Quotidiani locali

VIADANA

In 133 per un posto fisso da vigile urbano

Martedì 10 ottobre la prova di preselezione: undici sono già stati esclusi

VIADANA. Si tiene martedì 10 ottobre (alle 9 nella sede del centro sociale La Meridiana, in via Ospedale Vecchio) la prova di preselezione, indetta dal Comune in vista dell’assunzione a tempo indeterminato di un agente di Polizia locale. L’obiettivo dell’amministrazione comunale è quello di potenziare l’organico del corpo. A fronte di un solo posto di lavoro messo a disposizione, sono stati tuttavia ammessi alla prova 133 candidati. E altri undici aspiranti avevano presentato il loro curriculum all’ente locale, ma per vari motivi sono stati ritenuti poi non idonei alla prova di preselezione.

Il numero così elevato di candidature fa pensare naturalmente a quanta fame di un posto di lavoro fisso sia diffusa tra i giovani – e non solo – italiani. L’avviso era stato pubblicato dal Comune l’8 agosto scorso ed evidentemente ha riscosso notevole interesse nonostante sia rimasto online per soli trenta giorni, in periodo di ferie. Una scorsa informale ai nominativi degli aspiranti vigili urbani, pubblicati all’albo pretorio municipale, lascia intuire come diversi non siano del posto: molti sono insomma persone residenti in altre municipalità (presumibilmente non tutte vicine), evidentemente disponibili a trasferirsi.

Tra i vari requisiti richiesti per essere ammessi alla selezione, il Comune aveva indicato anche i seguenti: essere in possesso della cittadinanza italiana; avere compiuto 18 anni e non superato i 45 anni alla data di scadenza del bando (salvo che per gli ex militari o appartenenti alle forze dell'ordine); non avere riportato condanne che rendano impossibile l'assunzione in una pubblica amministrazione, o altri carichi pendenti. I candidati devono possedere un diploma superiore quinquennale, nonché le patenti A e B in corso di validità (anche se il mancato possesso della patente A non costituirà causa di esclusione).

Gli aspiranti dovranno inoltre essere idonei dal punto di vista psico-fisico; non essere obiettori di coscienza e dichiararsi disponibili a portare le armi d'ordinanza. La selezione vera e propria sarà fatta con una prova d'esame. L'esame consisterà in una prova scritta, una teorico-pratica ed una orale. Le materie verteranno sul diritto penale ed amministrativo. La prima prova, lo scritto, è fissata per il 17 ottobre prossimo.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista