Quotidiani locali

sermide 

Ladri in negozio: ancora un rinvio

Il derubato non si presenta in tribunale. La sentenza a novembre

SERMIDE. Nel novembre di un anno fa avevano svaligiato la tabaccheria Redolfi di via Mameli a Sermide. Ieri mattina per Michele Santini, 23 anni e Ayaoub Kamal, di 19, doveva essere il giorno del giudizio. Ma così non è stato perché non si è presentato l’ultimo testimone: il derubato. Avrebbe dovuto essere accompagnato dai carabinieri ma, per un disguido, ancora una volta ha disertato l’aula del tribunale. Tutto è quindi rimandato al 3 novembre. Il colpo, lo ricordiamo, era stato messo a segno la notte del 5 novembre. I due ragazzi sono arrivati davanti alla tabaccheria che, nonostante la posizione centralissima, di fronte al Comune, era già stata presa di mira svariate volte nel corso degli anni: nove per l’esattezza. Non sono professionisti, non hanno attrezzature né competenze da veri ladri. Con un piede di porco e un paio di cacciaviti riescono ad entrare nel negozio e si avventano subito sulle sigarette in esposizione, prendendole e buttandole dentro un sacchetto. Ma, a quanto pare, un passante vede il movimento, le luci di una torcia dentro l'esercizio pubblico e pure la porta aperta. Capisce di che si tratta quindi avvisa i carabinieri. La centrale di Gonzaga manda sul posto la pattuglia in servizio più vicina. I carabinieri di San Giacomo delle Segnate sono già in zona, quindi in pochi minuti arrivano nella piazza centrale di Sermide e fanno in tempo a vedere due individui che di corsa cercano di allontanarsi tra le vie del paese. Sono loro. (gol)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista