Quotidiani locali

Caduti in Russia, una pergamena ricordo

Ricordare, attraverso la consegna di un piccolo ma significativo attestato, la memoria di quegli uomini che, inviati ad invadere l’Unione Sovietica, oltre settant’anni fa cadevano sotto il fuoco...

Ricordare, attraverso la consegna di un piccolo ma significativo attestato, la memoria di quegli uomini che, inviati ad invadere l’Unione Sovietica, oltre settant’anni fa cadevano sotto il fuoco nemico e per il gelo. La cerimonia commemorativa, in ricordo dei soldati nella campagna di Russia tra il 1941 e il 1954, nella quale hanno perso la vita 1.120 mantovani (di cui 74 del comune capoluogo) si è svolta a Palazzo Soardi.

La pergamena è andata ai familiari di Giorgio Bini, Attilio Buttarelli, Mario Costa, Bruno Falavigna, Alfredo Ferrari, Alceo Gorni, Giovanni Luppi, Luigi Muratori, Lorenzo Pasini, Ferdinando Perondini, Martino Porzani, Lesfore Regattieri, Bruno Rossi, Valter Scaravelli, Ottorino Sgarbi, Quinto Speciga, Alfredo Sutti e Mario Tranquilli. «Oggi qui si porta a conclusione un piccolo progetto iniziato anni fa con la collaborazione del mio predecessore, Giuliano Longfils, che iniziò la prima ricerca nei servizi demografici, conclusasi qualche mese fa, per rintracciare i parenti dei defunti» ha spiegato il presidente del consiglio comunale Massimo Allegretti. «Di quei 230mila uomini, circa un terzo non fece mai più ritorno a casa. Noi oggi ne ricordiamo la indicibile sofferenza umana. Senza memoria una comunità rischia di perdere e smarrire il significato e il senso profondo della propria identità culturale e civile. Non avere memoria significa distruggere la base della nostra identità».

«La ricerca dei caduti nel territorio dell’ex Unione sovietica è iniziata già nel 1983 grazie alla parrocchia di San Giorgio di Mantova con i cappellani militari Monsignor Enerio Franzoni e Natale Traversa» ha sottolineato il presidente del Gruppo di ricerca dei Caduti in Urss San Giorgio Domenico Morandi.

Luca Scattolini

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista