Quotidiani locali

A Castiglione tutti increduli e preoccupati

La vicenda dell'arresto del maestro di karate Carmelo Cipriano attivo a Lonato del Garda con la sua scuola di karatè, scuote Castiglione delle Stiviere

CASTIGLIONE. La vicenda dell'arresto del maestro di karate Carmelo Cipriano (nella foto), attivo a Lonato del Garda con la sua scuola di karatè, scuote Castiglione delle Stiviere. In particolar modo il mondo che gravita attorno alle arti marziali del comune morenico, ma anche dei paesi limitrofi, dove il nome del maestro Cipriano è conosciuto e noto. La presenza di scuole in territorio morenico mette al sicuro, almeno sulla carta, le famiglie di castiglionesi che, quasi certamente, non hanno figlie iscritte a quella scuola, anche se all’epoca dei fatti due ragazzine sono passate da quella palestra restando coinvolte nella vicenda.

Ciò che più indigna, e non solo nel mondo del karate, ma in modo unanime nel mondo dello sport castiglionese è che queste cose siano accadute in una palestra, luogo dove i giovani, come dicono in molti, si ritrovano per stare insieme e imparare valori che sono di tutt'altra natura.

Dello stesso parere anche il sindaco di Castiglione delle Stiviere Enrico Volpi. «La magistratura deve fare il suo percorso e mi auguro che emerga la verità, per il bene di tutti. Allo stesso tempo constato che i nostri tempi ci inducono a lasciare i nostri figli in palestre, luoghi di ritrovo e spazi gestiti da adulti. Io stesso, da genitore, spesso accompagno i miei figli in palestra e in altri luoghi e ho sempre cercato di monitorare le attività in cui erano coinvolti. Serve prestare attenzione, questo è importante, perché spesso queste forme di violenza sono silenziose e mettono in difficoltà anche chi deve denunciarle». In paese, inoltre, inquieta anche il fatto che sia presente nell'indagine anche un castiglionese. ( l. c.)
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista