefano Finadri e la novità di Lucia Zanotti (M5S) sono le novità politiche di questa tornata.

GOITO. Tre liste, contro le 5 del 2012 a conferma della semplificazione del quadro politico che vede il centrodestra puntare su Gabriele Taraschi ed il centrosinistra su Pietro Chiaventi ai quali si oppone la candidatura centrista del sindaco uscente Pietro Marcazzan.

SERMIDE E FELONICA. Tre le formazioni in campo anche a Sermide e Felonica, che si presenta per la prima volta al voto dopo che il Comune è nato dalla fusione dei due precedenti il primo marzo scorso. La continuità con l’attuale amministrazione è garantita da Mirco Bortesi, mentre l’opposizione punta su Annamaria Martini. Per la quarta volta è presente la lista dei Fasci del lavoro dove Claudio Negrini ha ceduto la mano alla figlia Fiamma.

MOGLIA. Semplificazione anche a Moglia che vede in campo la sfida fra il sindaco uscente Simona Maretti per il centrosinistra ed il precedente Claudio Bavutti per il centrodestra in una perfetta interpretazione della legge elettorale maggioritaria che governa le elezioni comunali.

CASTELLUCCHIO. Controcorrente va invece Castellucchio dove le rivalità politiche e personali mescolano le carte e fanno scendere in campo addirittura 4 liste civiche. L’ex sindaco Romano Monicelli, l’attuale Gianluca Billo, Lorenzo Orlandini e Giuseppina Bevilacqua si dovranno spartire i 4.192 voti teorici con la possibilità che qualcuno non entri in consiglio.

BOZZOLO. Assieme a Castiglione, è la sfida dove gli elementi “politici” sono stati ben presenti, a volte, hanno prevaricato quelli amministrativi. La sfida fra Giuseppe Torchio, sindaco dichiarato decaduto, e Sara Malagola, è stata affiancata da quella fra partiti provinciali di centrosinistra e centrodestra a riprova dell’importanza “strategica” della piazza bozzolese.

GAZZUOLO. Nel piccolo paese è sta a testa fra il sindaco uscente Loris Contesini e Mauro Malatesta alla guida di due civiche.

VILLIMPENTA. La lista di Fabrizio Avanzini sarà affiancata da quella di Luciano Giraldini nata per evitare il ritorno alle urne nel caso con una sola lista, non avesse votato almeno il 50% degli elettori.

POMPONESCO. Al sindaco uscente Giuseppe Baruffaldi si oppone la new entry Silvia Angelicchio.

SAN GIOVANNI DEL DOSSO. Qui il sindaco uscente, Angela Zibordi, se la vedrà testa a testa con Ario Carnevali (Lega).
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista