Quotidiani locali

roncoferraro

Boom dei libri gratis. Il 60% delle famiglie aderisce al progetto

Roncoferraro. Stasera il piano in consiglio comunale. L’assessore Moserle: superiamo la cultura dell’usa e getta

RONCOFERRARO. Boom dell’iniziativa comunale smart book che offre libri gratis alle famiglie in cambio di un impegno sul fronte dell’educazione sociale e la lotta al bullismo. Dopo la partenza lo scorso anno con l’adesione di 37 ragazzi sui 69 iscritti alla prima classe della scuola secondaria inferiore, quest’anno si è registrata l’ulteriore accesso di altri 38 ragazzi (su 64) portando la partecipazione dal 50 al 60%. Il risparmio da parte delle famiglie è di circa 600 euro mentre l’esborso chiesto a fronte della fornitura dei libri di testo in comodato è di 150 euro che vengono reinvestiti in progetti educativi.

Il punto sull’iniziativa arriverà stasera (ore 21) in consiglio comunale dove si discuteranno anche le variazioni di bilancio. Assestamenti per consentire alla nuova maggioranza di portare a termine il pacchetto dei progetti compresi nel patto di mandato fra il sindaco Federico Baruffaldi e i nuovi partner (Volta Pagina e Lega Nord). «L’area feste di Governolo, gli attraversamenti pedonali in sicurezza a Barbassolo e Governolo – spiega il primo cittadino – la riqualificazione con una ciclabile di via c Battisti nel capoluogo e della “Pompa d’oro” a Barbassolo con la creazione di una banchina stradale per pedoni e ciclisti. Tutte opere concrete a favore dei cittadini sulle quali anche il Pd, che oggi è passato all’opposizione, era d’accordo».

Il piano diritto allo studio da 525mila euro e dove si investiranno per la prima volta 15mila euro per educatori professionali ad personam per disabili sarà illustrato dal neo assessore Giulia Moserle. Il progetto “smart book” è cofinanziato dal Comune per l’80% e dalla Fondazione Nuvolari (20%). Le famiglie spenderanno solo 50 all’anno ed il totale dei soldi raccolti, insieme al 10% dello stipendio donato dal sindaco Baruffaldi, è stato finalizzato per l’avviamento di uno sportello “anti bullismo”.

«Le famiglie sono rimaste soddisfatte della nuova proposta pensata dall’amministrazione – spiega l’assessore – ed allo stesso tempo i ragazzi hanno dimostrato una cura notevole per i libri: consapevoli che una volta utilizzati, dovranno passarli ai loro compagni più piccoli l’anno successivo, per questo hanno imparato a conservarli e rispettarli. E questo sistema può avere un forte valore educativo in una società in cui prevale la cultura dell’usa e getta e dello spreco: si stamperanno meno libri, riducendo i consumi di carta e incontrando in questo modo, anche un risparmio ambientale».

La restituzione dei libri ad uso annuale dovrà avvenire entro il 30 giugno dell’anno scolastico; la mancata restituzione del pacchetto nei termini previsti o il mancato rimborso dei danni, comporteranno allo studente l’impossibilità di usufruire nell’anno scolastico successivo del servizio del prestito.

Francesco Romani
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista