Quotidiani locali

bigarello 

Pirrotta si scaglia contro l’Unione

Il consigliere critico: «I due sindaci investono male i fondi pubblici»

BIGARELLO. L’Unione di Comuni San Giorgio-Bigarello e fin dal suo esordio sotto il tiro di Massimo Pirrotta, capogruppo di minoranza a Bigarello per “Noi di Bigarello”.

Pirrotta mette in risalto la decisione di affidare a terzi la gestione degli impianti sportivi di Stradella (campo da calcio e palazzetto dello sport) e centro polivalente di Gazzo «mantenendo a carico dell’Unione le utenze del palazzetto dello sport». Pirrotta, esaminando le spese storiche per le utenze di Stradella, osserva: «L’Unione avrà un beneficio dai canoni d’affitto per dieci anni di 92.000 euro sicuri a fronte di una spesa per le utenze per i dieci anni di contratto di 230.000 circa. Cifra che sicuramente lieviterà con il tempo».

Contesta ai due sindaci di investire male i soldi pubblici «visto che prima si spende per allestire un ufficio tecnico unico a San Giorgio e ora si cambia. Ufficio unico a Bigarello e magari con ulteriori spese. Non era meglio ponderare le decisioni prima di investire quei fondi? A Bigarello non occorrono super uffici ma solo uffici aperti e personale pronto e competente che risponda in tempo reale al cittadino». Secondo Pirrotta i sindaci Chilesi e Morselli «quando si sono accorti che non riuscivano a gestire i dipendenti comunali dei due comuni hanno pagato un ulteriore studio per capire cosa fosse meglio per i cittadini. Adesso s’inventano anche di portare a casa i documenti o addirittura spedirli a domicilio».

Infine, Pirrotta parla dei fondi che i supermercati Martinelli hanno versato alla Provincia da destinare ai vari comuni dell’area, tra cui San Giorgio e Bigarello, da impegnare per i commercianti locali. «Ricordo che questi fondi dovevano essere assegnati nel 2015 ma ancor oggi sono nelle mani della Provincia e del suo presidente, che è Morselli». (l.f.)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista