Quotidiani locali

mantova

Mantova, caccia ai furbetti dei pass: Aster fa controlli a tappeto

Inviate quasi duemila lettere per verificare i requisiti di chi ha accesso alla Ztl. L’assessore Rebecchi: «C’è troppo via vai nelle zone vietate alle automobili»

MANTOVA. Controlli a tappeto sulla regolarità dei pass concessi per l’attraversamento e la sosta in Ztl. Troppo via vai nelle strade interdette al traffico, troppi veicoli parcheggiati. Tutti con il regolare pass. La domanda che si sono fatti in via Roma è stata: «Avranno tutti i requisiti necessari?». Da qui la decisione di chiedere ad Aster di effettuare i controlli sui detentori di pass ztl. Che, infatti, stanno ricevendo in questi giorni le lettere con cui Aster chiede di fornire la documentazione che attesti che i requisiti per godere dell’autorizzazione per entrare nella ztl siano ancora validi.

«È da qualche anno che non vengono fati questi controlli - spiegano l’assessore alla polizia locale, Iacopo Rebecchi e il direttore di Aster, Ildebrando Volpi – i residenti (4.584 pass) non sono destinatari di alcuna lettera perché possiamo fare i controlli direttamente dai terminali del Comune. Le richieste sono state inviate a categorie particolari, quali gli operatori commerciali (1.312), i detentori del pass stampa (92), i liberi professionisti (98) e i domiciliati (452) non residenti. Non la riceverà invece chi detiene il pass per assistenza di disabili (196), perché tale controllo viene effettuato quasi ogni anno. Stessa cosa per i detentori di pass appartenenti alla categoria dell’interesse pubblico, che riguarda esponenti istituzionali. Sono circa 300 e vengono controllati ogni anno».

Facciamo qualche conto. In totale i pass concessi da Aster (ztl, autorizzazione al transito nella zona rossa e pass per il parcheggio in zona blu) sono oltre 29mila. Quelli che consentono il transito e il parcheggio in ztl sono 6.734 (12.557 quelli per il solo transito in zona rossa). I controlli che stanno avvenendo in questi giorni riguardano 1.954 detentori di pass per la Ztl.

«C’è l’impressione che vi sia troppo via vai nella zona a traffico limitato e troppi veicoli parcheggiati - spiega l’assessore Rebecchi - contiamo con questi controlli di individuare eventuali furbetti, vale a dire persone che hanno perso i requisiti per detenere il pass ma non lo hanno segnalato ad Aster continuando a rinnovare l’autorizzazione. Ovviamente non escludo che vi sia anche chi lo fa in modo inconsapevole».

L’eventuale irregolarità non prevede sanzioni, ma ovviamente chi ha perso i requisiti perderà il diritto di detenere il pass.

« Adesso che abbiamo messo a punto la possibilità di controlli veloci - spiega il direttore di Aster, Volpi - possiamo evitare situazioni non regolari con maggior velocità. Qualche esempio? Nel settore degli operatori commerciali, ad esempio, potrebbe esserci chi non è più iscritto alla camera di commercio o chi non accede alla Ztl per motivi di lavoro ma per altre ragioni. Lo steso vale per altre categorie, come ad esempio i liberi professionisti. E poi c’è chi detiene il pass in qualità di domiciliato senza residenza. Il controllo è semplicemente una verifica che la condizione di residente sia ancora in essere. Insomma, d’intesa con la polizia locale stiamo effettuando queste verifiche che, effettivamente, non venivano fatte da un po’ di tempo».

Aggiunge Rebecchi: «La necessità è quella di aggiornare i database di Aster , per evitare che ci sia qualche furbetto. Il periodo è quello che precede l’avvio della campagna per il rinnovo . Insomma, un atto doveroso ». È legato anche alla discussione ed elaborazione del Pums, il piano urbano del traffico sostenibile? «No, le due cose sono indipendenti - risponde l’assessore - il tutto nasce dalla necessità di accertare che non vi siano abusi».

Già qualche tempo fa, in occasione della presentazione dei risultati dello studio sui flussi di traffico (proprio in vista dell’elaborazione del Pums), era stato lo stesso sindaco Palazzi a ricordare che «nel piano ci saranno indicazioni utili per capire dove ha senso mettere un parcheggio. Dai primi dati emerge che è necessario mettere in discussione il sistema dei pass che regolano la sosta in città». Ma quest’ultima è un’altra storia, ancora da scrivere.


 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista