Quotidiani locali

san giorgio di mantova

Associazione allevatori, dieci dipendenti a casa

Licenziamento collettivo e prepensionamenti. Chiusa Ama Consulting: il settore era in rosso

MANTOVA. L’Associazione Mantovana Allevatori ha avviato ieri le procedure di licenziamento collettivo per 7 dipendenti, ai quali si aggiungono altre tre procedure individuali. L’avviso è stato dato ai sindacati che avvieranno da subito trattative.

La riorganizzazione interna è stata decisa per frenare l’emorragia di bilancio del settore di consulenza, l’Ama consulting, che rischiava di minare pericolosamente la solidità economica dell’intera Associazione con 69 dipendenti. La manovra è stata decisa a livello cale, anche se preoccupazione resta sul fronte sindacale che in questi mesi ha assistito a tagli delle sedi associative decise dall’Aia (Associazione italiana allevatori) a livello nazionale.

La scarna comunicazione parla di avvio della procedura di licenziamento collettivo per i 7 dipendenti dell’Ama Consulting, mentre altri 3 dipendenti diretti dell’Apa saranno lasciati a casa due con prepensionamento a fine 2018 ed il terzo con accordo volontario.

«Purtroppo era un po’ che dovevamo prendere questa decisione – spiega il presidente dell’Associazione mantovana allevatori Roberto Chizzoni – il settore della consulenza era purtroppo in perdita da tempo e questo con il tempo rischiava di creare un appesantimento rischioso del bilancio. Abbiamo dovuto sacrificare questi posti di lavoro per salvare gli altri 50 ed oltre. Ovviamente è una decisione che non abbiamo preso a cuor leggero. Si tratta di dipendenti che hanno lavorato con noi da tempo, alcuni anche 25 anni e posso dire che prima d i fare questa dolorosa scelta abbiamo tentato tutte le strade possibili. Purtroppo anche i contributi che arrivavano dallo Stato si sono ridotti mediamente del 10% l’anno e questo non ci ha lasciato molti margini di manovra».

«Per noi è un fulmine a ciel sereno – spiega Marco Volta della Flai Cgil – perché la sede di Mantova ci è sempre stata detta che era garantita. Avvieremo al più preso le trattative».

Sul caso interviene anche Sara Palazzoli, segretario nazionale della Flai Cgil. «Si tratta dell’ennesimo colpo ai lavoratori impiegati nel sistema allevatoriale, duramente colpiti negli ultimi anni. La procedura avviata dalla Associazione Mantovana si aggiunge ad altre situazioni critiche che si sono o si stanno consumando in altre regioni. L'ennesima apertura di procedura di licenziamento è la dimostrazione che il sistema allevatori è alla deriva. Dopo Sicilia, Lazio ed il commissariamento di Cremona ora assistiamo a questa riduzione a Mantova, nel cuore della zona lattiera. Purtroppo non c’è una strategia e un progetto. Si colpisce a macchia di leopardo e, secondo noi, alla cieca».
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista