Quotidiani locali

mantova

Elisoccorso di notte. Arriva il via libera per altri otto campi

Dopo la piazzola del Poma aumentano i siti autorizzati. Il responsabile del 118: «Presto un’altra dozzina di spazi»

MANTOVA. Si allunga l’elenco di campi in provincia di Mantova dove è possibile garantire l’atterraggio notturno per l’elisoccorso. Dopo l’anticipazione della Gazzetta di Mantova sul via libera per la piazzola dell’ospedale Carlo Poma nel corso dell’estate, una nota dell’azienda ospedaliera informa che la lista si è allungata. Nel territorio mantovano i siti attualmente operativi sono Revere, Sermide, Quistello, Suzzara, Bozzolo, Gazoldo degli Ippoliti, Castel Goffredo e Volta Mantovana. «Un elenco destinato ad allungarsi perché sono almeno un’altra dozzina i siti individuati da Areu per essere utilizzati - spiega il medico responsabile del 118 di Mantova, Ugo Rizzi - sono in corso gli iter amministrativi per arrivare alle convenzioni con i relativi Comuni».

Stiamo parlando di piazzole di atterraggio non necessariamente attrezzati con gli adeguati sistemi di illuminazione , visto che grazie alla tecnologia e alla norme europee in materia hanno permesso di aggirare questo ostacolo.

Il via libera arriva con l’entrata in vigore della nuova normativa europea in materia di operazioni di volo che consente di estendere il servizio alle ore notturne anche su elisuperfici non certificate dall’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile). La nuova normativa consente il soccorso notturno con elicottero se effettuato tramite visori notturni Nvg (Night vision Googles) collocati sui caschi dei piloti, che permettono l’atterraggio completamente al buio in aree già censite e sottoposte a ricognizione.

L’Areu, vale a dire l’Azienda regionale emergenza urgenza della Lombardia, sta sviluppando un progetto che permetta al territorio regionale, compreso quello mantovano, di beneficiare di una rete articolata di siti per l’atterraggio degli elicotteri in caso di emergenza.

L’operatività notturna si differenzia dalle normali operazioni di volo per alcune restrizioni e caratteristiche a garanzia dei massimi livelli di sicurezza: siti adeguatamente illuminati o in alternativa individuati per l’atterraggio notturno in modalità Nvg.

La progettualità nasce dall’esigenza di integrare i trasporti su gomma con l’attività dell’elisoccorso al fine di ottenere un servizio di emergenza-urgenza di qualità: una maggiore copertura del territorio, interventi più rapidi in aree poco attrezzate, medicalizzazione precoce, centralizzazione negli ospedali hub più appropriati.

Nell’elenco non compare l’area del Migliaretto, che pure era stata ispezionata da Areu in maggio. Ovviamente il via libera dato alla piazzola del Poma rende meno urgente trovare altre possibilità. «Ma non esclude a priori la ricerca - osserva Rizzi - visto che si sta realizzando una rete di siti». (nico)
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista