Quotidiani locali

Gli invalidi di guerra hanno il monumento

È stato inaugurato ieri mattina al cimitero degli Angeli il monumento a ricordo dei mutilati e degli invalidi di guerra della provincia di Mantova. Nell’occasione è stato presentato anche il nuovo...

È stato inaugurato ieri mattina al cimitero degli Angeli il monumento a ricordo dei mutilati e degli invalidi di guerra della provincia di Mantova. Nell’occasione è stato presentato anche il nuovo labaro dell’omonima associazione ideato da Emineda Zupani, allieva del liceo artistico Giulio Romano. Madrina della cerimonia Giuseppina Capelli, figlia del grande invalido colonnello Vincenzo Capelli, medaglia d’oro al valor militare.

Presenti rappresentanze delle associazioni del Nastro azzurro, dei carabinieri e degli alpini in congedo. Tra le autorità per il comune di Mantova, l’assessore Andrea Caprini e il sindaco di Pomponesco Giuseppe Baruffaldi. La presidente provinciale dell’Anmig, Caterina Moccia oltre a ringraziare tutti quelli che hanno contribuito alla realizzazione del monumento «pietra viva della memoria» non ha nascosto le difficoltà incontrate per «la burocrazia comunale e la mancanza di conoscenza dell’esistenza della nostra associazione».

L’idea del monumento, posizionato a lato del mausoleo dei caduti della Grande guerra e a fianco di quello ai deportati nei lager, nasce nel 2012 e giunge a conclusione nel centenario dell’associazione fondata il 29 aprile 1917. Don Giorgio Dall’Oglio oltre a impartire la benedizione ha letto il messaggio del vescovo Marco Busca. Al termine distribuito il libro “Il valore di un sodalizio” di Nora De Giacomo e un fascicolo con i medagliati invalidi mantovani curato da Claudio Saccani e Paolo Cerchiari. (v.da.)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista