Quotidiani locali

Botta e risposta sugli incassi in calo

La minoranza accusa: «Previsioni sbagliate». La replica: «Meno auto? Bene così»

La riduzione degli incassi dalle strisce blu ha infiammato il consiglio comunale di ieri sera. «A causa dei tanti cantieri in città che hanno tolto posti auto a pagamento e dell’aumento dell’utilizzo dei parcheggi gratuiti, testimoniato dall’incremento dei passeggeri sulle navette del campo canoa e del Te, nelle nostre casse arriveranno da Aster 370mila euro in meno del previsto» dice l’assessore Buvoli nell’illustrare la variazione di bilancio che, tra l’altro, compensa proprio quella mancata entrata.

«Però - spiega - si può anche rinunciare all’aspetto economico se il beneficio è dal punto di vista ambientale, visto l’aumento dell’utilizzo dei bus navetta». Non è d’accordo l’opposizione: «È la politica per la sosta che è completamente sbagliata» replica il capogruppo di Forza Italia Baschieri snocciolando i dati sulle perdite (dagli 860mila euro incassati nel 2009 si è passati ai 500mila del 2017: «530mila» lo corregge Buvoli che dice di aver sentito Aster). «La politica della sosta dell’assessore Rebecchi - incalza Baschieri - è basata solo sull’aumento delle tariffe. Non credo che la diminuzione degli incassi sia dovuto per 250mila euro all’aumento del bus navetta (100mila sono dati dai posti blu in meno a causa del cantiere di Pradella); il fatto è che su questa posta sono sbagliate le stime di entrata». Intenso fuoco di fila della maggioranza a difesa della giunta. Il capogruppo dei gialli Provenzano: «La scelta di istituire le navette è stata saggia e apprezzata dalla gente. Continueremo ad appoggiare le scelte per una mobilità più sostenibile».

«La variazione di bilancio - fa eco il capogruppo del Pd Pasetti - serve anche per fare cose in più di quelle previste» ed elenca la ciclabile di Pompilio, la riqualificazione dell’area del vecchio ospedale «e i tanti lavori previsti sugli impianti sportivi». Anche Squassabia dei gialli definisce «positivo il calo degli introiti dalla sosta associato ad una città più accessibile». Longfils lo contesta: «Fino al venerdì sui bus navetta non c’è nessuno».

La delibera è passata col sì della maggioranza, il no di Lega, Forza Italia, de Marchi e della bulbarelliana Badalucco; astenuti il bulbarelliano Irpo e M5S. (Sa.Mor.)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics