Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Arte e solidarietà, l'inno alla vita nel nome di Fulvio

Le offerte in ricordo del giovane modello morto a 28 anni alla cooperativa Bucaneve che assiste i disabili 

CASTEL GOFFREDO . Il ricordo di Fulvio Gallina, morto a soli 28 anni di malattia, a distanza di giorni dalla sua scomparsa emoziona ancora. Tanto il dolore provato dalla famiglia e da parenti e amici. Ma tra le pieghe di questa tragedia s’insinua ora anche una storia che commuove e infonde speranza. La famiglia di Fulvio aveva chiesto di ricordare e omaggiare il giovane non con fiori, ma con offerte alla cooperativa Bucaneve di Castel Goffredo. Un ente ben conosciuto che offre  sostegno alle persone con disabilità, e al quale anche in passato la famiglia Gallina, in modo silenzioso e discreto, non ha mai mancato di offrire il suo aiuto. Lo ha fatto anche ora, in un momento tanto doloroso e difficile come la prematura scomparsa di Fulvio.

«La perdita di un figlio è una ferita profonda e insanabile – dice Roberta, referente della Bucaneve – travolge e sconvolge, mettendo in discussione qualsiasi certezza, qualsiasi prospettiva di futuro. Eppure, proprio in questa circostanza, questa famiglia ha scelto di onorarne la memoria raccogliendo fondi a favore della nostra cooperativa. Un gesto di grande solidarietà e un vero inno alla vita. Le generose donazioni raccolte non solo legano in modo indissolubile il ricordo di Fulvio all’impegno della cooperativa, ma rendono davvero possibili nuovi progetti e incoraggiano tante pregevoli iniziative, come la mostra “Ruba l’Arte”, realizzata alla Galleria Bazzani a Castel Goffredo proprio in questi giorni. Un viaggio attraverso il colore che dà voce alle qualità artistiche e alla grande sensibilità dei ragazzi disabili della cooperativa».



Un’iniziativa, continua Roberta, «a cui Bucaneve ha dedicato tante energie e che vogliamo credere anche Fulvio possa apprezzare, vista la sua grande passione per la moda, l’arte, il design. Siamo molto vicini alla sua famiglia e la loro scelta non solo ci onora e ci rende profondamente grati, ma ci esorta anche a continuare a dare il massimo per i disabili e le famiglie che assistiamo e per l’intera comunità. Il talento, il sorriso e il coraggio che hanno sempre contraddistinto Fulvio sono e saranno sempre per la cooperativa un importante stimolo e una preziosa testimonianza di come e quanto, anche in mezzo alla tempesta, si possa dare un senso e un valore al proprio tempo, al proprio cammino».

Sono sempre di più i disabili e le famiglie in cerca di aiuti che si rivolgono e si affidano a realtà impegnate in ambito sociale ed assistenziale, come la cooperativa Bucaneve. I bisogni a cui è necessario far fronte sono di fatto molteplici, e le problematiche, le esigenze che emergono sono sempre più specifiche ed urgenti e l’aiuto della collettività si rivela ogni giorno sempre più necessario e vitale.