Quotidiani locali

il concerto a mantova

Benvenuto mister Sting. Un’energia senza tempo

Dai Police ad oggi: la carriera impegnata di una star del rock

MANTOVA. Solo poche lettere, un nome breve, ma che gli ha permesso di essere riconoscibile a tutti da subito.

Assieme ai suoi occhi azzurri e intensi, a un’indubitabile bellezza che non è svanita con il passare degli anni. Ma soprattutto assieme a una voce straordinaria, con un’inconfondibile falsetto naturale e a uno strumento, il basso, che suona con indiscussa maestria. Quindi bello, bravo, creativo, geniale, originale, cosa potrebbe mancare a Sting per rasentare la perfezione?

Nulla, o quasi, e infatti sono davvero pochi i musicisti al mondo che possono vantare un palmares come il suo.

E, a ben guardare, non tanto per il successo ottenuto con i Police, che già da solo basterebbe a farlo entrare nell’Olimpo dei grandi del rock, quanto per la sua carriera solista, legata a scelte di grandissima qualità, a una musica che si è fatta anno dopo anno più raffinata e originale, a uno stile che lo ha caratterizzato fortemente.

Forse Sting oggi non è più un idolo, con orde di giovanissime fan urlanti, come ai tempi della new wave inglese, non scala più le classifiche di vendita con la matematica precisione di un tempo, ma la sua musica è oggi infinitamente più interessante e varia di quanto non fosse poco più di un decennio fa.

Basta ascoltarlo in concerto, almeno una volta, per rendersi conto che Sting, al secolo Gordon Sumner, non ha certo perso l’energia dei tempi dei Police, ma che ha arricchito di molto la gamma dei suoi toni, dei colori, delle possibilità della sua musica.

E non potrebbe essere diversamente per uno degli autori più importanti della recente storia della musica popolare, gli anni ’80 hanno avuto in Sting uno dei suoi preziosissimi autori.

Anzi, confinare in un decennio la sua produzione, ridurre all’avventura, seppur grandissima, dei Police e al periodo immediatamente successivo allo scioglimento dello storico trio con Stewart Copeland e Andy Summers rimpicciolirebbe la sua grandezza.

È negli anni seguenti, in realtà, che Sting, mettendo insieme tutte le sue anime, quella rock, quella reggae, quella jazz e quella pop, sconfinando addirittura a tratti verso la musica antica e quella colta, ha trovato la sua melodia interiore, scrivendo alcune delle più belle canzoni della sua storia. Sting, oltrettutto, è un eccellente interprete: la sua versione di Little Wing di Jimi Hendrix resta una delle più vibranti che sia possibile ascoltare. Ha, come dicevamo prima, un falsetto naturale che gli permette di raggiungere tonalità elevate inavvicinabili per molti suoi colleghi e riesce a essere sentimentale o appassionato con straordinaria naturalezza. La scuola rock (anzi new wave) alla quale è cresciuto gli ha permesso di padroneggiare toni ruvidi e dolci al tempo stesso, ammorbiditisi negli anni con l’avanzare dell’età e la maturità nella gestione delle proprie doti. Personaggio poliedrico e multiforme, punk, stella sexy del rock, intellettuale raffinato, jazzista curioso, filosofo zen, attore, padre e sposo fedele, Sting ha attraversato molte fasi nella sua ventennale avventura musicale.

Noi, francamente, lo preferiamo oggi, da quando ha smesso i panni del new waver (in realtà piuttosto stretti) e quelli del filosofo, mettendosi invece in gioco nel più ambizioso e al tempo stesso più popolare dei suoi molteplici progetti, quello di rifondare il pop di oggi. Ottenendo risultati davvero eccellenti, che sarà possibile verificare dal vivo, nel concerto di questa sera in piazza Sordello.

La tappa mantovana è parte del suo “57th e 9th tour”, un giro del mondo che lo vede in scena con una band composta da Dominic Miller, Josh Frees e Rufus Miller e avrà come ospite speciale il figlio Joe Sumner, e che è centrato sui brani dell’omonimo album, il primo tra pop e rock da dieci anni in qua, un album che lo ha visto tornare ad essere Sting, il buon vecchio amato “pungiglione” di un tempo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Pubblicare un libro, ecco come risparmiare