Quotidiani locali

mantova

Ladri al campo del San Pio. È il settimo raid in un anno

Spariscono portafogli e telefonini durante l’allenamento della squadra allievi. Sconsolato il segretario della società: «Non sappiamo più come proteggerci»

MANTOVA. La misura di chiudere a chiave la porta degli spogliatoi era stata presa proprio per evitare l’ingresso di estranei e il saccheggio degli effetti personali dei giovani atleti. Martedì sera però non ha funzionato, complice una distrazione: un paio di ragazzi che nelle fasi conclusive dell’allenamento è andato a bere e ha scordato di richiudere la porta. I ladri, che evidentemente erano in agguato, hanno agito in modo fulmineo. E così dagli spogliatoi del campo sportivo della società Sant’Egidio-San Pio X sono spariti portafogli e telefonini. Un preciso inventario non sarebbe stato ancora fatto ma i giovanissimi atleti sarebbe nell’ordine di una decina i giovanissimi atleti derubati. Un episodio tutt’altro che nuovo per il campo sportivo, che resta isolato nella zona del Migliaretto e di notte è immerso nel buio.

«Tra le incursioni dei vandali e i raid dei ladri è la settima volta dal settembre dello scorso anno – riferisce sconsolato il segretario della società sportiva, Gabriele Fracassi – l’ultima risale a una decina di giorni fa quando una squadra di giovanissimi del Modena sono stati ospiti per un’amichevole con i coetanei del Mantova: qualcuno è entrato negli spogliatoi e ha fatto incetta di telefonini. A questo punto non sappiamo più cosa fare per difenderci... È vero che abbiamo la copertura di una polizza ma ormai la compagnia di assicurazione comincia a torcere il naso ». È ora la polizia di stato a indagare dopo che, subito dopo il furto, una volante della questura ha fatto un sopralluogo. Nessuno comunque ha visto i ladri in azione o persone sospette avvicinarsi co allontanarsi dalla zona degli spogliatoi.

L’allenamento della squadra allievi è iniziato attorno alle 18.30 per concludersi quasi due ore dopo. Il ladro (ma potrebbe trattarsi di più di una persona) sarebbe entrato in azione un quarto d’ora prima del termine dell’allenamento. Una manciata di secondi per concludere la razzia. Zaini, sacche e borsoni, quasi tutto è stato esplorato, anche se in modo frettoloso. Il bottino non sarebbe poca cosa. Non tanto per il valore – i derubati sono ragazzi che non girano con i portafogli gonfi e telefonini da 800 euro – ma perché il saccheggio avrebbe toccato almeno una decina dei giovani atleti presenti in campo.

Stando a quanto raccontato dagli stessi responsabili della società, dal settembre dello scorso anno al campo del Migliaretto sarebbero stati messi a segno almeno quattro furti e tre danneggiamenti. In un caso, nel corso di quest’estate, i vandali, dopo aver raggiunto il campo nella notte, avevano sfondato i vetri del pulmino, provocando danni per almeno tremila euro.
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista